testata ADUC
Mobilità urbana. Quali soluzioni?
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
23 settembre 2018 17:25
 
 La settimana scorsa è stata celebrata la Settimana europea della mobilità, un'iniziativa che mira a sensibilizzare i cittadini attraverso varie iniziative sulla necessità di scommettere su mezzi di trasporto sostenibili. Aziende, municipi, scuole, ONG e altre istituzioni hanno tenuto corsi, dimostrazioni e workshop per difendere l'uso delle biciclette e dei trasporti pubblici, tra gli altri.
Sfruttiamo l'evento per parlare della mobilità condivisa, quel concetto che nasce dall'uso delle piattaforme digitali in questo campo.
Abbiamo scelto due articoli di opinione che difendono punti di vista alternativi dello stesso fenomeno.
Da un lato, Pierre-Dimitri Gore-Coty, Vice Presidente di Uber in EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa), ci dice perché la mobilità condivisa è il futuro e in che misura la tua azienda può collaborare per svilupparla.
D'altra parte, Tom Slee, un commentatore canadese sull’attualità tecnologica e autore di “Il Tuo è mio. Contro l'economia collaborativa (Toro, 2016), in cui sostiene che la trasformazione che cerchiamo per la mobilità delle città non deve basarsi sulla tecnologia. Forse la risposta, sostiene, è dotarsi di infrastrutture migliori.
(nella foto di copertina: traffico a Pechino visto dall'alto)

---------------------------
Più alternative di trasporto, meno mezzi privati
 
Car sharing, carpooling, biciclette, scooter, trasporti pubblici, taxi e servizi condivisi. Le alternative disponibili per muoversi in città aumentano ogni giorno. Un fenomeno molto positivo, poiché ci consente di passare gradualmente da un vecchio modello basato sull'auto privata a uno nuovo basato sulle esigenze di mobilità dei cittadini.
Avere alternative al veicolo privato che sono attraenti per il cittadino è ora più importante che mai. I trasporti rappresentano quasi un quarto delle emissioni totali di gas serra in tutta Europa ed è la principale causa di inquinamento nelle città. I veicoli privati causano l'80% del traffico nella maggior parte delle città europee e gli ingorghi stradali costano più di 100.000 milioni di euro all'anno in perdita di produttività.
Ma perché ci sia un vero cambiamento, è fondamentale separare la mobilità dell'uso dei veicoli privati. Siamo d'accordo con gli esperti che dicono che il futuro del trasporto urbano sarà costituito da una varietà di alternative con un base che rimarrà il trasporto pubblico, che sarà completata con la bicicletta, servizi come Uber, i taxi e altre soluzioni di mobilità. Questo cambio di mentalità è qualcosa che vediamo già tra i nostri utenti, che si rivolgono a Uber per andare o tornare dai centri e dalle stazioni di trasporto pubblico. A Londra, ad esempio, quasi il 30% dei viaggi con Uber termina a meno di 200 metri da una stazione della metropolitana o dei treni in periferia nelle ore di punta della mattina.
La comodità dell'automobile privata perde valore rapidamente quando ci sono altre alternative che possono essere ugualmente pratiche e molto più economiche. Quando abbiamo lanciato il nostro primo servizio di biciclette elettriche condivise, JUMP, a febbraio a San Francisco, ci siamo resi conto che il numero totale di viaggi avvenuti tramite la nostra applicazione era aumentato del 15%. Tuttavia, abbiamo anche visto che il numero di viaggi in auto era diminuito del 10%, quindi la crescita corrispondeva interamente all'uso delle biciclette. E se pensiamo che abbia senso: la metà di tutti i viaggi in macchina che si svolgono all'interno dell'Unione europea sono meno di 6 km, una distanza che può essere percorsa in bicicletta, quando le circostanze lo permettono.
Per aiutare i cittadini a muoversi nelle città del modo, per meglio adattarsi alle loro esigenze, vogliamo che la nostra applicazione permetta l'accesso a tutte le opzioni di trasporto. E speriamo di farlo molto presto. Stiamo già lavorando all'integrazione di JUMP con altre alternative, e se il modo più rapido ed economico per raggiungere una destinazione è l'autobus o la metropolitana, lo indicheremo.
Ma non è tutto. Stiamo anche muovendo i primi passi per collaborare con i servizi di biglietteria del trasporto pubblico e consentire così agli utenti di acquistare i loro biglietti attraverso la nostra applicazione. Grazie alla collaborazione con i trasporti pubblici, faremo ora ciò che sta accadendo naturalmente, che migliaia di persone si muovono combinando diverse alternative di trasporto.
Se abbiamo imparato qualcosa in tutti questi anni, è che dobbiamo tutti lavorare insieme per far avanzare verso questo nuovo modello di mobilità, qualcosa che non sempre abbiamo preso in considerazione. Oggi, tuttavia, ci impegniamo a fare le cose bene.
Abbiamo cominciato a condividere i partenariati innovativi di molte città in tutto il mondo attraverso lo strumento Uber Movimento, che abbiamo lanciato con il fornitore di trasporto pubblico a Nizza e stiamo lavorando con le case automobilistiche per incoraggiare l'uso di veicoli elettrici, che sono già integrati nella nostra applicazione in città come Madrid, Londra, Parigi, Lisbona, Amsterdam o Berlino.
Siamo molto entusiasti di tutto ciò che la tecnologia può offrire alla mobilità del futuro. Un futuro in cui sarà più pratico e meno costoso combinare alternative che usare la nostra auto privata. E, ancora più importante, un futuro in cui le città recupereranno gli enormi spazi che attualmente occupano le auto e le aree di parcheggio.
La mobilità sta cambiando rapidamente e speriamo di continuare a far parte di questo viaggio frenetico.

Pierre-Dimitri Gore-Coty è vicepresidente di Uber EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa)
-----------------------------

Mobilità condivisa: è ora che le città prendano l’iniziativa
 
Qualche settimana fa ho imparato una lezione importante a Montreal, dove ho trascorso un week-end. Conosciuta come a lungo una città che impazzisce per le biciclette, col programma condiviso Bixi bikes che ha nove anni di attività alle sue spalle, ampiamente usato e che funziona bene, con più di 6.000 biciclette distribuite su 500 proprie stazioni in tutta la città. Ma ciò che fa la differenza non sono le biciclette di per sé, né i molti luoghi in cui si possono prendere e né il sistema di pagamento, ma i 700 km di piste ciclabili separate dalla carreggiata delle auto, e che fanno viaggiare in modo sicuro. Senza investimenti in infrastrutture, le biciclette non servono. E’ quanto accade nei Paesi Bassi: gli olandesi hanno più biciclette a persona che ogni altro Paese al mondo, e quasi un quarto della popolazione olandese utilizza la bici tutti i giorni. Per le strade di Amsterdam, nelle ore di punta, ci sono il doppio di biciclette rispetto alle automobili. E la spiegazione è nelle piste: con 35.000 km di infrastrutture ciclistiche (corsie separate) e limiti di velocità bassi:
innovazioni infrastrutturali che fanno la differenza. E anche se si potrebbe dire che le bici non sono il futuro del trasporto, questo vale per le altre forme di trasporto nelle grandi città. E' una lezione che vale la pena tenere a mente data la valanga di notizie che abbiamo ultimamente riguardo le nuove forme di trasporto basate sulla tecnologia. Uber ha cambiato il modo in cui molte persone si muovono in città. E il successo di Uber ha imitatori ovunque: un'intera generazione che usa i cellulari e idee tecnologiche che hanno proliferato nella Silicon Valley e in Cina. Le biciclette condivise (ora anche senza ancoraggio) e motorini e scooter si sono guadagnati un posto in prima fila con i modelli di carpooling e carsharing, le gallerie di Elon Musk e i veicoli autonomi e le forme di trasporto del futuro.
Può sembrare che l'innovazione nella mobilità provenga da società tecnologiche e non dalle città. Ma le apparenze ingannano. Sono le città, intese in quanto tali grazie ai consigli comunali e ai cittadini, che modelleranno il traffico del futuro. Dovrebbero guardarsi l'un l'altro per ispirarsi, invece di guardare solo Uber e Tesla. Perché la vera sfida non è tanto nei veicoli e nello spazio: la chiave non è l'auto, ma le strade. Che devono passare dall'essere un "luogo di passaggio privato per tutti" ad una modalità di trasporto di massa sostenibile. Avremmo bisogno di meno spazio per parcheggiare e potremo vivere meglio, mentre le auto private scompariranno, sostituite da trasporti affidabili come l'acqua corrente. E aiuterebbero le città ad essere più efficienti condividendo i loro dati sui flussi di traffico, dati se servirebbero per ottimizzare l'utilizzo delle nostre strade. Ma si scopre che, sebbene Uber sia cresciuto rapidamente anno dopo anno, non è diventato una leva di cambiamento verso un futuro con meno traffico. Una ragione è che, sorprendentemente, Uber non è ancora redditizio. Ogni volta che pubblicano i loro rapporti trimestrali, la strada verso la redditività dell'azienda sembra sempre più precaria. Forse Uber è cresciuto non solo grazie alla sua applicazione rivoluzionaria, ma perché sovvenziona i viaggi. Prima o poi dovrà ottenere dei benefici; per chi viaggia ogni giorno, il costo del servizio è importante, e l'idea che chiunque possa andare a lavorare in Uber potrebbe non avere un senso a lungo termine dal punto di vista economico.
Una seconda ragione è che Uber contribuisce sempre di più ad aumentare il traffico. Nelle grandi città, Uber è in competizione (piuttosto che integrare, come promesso) con il trasporto pubblico, che è più efficiente in termini di spazio. New York è la città meglio analizzata in merito: 60.000 veicoli Uber e Lyft rallentano il traffico del 30%. Questi veicoli circolano senza passeggeri così a lungo come accade per i taxi, pur avendo algoritmi molto sofisticati per ottimizzare gli spostamenti, e aggiungono 2,8 nuove miglia di circolazione rispetto ad un miglio che viene risparmiato quando un privato lascia l'auto a casa. Anche i servizi condivisi come Uber Pool presentano dati simili. Questo non è un modo per costruire un'infrastruttura di trasporto sostenibile, e i veicoli autonomi avranno esattamente lo stesso problema. Gli smartphone fanno parte del nostro presente e del nostro futuro, ma non risolveranno il problema del traffico.
Se vogliamo vedere le innovazioni più interessanti, diamo un'occhiata a Città del Messico: dal momento che ha lanciato il suo sistema metrobus con corsie esclusive e servizi frequenti, la sua flotta in costante crescita (ora più di 700 autobus) sposta 1,8 milioni di persone ogni giorno. A New York, Uber effettua 6 viaggi per veicolo ogni giorno; a Città del Messico, il metrobus trasporta 2.500 viaggiatori per veicolo. Altre forme di trasporto di massa sono simili: a Londra, 2 milioni di persone viaggiano quotidianamente in circa 700 treni della metropolitana, ognuno dei quali trasporta più di 2.000 passeggeri. Quando si tratta di spostare molte persone in una grande città, il trasporto pubblico è il vero metodo. La congestione, come ama dire l'esperto di traffico Jarrett Walker, è una questione di geometria urbana: se stiamo andando verso un futuro di città più grandi e centri urbani più densi, allora dobbiamo fare di nuovo una massiccia programmazione del traffico, sbarazzandoci di tutte le immagini squallide (specialmente in Nord America). Sarà l'investimento in strade e autobus a migliorare le nostre città, e ciò sarà possibile se i consigli comunali si guarderanno l'un l'altro, imparando dalle innovazioni degli altri e sperimentando nuove varianti. Quando parliamo di traffico, i sondaggi sono una leva di cambiamento più importante degli smartphone.

Tom Slee ha una lunga carriera nell’industria del software ed è molto critico nella cosidetta economia condivisa. Ha pubbicato, tra l’altro, No One Makes You Shop at Wal-Mart: The Surprising Deceptions of Individual Choice (2006)

(articolo pubblicato sul quotidiano El Pais del 23/09/2018)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori