testata ADUC
Paesi più poveri. Nigeria sta per superare India. Che fare. Rapporto Banca Mondiale
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
20 settembre 2018 0:28
 
  La Nigeria sta per diventare, se non lo ha già fatto, il Paese con il maggior numero di persone che vivono in estrema povertà nel mondo, cioè quelli che vivono con meno di 1,9 dollari al giorno. Ciò è confermato dalle ultime proiezioni della Banca mondiale, pubblicate questo mercoledì 19 settembre. Secondo questi calcoli per il 2018, il Paese africano ha 99,2 milioni di poveri nel 2018 rispetto agli 86,5 che aveva nel 2015. Con questo aumento finisce in testa alle classifiche, visto che l'India, che era andata oltre i 175,7 milioni nel 2015, è a 96,7 milioni quest'anno. Inoltre, la velocità con cui nel mondo è in atto la riduzione della povertà negli ultimi decenni, ha subito un rallentamento e gli esperti avvertono che non è sufficiente a perdere fino al 3% entro il 2030, un obiettivo fissato dalla Banca mondiale in linea con gli impegni presi con la firma degli obiettivi di sviluppo sostenibile nel 2015. Nonostante i progressi, in quell'anno c'erano ancora 735,9 milioni di persone in questa situazione, il 10% della popolazione.
Questi dati e previsioni fanno parte di questo rapporto 2018 su povertà e prosperità: mette insieme il puzzle della povertà, che uscirà il 17 ottobre, giornata mondiale contro la povertà, ma i principali risultati sono stati pubblicati al fine di metterli all’ordine del giorno poco prima della 73a Assemblea Generale delle Nazioni Unite, che si svolge tra il 18 e il 30 settembre a New York. I risultati sono stati ottenuti con dati del 2015, non 2018, a causa della mancanza di rilevamenti annuali, in quanto questi sono ottenuti attraverso indagini a domicilio da 164 paesi ogni tre-cinque anni. Ma se la crescita economica e le proiezioni demografiche vengono studiate insieme, è possibile prevedere il tasso di povertà globale nel 2018 e la situazione nel 2030.
Nel 2015, i paesi firmatari degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile erano ottimisti sul loro impegno a porre fine alla povertà estrema. C'erano motivi per credere che sarebbe stato possibile, perché il mondo era progredito come non mai: se nel 1990 c'erano 1.900 milioni di poveri, nel corso di un quarto di secolo, 1.100 persone erano sfuggite a questa situazione e miglioravano la loro qualità della vita. Ma ora la ricerca della Banca Mondiale attira l'attenzione sul rallentamento del ritmo in atto: tra il 2011 e il 2013 la povertà è scesa di 2,5 punti percentuali (più di un punto all'anno), tra il 2013 e il 2015 il calo era solo 1,2 punti percentuali (0,6 all'anno) e, da allora, supponendo che i Paesi cresceranno a un tasso simile a quello del passato, la stima è di 1,4 punti in tre anni, che è inferiore a mezzo punto annuale.
Il motivo per cui questo decelerazione si sta verificando è, principalmente, la crescente concentrazione di povertà estrema nelle regioni meno avanzate. Negli anni '90, più della metà dei poveri si trovava nell'Asia orientale e nel Pacifico, ma con il rapido miglioramento della Cina, l'attenzione si è spostata sull'Asia meridionale nel 2002 (principalmente in India e Bangladesh) e si è fermata nell'Africa sub-sahariana a partire dal 2010. "L'Asia orientale e l'Asia meridionale sono riuscite a crescere più velocemente e, inoltre, sono stati coinvolte più efficacemente nella riduzione della povertà, mentre i progressi nell'Africa subsahariana sono stati un po' più bassi e, soprattutto, non hanno raggiunto quelli che si trovano nella parte più bassa della distribuzione del reddito", afferma Carolina Sánchez-Páramo, direttrice dell'unità per la povertà della Banca Mondiale.
La buona notizia è che, dei 164 Paesi monitorati dalla Banca mondiale, oltre la metà (84) aveva già raggiunto livelli inferiori al 3% nel 2015. La cattiva notizia è che ora ci sono alcuni Paesi con grandi quantità di poveri, e Il numero di Paesi in cui si sono verificati cali significativi si sta contraendo. Dei 27 Stati più svantaggiati del mondo, 26 sono nell'Africa sub-sahariana. "La natura della crescita è diversa in molti Paesi africani perché c'è un predominio dell'economia dei settori legati alla produzione di materie prime: cresce rapidamente ma non c'è occupazione, non giova alla popolazione generale e, di conseguenza, la crescita è meno inclusiva", dice Sánchez-Páramo.
Africa sub-sahariana e Paesi in conflitto
Nel 2002, l'Africa sub-sahariana ospitava un quarto dei poveri del mondo, ma nel 2015 ce ne sono stati più che nel resto del mondo: 413,3 milioni. Un fattore è l'aumento della popolazione. I più poveri tendono a vivere in grandi famiglie con membri economicamente più dipendenti da un adulto in età lavorativa. Nel resto del mondo questo rapporto sta diminuendo, ma nei Paesi africani rimane.
Inoltre, il calo della mortalità al di sotto dei cinque anni è stato combinato con un piccolo calo dei tassi di fertilità, che ha causato tassi di crescita della popolazione africana più elevati rispetto al resto del mondo: oggi, il 60% di africani ha meno di 25 anni e la popolazione dovrebbe raddoppiare entro il 2050. In effetti, rapporti recenti come quello pubblicato questa settimana dalla Fondazione Bill & Melinda Gates dann credito allìipotesi che entro il 2050 l'86% dei poveri sarà concentrata lì.
Nel caso della Nigeria, il fattore demografico influenza, in quanto è un Paese molto grande con una grande popolazione - circa 190 milioni di persone - ma anche la natura della sua crescita economica: è un Paese ricco di risorse naturali e la prima economia africana, ma non esiste una distribuzione equa dei benefici. In effetti, nel 2017, la Nigeria si è classificata in fondo a un elenco di 152 Paesi classificati in base al loro impegno a ridurre le disuguaglianze sviluppate dall'ONG Oxfam e dallo Development Finance International. "È difficile progredire se c'è un'assenza di politiche adeguate", afferma Sánchez-Páramo.
In Nigeria, la presenza del gruppo terroristico Boko Haram, che ha distrutto intere città, ha collassato le economie e causato lo sfollamento di 2,3 milioni di persone, secondo l'UNHCR, l'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati. In effetti, esistono prove che suggeriscono che la povertà estrema sarà sempre più associata alla fragilità e ai conflitti istituzionali. Secondo la Banca Mondiale, la maggioranza (54%) di coloro che vive in contesti fragili e di conflitti nel 2015 si trova anche nell'Africa sub-sahariana. In quell'anno, il tasso di povertà in 35 Paesi colpiti era del 35,9% (rispetto al 34,4% nel 2011). L'esempio di questo effetto si trova in Medio Oriente e Nord Africa, perché qui il tasso è passato dal 2,6% nel 2013 al 5% nel 2015 e il numero di persone colpite è salito da 9,5 milioni nel 2013 a 18,7 milioni nel 2015 a causa delle guerre in Siria e Yemen. "È un promemoria sul fatto che i buoni risultati del passato non possono essere presi come garanzie", indica il rapporto della Banca Mondiale.
In generale, esiste una correlazione negativa tra povertà e forza delle istituzioni. Nei Paesi più sfavoriti c'è meno accesso ai servizi finanziari, un clima economico più precario, uno stato di diritto più debole e una maggiore percezione della corruzione. "Siamo preoccupati che queste persone non solo abbiano livelli di consumo e di reddito molto bassi, ma soffrano anche di un'altra serie di carenze non monetarie che influenzano la loro capacità di ottenere un impiego", aggiunge Sánchez-Páramo. Per cominciare, la mancanza di accesso a scuole e istruzione di qualità, che limitano la loro formazione. Inoltre, l'assenza di centri e servizi sanitari, che porta alla malnutrizione e alla comparsa di problemi di salute che impediscono il lavoro. Non meno importanti sono i limiti nella qualità dell'acqua e nei servizi igienico-sanitari o la capacità di accedere ai mercati. "Queste persone non solo non hanno reddito, ma affrontano anche una serie di problemi che si rafforzano a vicenda e rendono difficile per loro uscire dalla povertà in modo sostenuto", dice.
"Se vogliamo porre fine alla povertà entro il 2030, abbiamo bisogno di molti più investimenti, in particolare nella costruzione del capitale umano, per contribuire a promuovere la crescita inclusiva che sarà necessaria per raggiungere tutti i poveri". “Per il loro bene, non possiamo fallire", ha detto il presidente del Gruppo della Banca Mondiale Jim Yong Kim.
Cosa fare?
Il rappresentante della Banca Mondiale precisa che ci sono due scenari di crescita economica.
Nel primo, tutti ne beneficiano allo stesso modo: un Paese cresce e il reddito di tutti i suoi abitanti cresce allo stesso modo. Attraverso questa direzione, l'obiettivo fissato per il 2030 potrebbe essere raggiunto ma con un tasso di crescita molto alto: 8%. "E non è fattibile, non è mai successo", dice.
Nel secondo, quelli che si trovano nella parte più bassa della distribuzione beneficiano di più: il 40% della popolazione più povera di ciascun Paese. Per raggiungere l'obiettivo del 2030, sarebbero necessari tassi più alti nel 40% più povero "per accorciare le distanze", aggiunge Sánchez-Páramo, mentre il resto dovrebbe progredire al ritmo del 6% all'anno. "Non è impossibile, si può pensare a politiche che muovano in quella direzione, concentrando molto l'attenzione e le energie dei governi e delle istituzioni su politiche più vulnerabili e su progettazioni molto orientate verso di loro".
In questo senso, una nuova ricerca del Overseas Institute Development, “Finanziare la fine della povertà estrema”, ha calcolato che tra i Paesi più poveri c'è un deficit finanziario di 125.000 milioni di dollari l'anno per salute, istruzione e protezione sociale, che sono fondamentali per ridurre la povertà estrema e non rimanere sottofinanziati. Il rapporto, che insiste anche sulla focalizzazione degli aiuti nei Paesi più poveri per raggiungere l'obiettivo impegnato entro il 2030, prevede che in questo momento almeno 400 milioni di persone rimarranno estremamente povere se non verrà intrapresa alcuna azione per porvi rimedio.
Sebbene l'aumento delle tasse potrebbe colmare questa lacuna nella maggior parte dei Paesi a reddito medio, i Paesi precari avranno bisogno di ulteriore aiuto. "La povertà estrema potrebbe essere eliminata nei prossimi 12 anni se tutti i donatori riassegneranno gli aiuti a coloro che ne hanno più bisogno e si impegneranno a raggiungere l'obiettivo delle Nazioni Unite di fornire lo 0,7% del PIL", afferma Marcus Manuel, autore del rapporto.

(articolo di Lola Hierro, pubblicato sul quotidiano El Pais del 19/09/2018)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori