testata ADUC
Legalizzazione cannabis ricreativa. Il Lussemburgo procede spedito
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
9 agosto 2019 16:59
 
Etienne Schneider, ministro della sanità del Lussemburgo, ha annunciato la sua intenzione di rendere il suo come primo paese europeo a legalizzare la produzione e il consumo di cannabis. Lo riferisce il quotidiano "The Guardian" di mercoledì 7 agosto. Il ministro incoraggia anche altri Stati europei a rendere meno limitativa la propria legislazione. Etienne Schneider ha così espresso il suo pensiero al web americano Politico: "La politica degli ultimi 50 anni sulla cannabis non ha funzionato. Proibire la cannabis l'ha resa ancora più interessante per i giovani …".

Accesso alla cannabis a scopi ricreativi
Se il progetto andrà in porto, i lussemburghesi di età superiore ai 18 anni potranno acquistare e consumare cannabis a scopo ricreativo entro due anni. Lo Stato prevede inoltre di regolare la produzione e la distribuzione della cannabis attraverso un'agenzia specifica. I minori di età compresa tra 12 e 17 anni non saranno puniti per il possesso di cinque grammi o meno di cannabis. Entro un anno verrà presentata una proposta di legge che specifichi i tipi di cannabis autorizzati per la vendita e l'importo dell'imposta che ne deriverà.

Etienne Schneider sostiene, tuttavia, che per evitare lo sviluppo di un "turismo della droga", gli stranieri non potranno venire a comprare cannabis in Lussemburgo.

Inoltre i lussemburghesi non potranno coltivare le proprie piante di cannabis a casa.

Oggi è consentito l'uso di cannabis a scopi medicini e il possesso di piccole quantità di cannabis a scopi ricreativi è depenalizzato. La vendita e la produzione di cannabis sono, al momento, puramente e semplicemente vietate.
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori