testata ADUC
Nel Sahel il 'virus della fame' minaccia milioni di persone
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
20 luglio 2020 14:33
 
Il Sahel deve affrontare un rischio di carestia senza precedenti. Mentre questa regione dell'Africa occidentale è già stata la scena della crisi alimentare più devastante del mondo negli ultimi dieci anni, la minaccia è ora più urgente che mai. Con lo scoppio della violenza jihadista e intercomunitaria nel Mali centrale e nel nord del Burkina Faso, l'accelerazione del riscaldamento globale - 1,5 volte più veloce della media mondiale -, la persistenza di problemi di governo statale locale, si è aggiunto per cinque mesi, il Covid-19. Nella regione, i volontari delle associazioni umanitarie lo hanno ribattezzato "il virus della fame".
"Tutte le conseguenze delle misure anti-Covid-19 messe in atto dagli Stati del Sahel sono state sottovalutate", ha dichiarato Alexandra Lamarche, specialista regionale presso la ONG Refugees International. Il World Food Program (WFP) ha stimato che 3,9 milioni di persone nel Sahel centrale saranno insicure in questa stagione. Oggi siamo 5 milioni. Per prevenire la pandemia, gli Stati del Sahel (Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania, Niger, Nigeria e Senegal) hanno messo in atto misure forti: chiusura dei confini, a volte mercati e luoghi frequentati, coprifuoco, allontanamento sociale e limitazione della mobilità. Una risposta efficace, che ha contribuito a frenare la contaminazione, ma che ha avuto un effetto perverso sulle economie e sul sistema agro-pastorale, che impiega 25 milioni di saheliani.
Da giugno a settembre, la stagione delle piogge coincide con la stagione magra. I granai sono quasi vuoti e ci stiamo preparando a seminare. "Ma il Covid-19 ha reso più difficile l'accesso ai semi", spiega Coumba Sow, coordinatrice della resilienza presso l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO). La chiusura dei mercati e dei confini ha impedito agli agricoltori di ottenere forniture sufficienti da piantare per la stagione successiva. Ha inoltre ostacolato la capacità di vendere i propri beni, portando a una significativa perdita di reddito. La scarsità di prodotti, molti dei quali non potevano essere portati ai punti di vendita, ha fatto salire i prezzi dei prodotti alimentari locali importati, dal 10% in Mali, fino al 30% in Nigeria.

Nuovi conflitti locali
Le frontiere chiuse bloccano i camion, a volte per diversi giorni. "I carichi di cibo stanno marcendo nella parte posteriore dei veicoli bloccati tra Senegal e Mali o Niger e Ciad", afferma Alexandra Lamarche. È probabile che la situazione peggiori fino alla fine di ottobre, quando la stagione delle piogge trasforma le strade del Sahel in stagni impraticabili. "I governi devono garantire la libertà di movimento ed evitare blocchi stradali per garantire la catena alimentare e umanitaria".
Per quanto riguarda i nomadi pastorali, l'incapacità di accedere ai corridoi di transumanza, che spesso attraversano i confini statali, mette a dura prova la loro sopravvivenza economica. Molti animali non possono essere venduti il 31 luglio, durante il festival delle pecore musulmane, il Tabaski, una fonte essenziale di reddito per le famiglie pastorali.
La chiusura dei confini porta anche alla concorrenza per l'accesso al foraggio e all'acqua. Raggruppare le mandrie attorno ai punti di irrigazione favorisce la diffusione della malattia. "L'Africa occidentale senza Covid soffrirà comunque della mancanza di pascolo, ma con le restrizioni alla mobilità le cose sono peggiorate", afferma Coumba Sow. Quando gli animali soffrono, le persone soffrono di più. Già forti nella regione, le tensioni tra allevatori e agricoltori porteranno sicuramente a nuovi conflitti locali nei prossimi mesi. Mali, Burkina Faso e Niger rappresentano già 1,3 milioni di sfollati interni a causa della violenza tra comunità e terrorismo.

"Questo impatto sulla fame è strutturale"
“Questo impatto sulla fame è strutturale. La crisi di Covid l'ha accentuata, sostiene Jean-François Riffaud, direttore generale dell'azione contro la fame. E solleva la questione della capacità degli Stati di garantire un minimo di protezione per i cittadini. I semi sono di difficile accesso, nelle mani di grandi gruppi, soggetti a speculazioni. Dobbiamo proteggere questo bene universale comune. La crisi di Covid mostra che il nostro sistema alimentare globale è disfunzionale. Potrebbe alimentare gli 800 milioni di persone che muoiono di fame se non sprechiamo il 30% di ciò che produciamo. È solo attraverso una risposta più localizzata che possiamo sostenere le popolazioni verso la sovranità alimentare."
Di fronte al disastro in corso, la comunità internazionale rimane fiacca. "I nostri stati sono concentrati sull'impatto della crisi sulle loro stesse economie", continua Riffaud. Nulla giustifica fare così poco quando gestisci uno stato come la Francia. La responsabilità della sicurezza alimentare non spetta solo alle ONG."
Nella risposta di emergenza umanitaria al Sahel, definita tale dalle Nazioni Unite per il 2020, solo i donatori hanno pagato il 26% dei 2,8 miliardi di dollari richiesti. “Abbiamo bisogno di un impegno più serio. La risposta di sicurezza di [Operation] "Barkhane" o del G5 Sahel ha enormi budget in relazione agli aiuti alimentari", ha dichiarato Alexandra Lamarche. A maggio, il WFP ha stimato che circa 4,8 milioni di saheliani avevano bisogno di assistenza alimentare d'emergenza. "Ora si ritiene che questi numeri siano raddoppiati o addirittura triplicati", aggiunge.

(articolo di Matteo Maillard, corrispondente da Bamako, pubblicato sul quotidiano Le Monde del 20/07/2020)

 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori