testata ADUC
Le infradito mettono allo scoperto il lato oscuro della globalizzazione
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
22 luglio 2018 12:58
 
 Quando fai i bagagli per andare in vacanza, non dimenticare di portare le infradito e trattale con rispetto: potrebbero aver viaggiato più di te e aver visto cose che non puoi nemmeno immaginare. Le infradito possono sembrare semplici ed economiche, ma fanno parte di una storia più grande e complicata.
Sono le scarpe più vendute al mondo, anche rispetto alle scarpe da ginnastica. Sono prodotti da giri d’affari di miliardi all'anno, spesso prodotte in piccole fabbriche in Cina. La loro vendita aumenta con la popolazione mondiale. Sebbene un miliardo di persone nel mondo camminino ancora scalzi, nel sud del Pianeta le infradito sono il primo contatto con il mondo delle scarpe.
Per molte persone probabilmente non sono altro che una scarpa per la spiaggia, ma in alcuni luoghi sono un bene prezioso per l'uso quotidiano. Le infradito raccontano anche diverse storie su come la globalizzazione funziona davvero sul terreno, come ho scoperto seguendole lungo quella che io chiamo la “scia infradito”.

Sono di plastica, quindi la loro storia inizia nell'economia degli idrocarburi, nei giacimenti petroliferi del Medio Oriente. La materia prima da cui sono fatte viene estratta dai lavoratori migranti dalla Siria e dall'India del Sud, che vivono in campi nel deserto e lavorano su piattaforme di estrazione con turni di 12 ore sotto il caldo torrido.
Alcuni dei prodotti petrolchimici che vengono estratti dal petrolio greggio vengono trasformati in piccoli granuli di plastica nelle enormi fabbriche del deserto della città sudcoreana di Daesan, un importante centro che produce su scala mondiale i componenti da cui vengono prodotti tutti i tipi di plastica. Questi granuli sono creati da team di operatori petrolchimici che gestiscono la fabbrica per controllare i macchinari che utilizzano da un computer.
I granuli di plastica vengono acquistati da milioni di fabbriche di piccole e medie dimensioni da tutto il mondo, raggruppate in luoghi in cui il lavoro è a buon mercato (come il Vietnam e diverse parti dell'Africa sub-sahariana). I migranti rurali li fanno nel sud-est della Cina, in piccole fabbriche di villaggi industriali che sorgono tra le zone con coltivazioni. I rifiuti di plastica si accumulano in campagna come piccole montagne rosa e blu. Ma quando la Cina ha gradualmente aumentato la filiera, la produzione si è spostata in altri luoghi ed ha determinato la vita di altri lavoratori che vivono nella stessa precarietà.
La distribuzione delle infradito
Il più grande mercato delle infradito si trova nei Paesi a basso reddito. L'Etiopia, uno Stato senza sbocco sul mare nell'Africa orientale, ne è uno dei più grandi produttori, a buon mercato. Ho seguito i container dalla costa della regione del Somaliland fino al confine etiopico, ed ho scoperto che molti dei percorsi delle infradito sono progettati per eludere le tasse di importazione.
Una quantità mutevole di contrabbandieri altamente specializzati muove questi container assumendosi un grande rischio. Quando arrivano sul mercato, il grande mercato centrale di Addis Abeba, di contrabbando o importati legalmente, sono indistinguibili tranne che per il loro prezzo: di contrabbando sono più economiche e attraggono consumatori con risorse più scarse.
La storia delle infradito termina, o almeno così pensavo, in una discarica chiamata Koshe, ai margini della città di Addis Abeba. Lì ho parlato con alcuni dei duecento ricercatori, come loro stessi si fanno chiamare, che raccolgono materiali di scarto, come metallo, legno e plastica, che possono essere venduti agli impianti di riciclaggio. A livello visivo, il luogo è spettacolare: immenso e pieno di resti in decomposizione di colori tenui accanto ai ricercatori, vestiti con gli stessi colori scuri, che si fondono con quel paesaggio.
Mentre i camion arrivano da diverse parti della città e scaricano i loro contenuti, c'è un'intensa lotta tra gli scavatori per accaparrarsi i pezzi migliori. Essi interpretano la geografia della città rispetto ai rifiuti prodotti dai diversi quartieri: Bole, con i suoi centri commerciali di lusso, produce alcuni dei migliori rifiuti e attizza le lotte più feroci. Molte volte le infradito di plastica che non possono essere riciclate finiscono nella spazzatura, dove vi rimango oltre 100 anni prima che si decompongano.
Questo percorso delle infradito si adatta ad un'immagine sconosciuta della globalizzazione, come un mosaico specifico che modifica i collegamenti tra la vita e i diversi modi per andare avanti, invece che il buon funzionamento delle catene di produzione globale che siamo stati indotti a credere. La connessione tra contrabbandieri, lavoratori precari, spazzini e consumatori più poveri: questa è una delle storie più oscure della globalizzazione.
Un epilogo devastante
Ma, come ho scoperto più tardi, il sentiero non finisce qui. La spazzatura non è solo un materiale inerte scartato, ma un agente attivo per la costruzione del futuro.
Le cose sono ancora più brutte di quanto avrei mai potuto immaginare l'anno scorso quando Koshe, la discarica alla periferia di Addis Abeba, è crollata, ed ha ucciso più di 113 persone e molti altri sono rimasti feriti. Le cause devono ancora essere determinate. Il sito era stato chiuso nel 2016 per far posto a grandi impianti di riciclaggio privati, ma è stato riaperto brevemente al momento della catastrofe a causa del disagio causato dal crollo e dall'impatto dei nuovi impianti sull'agricoltura.
Questa situazione è parte di una storia più grande. La città di Addis Abeba è in crescita e, di conseguenza, sta assorbendo le aree in crescita. Il piano di gestione della città, che è stata applicato in modo più specifico dalla fine del 2015, è dannoso per le persone che vivono nelle stesse condizioni di precarietà di uno spazzino. I loro insediamenti irregolari e l'agricoltura di sussistenza si trovano su terreni che vengono venduti ai costruttori per edificare case di lusso. Mentre la città si espande, le terre ai margini della stessa acquistano valore.
L'Etiopia ha una delle economie in più rapida crescita al mondo. Si stima che sia cresciuta tra il 7% e il 10% all'anno dall'inizio del millennio. Tuttavia, gli esperti riferiscono che questo non ha ridotto i livelli di povertà. Il 33,5% degli etiopi vive ancora in condizioni di estrema povertà. Il governo, vendendo le aree coltivabili ai costruttori per ottenere benefici privati, ha posto fine alle poche opportunità con cui vivono le popolazioni più povere. Case di lusso per ricchi etiopi hanno il loro costo per i poveri.
Tracciare un pezzo di plastica cinese che è un primo passo nel mondo delle calzature per i poveri, mi ha portato ad un panorama di impoverimento e dislocamento. Quindi tratta le infradito da spiaggia con rispetto. Sono molto più di quello che vedi a prima vista.

(articolo di Caroline Knowles, professoressa di sociologia all’Università di Londra, pubblicato sul quotidiano El Pais del 22/07/2018)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori