testata ADUC
Guerra alla droga in Messico di fronte alla pandemia da Covid-19
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
12 luglio 2020 19:50
 
 L'azione del traffico di stupefacenti durante il confinamento per contenere la pandemia di Covid-19 in Messico mostra alcuni cambiamenti: il traffico di stupefacenti verso gli Stati Uniti è stato ostacolato, ma continua ad esserci. Le organizzazioni criminali forniscono incentivi per aumentare la loro presenza nelle comunità e trarre vantaggio dalla debolezza del governo per attaccarlo e persino per esercitare pressioni violente, dice Ioan Grillo.

Lo scrittore del Regno Unito, Ioan Grillo, autore dei libri "Caudillos del crime", a cura di Grijalbo e "El Narco", ha spiegato che la diminuzione del traffico lungo il confine tra Messico e Stati Uniti, a causa delle misure di distanziamento attuato su entrambi i lati del confine ha generato un minore trasferimento di droghe, che in genere vengono trasferite in automobili.
Inoltre, anche perché bar, locali notturni, tra gli altri esercizi commerciali chiusi, l'acquisto di cocaina è diminuito, mentre i tossicodipendenti hanno avuto difficoltà a procurasi la droga.
Tuttavia, sembra che il consumo di fentanil, eroina e metanfetamine avrebbe registrato un aumento, correlato all'aumento del numero di overdose con questo tipo di narcotico.

Secondo gli esperti medici, le condizioni della pandemia - chiusura, stress - stiano aumentando il consumo di metanfetamine, eroina e fentanil. Quindi questo mercato continua ad essere lucroso per i cartelli.
Questo scrittore esperto di traffico di droga rileva che i cartelli della droga in Messico stanno approfittando della fase di confinamento per espandere la loro presenza tra le comunità, attraverso la distribuzione di pacchi di cibo alla popolazione. Dal loro punto di vista, cercano una certa "protezione", nel senso che, in un determinato momento, le persone che hanno beneficiato di questo aiuto non coopereranno con le autorità nelle operazioni o nelle indagini contro di loro. Potrebbero anche contare sull'appoggio della popolazione per lasciare merci o altre cose nelle loro fattorie, se ne avessero bisogno. Inoltre, le organizzazioni criminali usano costantemente le comunità per reclutare persone per lavorare con loro.
Grillo ha sottolineato che tali azioni non sono onerose per i cartelli e ritengono che ciò comporti comunque dei vantaggi per loro. Per questo motivo, pubblicano video che in seguito fungeranno da propaganda per dare il messaggio che sono brave persone che lavorano semplicemente in tali attività. Ci potrebbero essere trafficanti di droga che lo fanno davvero solo per aiutare, perché potrebbero provenire dai luoghi in cui distribuiscono gli aiuti.

Questo non accade solo in Messico, ma in altri luoghi come le favelas in Brasile.

Di fronte a questa situazione, il governo deve cercare di avere una maggiore presenza in queste comunità e farsi valere come unico accreditato all'uso della forza.
Ci sono aree del paese in cui i trafficanti di droga sono visti anche come autorità e in alcuni casi anche con potere legittimo, a causa della debolezza delle istituzioni statali. "Lì il governo e la società devono competere per conquistare rispetto e fiducia".
I narcos ricorrono a pressioni violente e, d'altro canto, Grillo ritiene che l'attacco contro il segretario della pubblica sicurezza di Città del Messico, Omar García Harfuch, debba essere analizzato come un fenomeno che non è una novità. Negli ultimi 13 anni, ci sono prove che le organizzazioni del traffico di droga esercitano una forte pressione violenta sullo Stato.

A suo avviso, quello che stiamo vedendo è uno Stato molto debole, dovuto in parte al fatto che siamo nel mezzo di una pandemia e stiamo cercando di contenerla, e questo viene utilizzato in alcune aree e da alcune organizzazioni per attaccare agenti, agenzie o funzionari governativi.
In termini micro, ci sono organizzazioni che ricorrono ad atti che cercano di instillare un terrore che è già stato visto nel paese, ad esempio nel settembre 2008, quando hanno lanciato granate nella notte del 15 settembre a Morelia, Michoacán.
Non è solo un problema di criminalità in sé, ma anche di azioni di sfida contro lo Stato.
Nel caso specifico dell'attacco a García Harfuch, attribuito al cartello di Jalisco Nueva Generación (CJNG), Grillo ritiene che che, tenendo conto del fatto che bisogna prestare molta attenzione quando si attribuisce la paternità di tali atti, il tipo di reazione potrebbe creare ulteriori problemi. "Cosa sta succedendo? Se stanno congelando i conti bancari, confiscando beni, ciò che stanno cercando di fare è inviare un messaggio su cosa possono fare se incidono sui loro interessi. Quindi potrebbe essere un modo violento di difendere i propri interessi".

(articolo di Diego Badillo, pubblicato su El Economista del 11/07/2020)



 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori