testata ADUC
Morire di fame nel sud del Madagascar
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
28 novembre 2020 19:58
 
Le popolazioni del Madagascar meridionale sono destinate a soffrire la fame? Il generale Elak Olivier Andriakaja, direttore dell'Ufficio nazionale per la gestione dei rischi e dei disastri (BNGRC), è arrivato ad Ampanihy, giovedì 19 novembre, alla testa di un convoglio di quattro camion pieni di cibo per effettuare ulteriori distribuzioni di cibo. Un mese fa, la morte di sei bambini in un villaggio non lontano da questo distretto capoluogo della regione Atsimo-Andrefana ha sconvolto il Paese, sollevando improvvisamente agli occhi di tutti il familiare spettro della carestia che “qui chiamiamo "kéré". "Stiamo facendo del nostro meglio, ma la crisi è generalizzata", osserva il militare responsabile del coordinamento delle operazioni di emergenza. “Vengono installati centri di riabilitazione nutrizionale e la popolazione viene contata per valutare con precisione i bisogni."

Anche le agenzie umanitarie descrivono una situazione di gravità senza precedenti da tempo. "Questa è l'Etiopia degli anni '80, ci sono persone a cui non è rimasto davvero nulla", dice Moumini Ouedraogo, direttore del Programma alimentare mondiale (WFP), consapevole del peso di questa specifica situazione.
Dalla città di Tulear a ovest a quella di Fort-Dauphin a sud-est, la pioggia non è caduta in alcuni parti da gennaio. Le scarse provviste sono state consumate, gli ultimi polli o utensili da cucina sono stati venduti al mercato e la stagione magra, che durerà fino ad aprile, è appena iniziata. Per nutrirsi, le famiglie devono accontentarsi di manghi ancora verdi, pezzi di cactus, tamarindi o radici selvatiche che devono essere cotti a lungo per eliminare il sapore amaro. Trovare l'acqua richiede di camminare per miglia. Oggi 1,5 milioni di persone hanno bisogno di assistenza, tre in più di quanto previsto a luglio dal WFP.

Siccità e coronavirus
Che cosa è successo? Oltre alla gravità della siccità, sono state avanzate diverse spiegazioni: villaggi molto remoti sono stati sorvegliati da una rete di allerta precoce descritta quasi all'unanimità come fallimentare. L'epidemia di coronavirus ha portato alla chiusura delle scuole, privando i bambini del loro pasto quotidiano più completo. E inoltre ha rallentato il funzionamento dei centri sanitari da cui dipendono le persone, già colpite più duramente che in altre regioni da malaria, diarrea o infezioni respiratorie.
Questo peggioramento della situazione è stato annunciato a maggio: "Le misure restrittive e di allontanamento sociale applicate a fine marzo hanno solo peggiorato la situazione sanitaria in generale e quella della malnutrizione acuta in particolare nelle aree analizzate. Con conseguenze negative sul sistema alimentare", conclude l'analisi della sicurezza alimentare pubblicata dal BNGRC.
Il numero di bambini a rischio di malnutrizione acuta entro la fine dell'anno è stato stimato in circa 120.000. Si teme che le nuove valutazioni attese nei prossimi giorni possano far crescere a dismisura questa cifra. Il documento ha anche evidenziato la situazione altamente critica nel distretto di Ambovombe, nella regione di Androy, più colpito dalla siccità.

Sulla “Big Island” dell'Oceano Indiano si moltiplicano le richieste di donazioni. All'estero, la diaspora di coloro che hanno lasciato il Madagascar si è mobilitata. Ma il PAM, che di solito fornisce il 65% delle distribuzioni di cibo, sa già che le sue scorte gli consentiranno di coprire solo i prossimi due mesi. "Abbiamo 12.500 tonnellate per quasi 900.000 persone che ne dovrebbero beneficiare", calcola il signor Ouedraogo, temendo il momento in cui sarà necessario sollecitare la generosità dei soliti donatori.
La fame nel Madagascar meridionale è una canzone vecchia e logora. L'agenzia umanitaria statunitense USAID sostiene la maggior parte delle operazioni di assistenza alimentare attraverso il WFP e due organizzazioni non governative, il Catholic Relief Services e l'Agenzia avventista per lo sviluppo e il soccorso (ADRA). Finora il governo ha preferito non chiedere assistenza internazionale.
La fame in questa regione semi-arida ha cessato da tempo di essere un'emergenza, ma una malattia cronica che si ripresenta ogni anno. O quasi. Arrivato con il grande kéré del 1993, questo medico di comunità, che preferisce omettere il suo nome, ha la sua spiegazione: “Prima di tutto c'è il clima. Ma c'è anche l'abbandono dello Stato, le pessime infrastrutture sanitarie e le promesse di sviluppo mai mantenute. Il Madagascar è uno dei Paesi più vulnerabili ai cambiamenti climatici. Gli scenari dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) indicano un aumento delle temperature medie di 6,5 gradi centigradi nel sud del Paese entro la fine del secolo, se la curva delle emissioni globali di gas serra non vengono influenzati”.

Strappare il Sud dal suo destino
Sono stati spesi centinaia di milioni di dollari per finanziare programmi di sviluppo che hanno lasciato pochi segni duraturi sul terreno. Altri sono rimasti nei cassetti in attesa che il Paese esca da una delle molteplici crisi politiche che hanno segnato gli ultimi decenni. Nel 2011 un'agenzia delle Nazioni Unite ha osato paragonare il Sud ad un “cimitero di progetti”. Nel 2013 il ritorno all'ordine costituzionale con l'elezione di Hery Rajaonarimampianina ha portato al reimpegno dei donatori stranieri da cui il Paese dipende per finanziare i propri investimenti. È stato stilato un elenco di 21 priorità, composto da programmi di sostegno all'agricoltura e grandi progetti infrastrutturali destinati ad aprire la regione e migliorare l'approvvigionamento di acqua potabile. La maggior parte sono rimasti sulla carta. Ma la riabilitazione di una condotta di circa 200 km e di un impianto di trattamento nel distretto di Ampotaka è stata resa possibile con i soldi dell'agenzia di cooperazione giapponese. La stessa che aveva già finanziato il progetto iniziale vent'anni prima.

Il successore del presidente Rajaonarimampianina, Andry Rajoelina, ha promesso di vincere "la guerra contro la malnutrizione". Segno del suo impegno, le visite sul campo di un presidente non sono mai state così frequenti. Sono stati annunciati altri progetti: tra questi, un impianto per la produzione di integratori alimentari, nato da una partnership tra la Fondazione Mérieux e la società Nutriset, dovrebbe presto sorgere vicino a Fort-Dauphin. Il lancio di grandi opere di approvvigionamento idrico è ancora una volta all'ordine del giorno. Giovedì 26 novembre il capo dello Stato ha incontrato i rappresentanti delle agenzie delle Nazioni Unite e dei donatori bilaterali per discutere i mezzi di emergenza necessari per affrontare il kere. Si è parlato anche di rimettere in sesto un grande piano d'azione che avrebbe strappato definitivamente il Sud al suo destino.

(articolo di Laurence Caramel su Le Monde del 24/11/2020)
 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori