testata ADUC
I ladri del nostro tempo
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
22 maggio 2018 15:28
 
 Siamo figli del dio Cronos. Senza quasi rendercene conto, siamo diventati nostri agenti di viaggio e cassieri del nostro supermercato e del nostro sportello bancario; assembliamo i nostri mobili e persino prendiamo il nostro ordine in un ristorante.
Il detto che assicura che il tempo è denaro assume una nuova dimensione. Ora, oltre a fare ore extra nella nostra azienda, facciamo anche qualche ora in piu’ in questioni che in preedenza ci vedevano solo come clienti. In cambio del nostro tempo, riceviamo una riduzione del prezzo dei prodotti. Ed è così che ogni volta abbiamo orari più complicati.
Il documentario “Thieves of Time” proiettato nel festival DocsBarcelona 2018, rivede l'importanza di ore, minuti e secondi, convertiti nella valuta più universale e ambita. La tedesca Cosima Dannoritzer (Dortmund, 1965) estende le sue analisi sul tempo nella società dei consumi, dopo altrettanto documentario “Buy, throw buy” nel 2010.

Domanda. Nel suo documentario, il tempo è presentato come se fosse la più grande religione del mondo.
Risposta. In linea di principio, si tratta di un fattore biologico. Anche la tribù africana più remota dipende, anche se leggermente, dal tempo. Il problema è che, con l'arrivo della rivoluzione industriale, è diventato un fattore sociale. Il lavoro, per esempio, è uno scambio di tempo per soldi.

D. E dei lavoratori precari diventano anche clienti precari.
R. Le stazioni di servizio sono già self-service, con una telecamera di sicurezza invece dei dipendenti, e persino le biblioteche pubbliche ci impongono di imparare come gestire i nostri prestiti. Abbiamo investito cinque minuti qui, altri 10 lì ... A poco a poco, quel fenomeno sta crescendo e, accumulando il nostro tempo, distrugge milioni di posti di lavoro.

D. Il "lavoratore parziale" è un concetto inventato per il documentario.
R. I manuali commerciali ci hanno coinvolti per 50 anni. Sì, lo siamo senza poterlo scegliere. E senza formazione, né contratto, né diritti di lavoro.

D. Se le aziende hanno trascorso decenni a studiare esaurientemente la gestione del tempo per i loro lavoratori per risparmiare mezzo secondo nelle linee di assemblaggio, non possiamo impararlo anche noi cittadini?
R. È sempre più comune vedere le aziende che riducono i salari dei loro dipendenti. Il modo migliore per recuperare parte del controllo del tempo, qualcosa che è nostro, è dedicare alcune ore alla settimana all'essere fuori dal sistema; smettere di essere produttivi su base volontaria.

D. Prima, era interessante che il lavoratore avesse tempo libero per poterlo consumare. Ora non è più necessario. Più lavori, più soldi investi in qualcuno per prendersi cura dei tuoi figli o pulire la tua casa.
R. Esatto. Ma quelli con salari più bassi non possono usufruire di questo tipo di servizi con cui liberarsi da determinati compiti. Ora c'è anche il concetto di povertà nel tempo, che è un'altra disuguaglianza sociale come quella economica. Più ci liberiamo dall'orologio, più la nostra società sarà democratica.

D. Inoltre, ora con Internet puoi continuare a consumare mentre lavori.
R. Internet è, insieme al lavoro e queste nuove società che noi "assumiamo" parzialmente, il grande ladro del tempo. Investiamo fino a quattro ore al giorno sui social network e poi ci lamentiamo del fatto che non abbiamo tempo per niente. Allo stesso tempo, non smettiamo di lasciare i nostri dati, che diventano un business.

(articolo di Héctor Llanos Martìnez, pubblicato su El Pais dl 22/05/2018)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori