testata ADUC
Legalizzazione droghe psichedeliche. Il governo del Canada dovrà intervenire
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
24 agosto 2020 15:11
 
Il governo canadese, grazie alla raccolta di 15.000 firme, dovrà rispondere ufficialmente a una petizione che chiede la depenalizzazione delle sostanze psichedeliche - e c'è una proposta di legge in merito che potrebbe far sì che realmente la legge sia modificata.
La petizione, che non è vincolante ma deve essere patrocinata da un membro del Parlamento, fa il punto sull'uso storico di piante e funghi enteogeni e il potenziale terapeutico di tali sostanze.
Vi si sostiene che il governo dovrebbe "interrompere immediatamente l'applicazione di norme o regolamenti che vietano o impongono restrizioni onerose su consumo, coltivazione o condivisione di qualsiasi pianta o fungo, laddove esista una documentazione consolidata dell'uso tradizionale".

Inoltre, i legislatori dovrebbero emendare le leggi federali sulla droga per "distinguere ed esentare queste sostanzei quando usate per pratiche terapeutiche, in aggiunta alle cure mediche, per cerimonie di guarigione o crescita spirituale individuale e auto-sviluppo".

Il termine per aderire alla petizione è scaduto la scorsa settimana, con 14.910 firme. Questo è l'ottava volta, e con un numero più alto di firme, che viene presentata una petizione al governo.

Ma mentre questo documento si concentra sugli psichedelici, lo sponsor parlamentare, il deputato Paul Manly del Partito dei Verdi, ha detto a Marijuana Moment in un'intervista telefonica che invece di introdurre una nuova legislazione sulla questione, continuerà a sostenere una disegno di legge più ampio per depenalizzare il possesso di tutte le droghe attualmente illegali.
Un provvedimento che non è stato approvato nella precedente legislatore, ma è stato ripresentato dal deputato Nathaniel Erskine-Smith del partito liberale.

Manly ha detto che il suo interesse per questa riforma deriva dall'esperienza personale. Quando era un musicista professionista vedeva spessp i problemi causati da abuso di sostanzei. Un suo amico è stato incarcerato per un reato di droga e poi violentato in prigione, ad esempio, e un suo cugino con problemi di salute mentale ha avuto a che fare con la giustizia penale prima di morire per overdose da oppioidi.

"Vedo cosa sta facendo la crisi degli oppioidi alle famiglie, ai colleghi di lavoro, agli amici", ha detto Manly. "Tutti ne sono toccati in qualche modo, alcune persone più direttamente di altre."

Poiché la petizione per la depenalizzazione ha superato la soglia minima di 500 firme, sarà formalmente presentata alla Camera dei Comuni dopo l'inizio della sessione, il 23 settembre. Una volta letta, il governo avrà 45 giorni per rispondere. Manly ha rilevato che le petizioni servono principalmente come "espressione di volontà democratica".

"Abbiamo bisogno di discussioni serie su come valutare la legislazione per la depenalizzazione", ha detto. "In realtà sono a favore della piena legalizzazione, per semplicemente togliere la droga dalle mani dei criminali organizzati e regolamentarla adeguatamente. Questo è quello che dovrebbe essere il ruolo del governo e l’attuale di tentativo di regolamentare attraverso il Controlled Drugs and Substances Act e la criminalizzazione non ha funzionato".

Trevor Millar, che ha presentato la petizione ed è il presidente del consiglio di amministrazione della Multidisciplinary Association for Psychedelics Studies (MAPS) Canada e direttore esecutivo della Canadian Psychedelic Association, ha detto a Marijuana Moment che dovrebbe servire come "veicolo educativo".

"Continueremo ad informare, e inizieremo a fare pressioni e a contattare più politici sui potenziali benefici di alcuni di queste droghe, in particolare come terapia nelle crisi di salute mentale", ha detto, aggiungendo che ritiene che la depenalizzazione sia realizzabile "entro i prossimi due anni".

“Penso che potrebbe facilmente accadere. Sono stato coinvolto professionalmente in questo settore delle droghe psichedeliche ad uso terapeutico per quasi 10 anni e in questo momento siamo circa 10 anni avanti rispetto a dove pensavo che saremmo stati cinque anni fa", ha detto. "Vedo solo che la discussione sta cambiando così rapidamente, e non è che queste siano idee inverosimili."

“Il divieto non ha mai funzionato. La guerra alla droga è un misero fallimento. C'è una crisi di salute mentale proprio ora. E ho visto così tanti risultati positivi grazie all’uso di queste piante medicinali che si potrebbe usare la parola "miracoloso" se non si fosse ben edotti delle proprietà del contesto. È solo necessario. Non è che chiediamo qualcosa di irragionevole. È una richiesta molto ragionevole rendere queste piante legali. Trovo incredibilmente arrogante che l'umanità pensi che che queste piante siano illegali. Se crescono dalla terra... la natura non le ha legittimate abbastanza?".

In Canada, con una decisione storica, il ministro della Salute questo mese ha concesso eccezioni a quattro malati di cancro per l’uso di funghi di psilocibina per le cure di fine vita.

Questa settimana, il Procuratore generale del Canada ha anche ordinato ai pubblici ministeri di evitare di comminare condanne per possesso di droga, fatta eccezione per "i casi più gravi".

La più importante associazione dei capi di polizia del Canada ha lanciato un appello per una riforma della politica sulla droga il mese scorso, sostenendo che il possesso di piccole quantità dovrebbe essere depenalizzato e l'abuso di sostanze dovrebbe essere trattato come una questione di salute pubblica.
L'anno scorso, un comitato della Camera ha chiesto analogamente al governo di depenalizzare il semplice possesso di tutte le droghe e affrontare la dipendenza come problema di salute pubblica.

Negli Stati Uniti, si sta rapidamente diffondendo un movimento locale per depenalizzare gli psichedelici
Nel maggio 2019, Denver è diventata la prima città degli Stati Uniti a depenalizzare la psilocibina, con un provvedimento votato localmente. Poco tempo dopo le Autorità di Oakland, in California, hanno depenalizzato il possesso di tutti gli psichedelici a base di piante e funghi. Il consiglio comunale di Santa Cruz, in California, ha votato perché le leggi contro le sostanze psichedeliche considerino i provvedimenti giudiziari solo in casi estremi.
Il segretario di stato dell'Oregon ha confermato il mese scorso la legalizzazione di terapie con psilocibina e la depenalizzazione del possesso di tutte lo droghe, e questo sarà oggetto delle prossime elezioni di novembre.
Una iniziativa per depenalizzare un'ampia gamma di sostanze psichedeliche sarà anche nelle prossime elezioni di novembre a Washington, DC.
La Multidisciplinary Association for Psychedelic Studies ha annunciato giovedì di aver raccolto 30 milioni di dollari in donazioni, anche da diversi importanti leader aziendali al di fuori di chi si occupa di politiche sulla droga, e questo gli consentirà di completare uno studio sull'uso dell'MDMA per il trattamento dei disturbi da stress post-traumatico.

(articolo di Kyle Jaeger, pubblicato su Marijuana Moment del 21/08/2020)
 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori