testata ADUC
Lotta all'inquinamento. La Cina ottiene effetti contrari
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
3 ottobre 2020 15:12
 
Negli ultimi decenni la Cina ha registrato una crescita drammatica della sua economia e industrializzazione, portando a un aumento del suo consumo di energia a carbone. Oggi è il principale emettitore mondiale di inquinanti atmosferici particolarmente pericolosi come l'anidride solforosa e la fuliggine di carbonio. Di fronte a questo fenomeno che mette in pericolo sia l'ambiente che la salute della sua popolazione, la Cina negli ultimi anni ha scelto di attuare misure rigorose per ridurre l'inquinamento atmosferico.

L'altro lato della medaglia
"Queste misure sono state efficaci e l'inquinamento da aerosol in Cina è stato notevolmente ridotto dopo il 2013, con notevoli benefici per la salute pubblica", ha affermato Yixuan Zheng, autore principale di un nuovo studio sull'impatto di questi sforzi. nella rivista Environmental Research Letters. Tuttavia, le analisi della qualità dell'aria nel paese rivelano il rovescio della medaglia: rimuovendo bruscamente l'anidride solforosa e il carbonio fuligginoso dalla circolazione, la Cina influenza profondamente il modo in cui l'atmosfera riflette. e assorbe il calore dal sole.

Meno particelle, ma più riscaldamento
"Si stima che il solfato antropogenico nell'aria abbia raffreddato la terra in media di 0,5 C nel 2010, che equivale al 76% del raffreddamento indotto dagli aerosol antropogenici", continua Zheng. Il carbonio di fuliggine, d'altra parte, assorbe il calore nell'atmosfera e riscalda la Terra. Comprendere l'effetto che la riduzione di questi materiali potrebbe avere sul riscaldamento è quindi essenziale per le future strategie di mitigazione del clima. In questo caso, i risultati rivelano che le modifiche attuate tra il 2006 e il 2017 potrebbero contribuire a un riscaldamento di 0,1 C nell'emisfero settentrionale.

"Dal 2006 al 2017, le emissioni di anidride carbonica della Cina sono aumentate di circa il 54%, con una riduzione di circa il 70% delle emissioni di anidride solforosa, una riduzione del 30% delle emissioni di anidride carbonica e una riduzione del 40% delle emissioni di carbonio organico, afferma Steven J. Davis, coautore. Il disaccoppiamento delle emissioni di anidride carbonica dagli aerosol è dovuto principalmente all'installazione di controlli di fine tubo, che riducono le emissioni di aerosol ma non di anidride carbonica. Questo disaccoppiamento ha esacerbato gli effetti del riscaldamento globale sulle emissioni di anidride carbonica della Cina."

(articolo di Emma Hollen su Futura-Planète del 02/10/2020)

 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori