testata ADUC
Ogni anno si perdono boschi della dimensione del Regno Unito. Studio
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
19 settembre 2019 7:16
 
 Il proposito storico nel 2014 era di ridurre della metà la perdita annuale di foreste naturali entro il 2020 e di raggiungere la deforestazione zero entro il 2030. Ma cinque anni dopo, il paesaggio sembra desolante: il tasso di perdita annuale di copertura degli alberi cresce del 43% e raggiunge 26,1 milioni di ettari all'anno, la dimensione approssimativa del Regno Unito. Negli ultimi due decenni, sono stati ripristinati appena 26,7 milioni di ettari di foresta, praticamente l'area degli alberi persi in un solo anno. Questi sono i risultati che sono stati rilevati dallo studio “Cinque anni dopo la Dichiarazione di New York sulle foreste”, quando mezzo centinaio di governi, oltre 50 multinazionali e molte altre organizzazioni della società civile e popolazioni indigene hanno iniziato a firmare il testo promosso al vertice sul clima del 2014 per arrivare ad un compromesso che ora è stato rotto. "Le misure che sono state applicate non sono abbastanza ambiziose, non abbiamo visto grandi azioni per un cambiamento sistemico", afferma Stephanie Roe, scienziata ambientale e collaboratrice del rapporto, coordinata da Climate Focus e condotta da 25 organizzazioni della società civile, partner di valutazione delle dichiarazioni e centri di ricerca.

"A questo ritmo non raggiungeremo il rimboschimento di 150 milioni di ettari come approvato nella Bonn Challenge entro il 2020, né altri 200 milioni in più impegnati nella dichiarazione di New York fino al 2030", prevede la ricercatrice. E la chiave non è solo nel ripristino delle foreste, che secondo gli esperti, "è essenziale" sia usata come misura aggiuntiva, ma non come alternativa per fermare la sua scomparsa. I risultati indicano che è "particolarmente preoccupante la perdita di foreste tropicali primarie incontaminate e insostituibili (con oltre 40 anni). "Anche il loro tasso di scomparsa è aumentato di oltre il 40%, che equivale a 4,3 milioni di ettari all'anno." Non è lo stesso perdere alberi autoctoni, con tutta la biodiversità che accumulano e il carbonio che assorbono, ché li abbattono e ne piantano di nuovi in ??un altro posto", afferma Roe.

Le foreste, che coprono il 30,7% della superficie terrestre (4.000 milioni di ettari) e ospitano oltre l'80% di tutte le specie terrestri di animali, piante e insetti sotto le loro foglie, sono terminate; e si perdono preziosi giacimenti di carbonio per combattere i cambiamenti climatici. La dichiarazione di New York conclude che, se i suoi obiettivi fossero raggiunti, le emissioni di carbonio verrebbero ridotte tra 4.500 e 8.800 milioni di tonnellate all'anno. Ma la sua funzione va oltre: tre quarti dell'acqua dolce accessibile del Pianeta provengono da bacini fluviali boscosi; le foreste trattengono il suolo dall'erosione e forniscono cibo per l'uomo e gli animali, principi medicinali e carburante per alimenti e riscaldamento nelle aree svantaggiate, oltre a rappresentare il 20% del reddito della popolazione rurale nelle aree forestali in Paesi in via di sviluppo

"Il principale fattore di deforestazione dal 2014 è stato il disboscamento per l'agricoltura, compresa la produzione su scala industriale di prodotti di base come carne di manzo, soia e olio di palma", afferma il rapporto, i cui titoli indicano la posizione degli esperti: protezione e ripristino delle foreste: una storia di grandi impegni, ma con progressi limitati. "L'incapacità delle aziende ... di rispettare gli impegni per eliminare la deforestazione nelle loro catene di approvvigionamento contribuisce alla crisi forestale", si legge nel testo. "Ci sono alcune aziende che hanno adottato alcune misure in alcuni punti di alcuni dei prodotti che vende, ma ciò che è necessaria è un'azione collettiva del settore e in confluenza con le politiche pubbliche", afferma Roe. Miglioramenti nella governance delle foreste, rafforzamento delle leggi, incentivi, tasse, monitoraggio dei Paesi produttori o regolamentazione della domanda da parte dei consumatori sono altre misure proposte. "È chiaro che la riduzione della deforestazione va oltre i governi. È responsabilità di tutti, multinazionali, grandi e piccoli agricoltori, soggetti coinvolti nelle catene di approvvigionamento, consumatori ..." afferma Thais Linhares, capo della Governance forestale ed economica dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO).
"Sebbene siano stati compiuti progressi, non vediamo i risultati con la velocità e l'efficienza di cui abbiamo bisogno", aggiunge Linhares, che sottolinea l'importanza di promuovere maggiori finanziamenti per raggiungere gli obiettivi della dichiarazione. "È necessario investire nel monitoraggio, nella gestione delle foreste in modo sostenibile e informare i consumatori sull'acquisto di prodotti legali e sostenibili", esemplifica il funzionario delle Nazioni Unite, dove ha sviluppato lo strumento REDD+ per ridurre le emissioni dovute alla deforestazione e degrado delle foreste. "Il problema non è quello di evitare il consumo di prodotti che provengono dalla foresta, al contrario, possono anche essere la chiave per la loro conservazione e promuovere l'occupazione nella zona, ma devono essere gestiti in modo sostenibile", aggiunge Linhares.

Come hanno già indicato precedenti rapporti delle Nazioni Unite e di altre istituzioni, ciò influisce anche sulla raccomandazione di cambiare le abitudini alimentari in modo che si rivolgano a diete sostenibili e a base vegetale "tra i ricchi" e una riduzione delle perdite e rifiuti alimentari, che rappresentano un terzo della produzione per l'uomo. "Le principali cause della deforestazione, soprattutto ai tropici, sono principalmente al di fuori del settore forestale, sono più legate all'espansione dei prodotti agricoli per i mercati dei Paesi occidentali e delle economie emergenti", ha affermato Lukas Giessen, scienziato di Forest Governance dell'European Forest Institute e Georg Winkel, responsabile dei programmi di resilienza presso la stessa istituzione.

Ma il rapporto non si basa solo sul cibo, si prevede anche che la domanda globale di estrazione mineraria e di petrolio e gas aumenterà "in modo significativo" nei prossimi decenni. "La mancanza di alternative di sostentamento tra le persone povere e l'aumento della pressione demografica possono anche influenzare la perdita di massa forestale", aggiunge. Secondo il rapporto FAO sullo stato delle foreste del 2016, l'agricoltura commerciale su larga scala provoca circa il 40% della deforestazione nei tropici e subtropicali; agricoltura di sussistenza locale, 33%; l'infrastruttura, il 10%; espansione urbana, 10%; e mining, 7%.

In ogni caso, senza monitoraggio, la situazione può essere difficilmente valutata e gli esperti determinano "l'assenza di dati e trasparenza" per studiare i progressi nel raggiungimento di questi obiettivi. Il rapporto mostra che nessuna delle società più influenti al mondo in operazioni relative alle foreste ha in programma di impegnarsi per rispettare gli impegni entro il 2020, e che le società con impegni già assunti solo l'8% ha pianificato la totale eliminazione della deforestazione che copre tutte le sue filiere e operazioni. “Le iniziative non dovrebbero mirare solo all'azione simbolica e al riciclaggio di immagini ecologiche di aziende o industrie private, ma anche a impatti reali sul terreno. Qui è di vitale importanza che non vengano implementate solo attività concrete, ma che i loro impatti siano monitorati in modo trasparente. Sono necessarie ricerche indipendenti in tutti i continenti per fornire le conoscenze essenziali per garantirle”, hanno affermato Giessen e Winkel.

(articolo di Angeles Lucas, pubblicato sul quotidiano El Pais del 18/09/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori