testata ADUC
Legalizzazione cannabis. Al centro della campagna elettorale in Israele
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
4 aprile 2019 0:03
 
 In un contesto inondato da alcune delle questioni più pesanti del Medio Oriente, dalla minaccia di una nuova guerra con Gaza e dall'occupazione delle alture del Golan, la marijuana è emersa come un argomento coinvolgente in Israele.
Legalizzata per uso medico oltre 20 anni fa, la droga è stato autorizzata all'esportazione all'inizio di quest'anno e, in vista delle elezioni generali della settimana prossima, la questione della legalizzazione ricreativa è ora argomento di campagna elettorale.

Per Uri Zeevi, di Seedo, una delle tante aziende imprenditrici israeliane che stanno rapidamente conquistando l'industria mondiale della marijuana, il fatto che le discussioni in materia divengano principali può essere solo un segno positivo dell'inevitabile depenalizzazione della sostanza.
Il prodotto di Seedo, che ha sede nella città di Yokneam Illit, nel nord di Israele, consente ai consumatori di coltivare marijuana in piccoli laboratori domestici e di seguire, attraverso una app, informazioni in diretta sulla crescita della pianta di cannabis, monitorando una serie di esigenze che poi vengono risolte grazie all’Intelligenza Artificiale.
L'azienda ha piani specifici di "crescita" per centinaia di ceppi di cannabis, una pianta notoriamente sensibile, così come alcuni ortaggi e verdure a foglia verde.
I contenitori simili a frigoriferi, che controllano la temperatura, l'umidità, i nutrienti e l'illuminazione, apprendono da ogni ciclo di crescita. L'app raccoglie informazioni da tutti i consumatori per perfezionare tutti gli aspetti della crescita di questa droga.
L'azienda ha attualmente oltre 3.000 ordini da tutto il mondo per apparecchi da 2.400 $ che, perfetti dal punto di vista tecnologico, possono produrre fino a 400 grammi di cannabis ogni 12 mesi.
"Entro l'anno ti rifarai del tuo investimento nei laboratori casalinghi", dice Uri Zeevi, CMO di Seedo al quotidiano The Independent.
"È un apparecchio ermeticamente sigillato, quindi se ti trovi in ??un clima montano nepalese o nel deserto del Sahara, la tua pianta, la tua specifica ciocca di foglie, prospererà lo stesso".
Seedo è anche in procinto di produrre contenitori di dimensioni industriali che si possono immagazzinare in pila, consentendo alle aziende di creare cannabis medica di altissima qualità in qualsiasi luogo, anche i tetti di un grattacielo.

In Israele la cannabis medica è legale, ma l'uso ricreativo è ancora vietato. Zeevi è parte di un movimento in crescita all'interno del Paese che auspica questo cambiamento.

"Una volta che qui sarà legale, l'industria della cannabis potrebbe dar vita a molti lavori e generare enormi introiti attraverso le tasse. La cannabis esiste indipendentemente dalla sua legalizzazione. La domanda è: chi godrà delle entrate, il governo o il mercato nero? ".
Il dibattito sulla cannabis e l'argomento della sua legalizzazione sono stati per anni relegati ai margini dei programmi politici di sinistra in Israele.
È stato il richiamo, spesso ignorato, per piccoli partiti come Green Leaf, che sin dalla sua fondazione nel 1999 non è mai riuscito a guadagnare un seggio nella Knesset.

Ma quest'anno la famigerata e diffamata pianta multifunzioni è diventata l'improbabile protagonista delle elezioni israeliane, attraversando le divisioni tra partiti e diventando protagonista insolita dei programmi dei partiti di destra.
Fino a poco tempo fa, la cannabis non era amata in Israele, un Paese che ha grandi comunità ebraiche e musulmane conservatrici.
Uno spinello, in passato, avrebbe potuto portare all’espulsione di un israeliano dal servizio militare.

Il mese scorso la polizia israeliana ha arrestato dozzine di persone sospettate di usare Telegrass, un'app di messaggistica criptata che permetteva di recapitare la marijuana nelle loro case.
Ma non è raro che le persone fumino cannabis in pubblico: anche se è tecnicamente illegale, le forze dell'ordine sono state sempre più indulgenti.
L'uso medico della marijuana è stato autorizzato sin dai primi anni '90 ed è diventato sempre più popolare in tutti i settori della società, alimentado l'interesse verso questa sostanza.

Le imminenti elezioni generali, che si svolgeranno la settimana prossima, sono state oscurate a intermittenza dallo spettro della guerra con Gaza e dalla possibile incriminazione per frode del primo ministro Benjamin Netanyahu.
Ma al di là dei titoli internazionali e delle chiacchiere abituali, un acceso dibattito sulla droga ora sta conquistando il centro dell’attenzione nelle case degli israeliani.
All'inizio del 2019, il governo israeliano ha finalmente approvato l'esportazione di cannabis medica coltivata in Israele, aprendo al mondo il suo mercato interno pionieristico e vivace.

Questa settimana il Paese ha compiuto un ulteriore passo avanti verso la legalizzazione della droga per scopi ricreativi depenalizzando il possesso personale della stessa.

L'uso di questa sostanza in piccola quantità in case private ora non è più un reato. Il consumo pubblico per uso personale comporterà una multa di poco superiore a 200 euro, anziché una possibile condanna a tre anni di prigione.

E ora politici come Netanyahu, che in gran parte hanno ignorato la droga nelle precedenti elezioni, la prendono in considerazione per cercare di attirare l’elettorato più giovane.

Il capo del partito di destra del Likud ha detto poche settimane fa che avrebbe preso in considerazione la legalizzazione della droga se fosse stato rieletto. Ha promesso anche di aumentare l'uso della cannabis medica "ad uno dei più alti livelli del mondo". La sua promessa è arrivata dopo che i sondaggi hanno mostrato che il nuovo partito di Zehout, di estrema destra, è diventato popolare grazie alla promessa di depenalizzare la droga. I sondaggi hanno inizialmente previsto che il gruppo libertario non sarebbe stato in grado di superare la soglia per ottenere un singolo seggio nella Knesset, ma un sondaggio di questa settimana, da parte di Channel 12, prevede ben cinque seggi.
Zehout, che significa Identità, è guidato dal colono ortodosso Moshe Feiglin, un tempo membro del Likud nella Knesset stessa. È famoso per aver negato l'esistenza di un popolo palestinese e per essere stato arrestato negli anni '90 per sedizione contro lo Stato per le sue proteste contro gli accordi di pace di Oslo.
I membri del suo partito dicono che è diventato un improbabile paladino della cannabis dopo che i suo gentori malati hanno fatto uso della sostanza per scopi medici.
"Nell'ultimo anno Moshe era in Parlamento e si batteva per la piena legalizzazione della cannabis, sapendo che senza una piena legalizzazione ci saranno sempre persone che hanno bisogno di cannabis medica ma che non possono accedervi”, dice Libby Molad, quinta nella lista elettorale di Zehout e quindi probabile eletta al Parlamento. "Ci sono probabilmente più di 1 milione di consumatori di cannabis ricreativa in Israele e tutti loro sono considerati criminali. Questo è folle in un Paese di circa 8 milioni. Non è diverso dal bersi un bicchiere di vino", aggiunge. Dice che Israele “potrebbe facilmente essere in prima linea nella produzione e nella ricerca di cannabis". "Pensa ai lavori che potrebbe creare, e alle entrate economiche", aggiunge Molad. E quindi ha senso metterla pr questo in prima linea in una campagna politica.

Secondo un recente rapporto di Arcview Market Research, la spesa di cannabis legale in tutto il mondo potrebbe toccare $ 16,9 miliardi quest'anno e salire a $ 31,3 miliardi nel 2022.

Il più grande mercato per la produzione di cannabis è attualmente il Canada, in gran parte perché gli Stati Uniti non sono in grado di importare o esportare la sostanza perché è illegale a livello federale.
Ma il clima in Canada non è il migliore per la produzione di cannabis, ed è quindi, quindi, dove Israele potrebbe trovare un punto d'appoggio globale.
Le autorità hanno riferito al quotidiano Haaretz che le stime di transazioni commerciali potrebbero portare fino a 1 miliardo di shekel (208 milioni di euro) all'anno in gettito fiscale.

Molti politici stanno già incassando.

L'ex primo ministro israeliano e l'ex capo del Partito Laburista Ehud Barak è stato etichettato dai media locali come uno dei "milionari della marijuana" israeliani dopo essere diventato presidente di una società che possiede Canndoc, azienda che produce cannabis. In una conferenza sulla cannabis di questa settimana a Tel Aviv, ha detto che Israele è "la terra del latte, del miele e della cannabis".

I CEO del settore sono d'accordo. Israele, nota per le sue start-up, l'agro-tecnologia, la ricerca e il bel tempo, sembra adatta per questa industria in piena espansione.

Israele è stata anche al centro della ricerca sulla droga. Sono stati gli scienziati israeliani Raphael Mechoulam e Yechiel Gaoni che per primi hanno scoperto nel 1964 il Tetraidrocannabinolo THC, il principale costituente psicoattivo della cannabis.
Oren Shusder, della Israeli Medical Cannabis (IMC), che ha coltivato cannabis per un decennio e ha serre vicino al confine con Gaza, dice che produrre cannabis in Israele è tre volte più economico che farlo in luoghi come il Canada.
"Il clima di Israele è la condizione perfetta per farla crescere. La nostra struttura ha costi molto più bassi perché crescendo in serra, non abbiamo bisogno di calore aggiuntivo o luci artificiali. Abbiamo la più grande risorsa naturale: bel tempo e sole ".
Attualmente IMC produce tre tonnellate di cannabis medica per il mercato interno, ma si sta preparando ad aumentare tale capacità a 150 tonnellate all'anno per soddisfare la prevista domanda internazionale.
Shusder, una volta critico su questa droga, ora spera che sia legalizzata, sostenendo che essa ha benefici per la salute dalla pelle come per la salute mentale. Anche se diversi studi hanno dimostrato che fumare marijuana può portare allo sviluppo di problemi di salute mentale.
Attualmente le sue fattorie sono le uniche al mondo in cui il post-raccolto del fiore è completamente automatizzato. L'uso di robot appositamente progettati in Israele consente risparmi fino al 90%.
"Credo che tra qualche anno Israele sarà un impero nell'innovazione e nella ricerca della cannabis. C'è già un vivace alveare che lo circonda."

(articolo di Bel Trew, pubblicato sul quotidiano The Independent del 03/04/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori