testata ADUC
 La legalizzazione della cannabis riduce le prescrizioni di oppiacei. Nuovo studio Usa
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
20 dicembre 2019 11:26
 
 Studio dopo studio viene dimostrato che la cannabis funziona come un trattamento efficace per il dolore cronico. Molti pazienti, grazie alla cannabis, sostengono di aver ridotto in modo significativo, se non del tutto, le loro prescrizioni di oppiacei con l'erba.
Ma la legalizzazione può combattere l'epidemia di oppioidi dilagante? E se così fosse, la legalizzazione ricreativa o medica avrebbe maggiore impatto sulla riduzione dei tassi di consumo di oppioidi?
C’è una risposta a queste domande. Secondo un nuovo studio, le leggi sulla marijuana ricreativa riducono l'uso di oppiacei più delle leggi sulla cannabis terapeutica.
Lo studio, condotto dall'assistente professore di giurisprudenza dell'Università dell'Alabama Benjamin McMichael e pubblicato sul Journal of Health Economics,ha scoperto che la legalizzazione di marijuana ricreativa e medica sono fortemente correlati alla riduzione dell'uso di oppioidi, e che quella ricreativa portano a maggiori riduzioni dell'uso di oppiacei poiché è più facile accedere all'erba ricreativa. In genere si ha meno accesso alla cannabis negli Stati Usa che consentono solo la marijuana medica.
"I risultati di questo studio suggeriscono che approvare le leggi sull'accesso alla cannabis riduce l'uso di oppioidi da prescrizione", hanno concluso gli autori dello studio. "Mentre la cannabis può essere una droga che incoraggia l'uso di oppioidi in alcuni pazienti, a conti fatti, in generale, sia le leggi sull'accesso alla cannabis ricreativa che medica riducono l'uso di oppioidi."

Come sono arrivati a questa conclusione gli autori dello studio? Innanzitutto, hanno misurato tutte le variabili rispetto all’equivalenza di un milligrammo di morfina o MME. Non tutti gli oppioidi sono creati uguali, alcuni sono relativamente deboli (ad es. Tramadolo) e altri possiedono potenze più forti della morfina (ad es. Fentanil). In altre parole, il MME sostanzialmente consente ai ricercatori di raggruppare tutte le vendite di farmaci oppioidi in un unico valore relativo.
Successivamente, gli autori hanno esaminato i dati sulle vendite di prescrizioni in tutti gli Stati degli Usa dal 2011 al 2018. I dati, che includevano 1,5 miliardi di vendite di prescrizioni individuali tra 10 milioni di singoli pazienti, rappresentavano il 90 percento di tutte le vendite di prescrizioni negli Stati Uniti. I ricercatori hanno quindi confrontato i dati sulle vendite di droga in ciascuno Stato con le leggi specifiche sulla cannabis di quello Stato.
Ecco cosa gli autori hanno scoperto. La legalizzazione della cannabis terapeutica riduce in media il volume delle prescrizioni di oppiacei del 4,2 percento. Nel frattempo, la legalizzazione della cannabis ricreativa riduce la prescrizione di oppiacei dell'11,8 percento, che è quasi tre volte più efficace della legalizzazione medica.
Uno sguardo più attento alle specialità mediche, ha mostrato che i primi cinque campi per la prescrizione della maggior parte degli oppioidi - chirurgia orale e maxillo-facciale, chirurgia ortopedica, medicina del dolore, medicina fisica e riabilitazione e medicina dello sport - hanno visto le maggiori riduzioni delle prescrizioni di oppioidi dopo che sono state approvate le riforme della cannabis. Quando sono state approvate le leggi sulla cannabis terapeutica, questi primi cinque campi hanno ridotto le loro prescrizioni di oppioidi del 6,9 per cento. Ma quando sono state approvate le leggi ricreative, questi campi hanno subito una notevole riduzione del 28,3 per cento delle prescrizioni di oppiacei.
Quest'ultimo studio fornisce ancora più prove per essere favorevoli alla cannabis, supportando l'idea che legalizzare l'erba riduce l'uso di oppioidi su tutta la linea.

Tuttavia, è bene ricordare uno studio pubblicato a giugno che affermava il contrario. Quello studio, condotto da Chelsea Shover alla Stanford University, ha sostenuto che la legalizzazione della marijuana non ha avuto alcun effetto sulla morte per overdose da oppiacei negli Stati con leggi tolleranti sulla cannabis. Ovviamente, i media hanno evidenziato la conclusione di questo studio e ci hanno marciato sopra, pubblicando titoli come "La marijuana medica non è più legata a un minor numero di decessi da oppiacei", nonostante gli studi precedenti avessero raggiunto conclusioni diverse.
Quindi, cosa significa? I ricercatori di Stanford avevano ragione, e quelli come noi sostenitori della cannabis siamo stati ipnotizzati? Oppure gli studi sulla legalizzazione, che ora includono quelli di McMichael, stanno dipingendo un quadro manipolato?
"Non direi che il nostro studio confuta o supporta direttamente lo studio di Shover perché stiamo analizzando risultati diversi", ha scritto McMichael a MERRY JANE in una e-mail. Lo studio di Stanford si è concentrato “sulle morti legate agli oppioidi, mentre esaminiamo le prescrizioni di oppioidi. Indirettamente, tuttavia, i nostri risultati non sono del tutto coerenti con quelli di Shover".
McMichael ha osservato che lo studio di Stanford ha valutato solo gli effetti della legalizzazione della cannabis medica sulle morti per oppioidi a livello statale. Lo studio di McMichael, d'altra parte, ha esaminato i volumi di prescrizione di oppiacei a livello di singolo paziente, che ha fornito "un quadro più dettagliato della relazione tra le leggi sull'accesso alla cannabis e le prescrizioni di oppiacei rispetto a se avessimo usato dati a livello statale (o addirittura di contea).”
Indipendentemente dalle loro diverse metodologie e conclusioni, McMichael ha affermato che lo studio di Stanford fornisce argomenti positivi alla discussione sulla legalizzazione della cannabis. "Anche se credo che il nostro studio fornisca un quadro più sfumato dell'effetto delle leggi sull'accesso alla cannabis sulle prescrizioni di oppioidi rispetto allo studio di Shover per le morti legate agli oppioidi". "Sono d'accordo con loro sul fatto che sono necessarie ulteriori ricerche ... La letteratura esistente fino ad oggi giustifica l'investimento di risorse significative per rispondere a domande sull'uso medico della cannabis con maggior sicurezza".

(articolo di Randy Robinson, pubblicato sulla rivista Merry Jane del 17/12/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori