testata ADUC
Farmaci contraffatti in Africa. Il traffico che conduce alla morte
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
5 agosto 2019 8:56
 
  Nell'inverno del 2018, la Costa d'Avorio ha annunciato il sequestro di quasi 400 tonnellate di medicine false "che rappresentano per l'industria farmaceutica una perdita finanziaria di 100 miliardi di franchi CFA [150 milioni di euro]", dichiarava all'epoca all’Agence France Presse (AFP) un rappresentante del Ministero della Salute. Sequestro gigantesco che si aggiunse a molte altre operazioni per combattere un traffico in crescita. Molto redditizio e con poco rischio, questa attività attirerebbe molte reti mafiose. Un migliaio di dollari investiti in questo settore porterebbe fino a 500 volte di più alle organizzazioni criminali, secondo l'Istituto di ricerca anti-contraffazione di droga (IRCAM).
Mentre il fenomeno è globale, il 42% delle segnalazioni proviene dall'Africa sub-sahariana, il 21% dalle Americhe e il 21% dalla regione europea. "L'Africa sub-sahariana concentra tutte le vulnerabilità che favoriranno i medicinali scadenti o falsificati: la debolezza della governance dei sistemi sanitari, l'offerta di assistenza e una rete di farmacie sul territorio, l'esistenza di un mercato parallelo quasi tollerato e la povertà delle popolazioni", afferma il dott. Innocent Koundé Kpeto, Presidente dell'Ordine dei Farmacisti del Togo.
Dal 2017, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha abbandonato il termine contraffazione, in gran parte correlata al concetto di diritti di proprietà intellettuale, per quello di "prodotto medico scadente o falsificato", più adattato ai problemi di salute pubblico. Secondo le sue ultime valutazioni, nei Paesi a basso e medio reddito, circa uno ogni dieci farmaci non soddisfacerebbe gli standard di qualità. "Questa è la prima volta che l'OMS pubblica una valutazione statistica sull'argomento, effettuata con gli studi più affidabili che abbiamo avuto", spiega a “Le Monde Afrique” Pernette Bourdillon Estève, analista dell'OMS.

“Il profitto prima di tutto”
Nessun farmaco ne è immune: dai più innovativi ai più vecchi, i farmaci di marca, i generici ... "Coloro che partecipano alla falsificazione dei farmaci cercano soprattutto profitto. Dal momento in cui esiste la domanda, non importa se i farmaci siano di marca o generici, o quale azienda produca la versione originale", osserva l'OMS, che ha istituito un sistema di sorveglianza globale e follow-up nel 2013.
Tra questi prodotti vi sono farmaci che sono ovviamente falsificati, vale a dire fabbricati deliberatamente senza ingredienti attivi o con un altro ingrediente attivo diverso. Ad esempio, a marzo, in Camerun, è stato trovato un agente antidiabetico in un farmaco contro l'ipertensione. L'inganno è stato scoperto a causa dell'ipoglicemia causata. Ma la falsificazione non è sempre così facile da evidenziare. Così, nel 2015, undici persone sono morte e oltre un migliaio di pazienti sono stati ricoverati in ospedale nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) dopo aver assunto quello che pensavano fosse il diazepam, un sedativo popolare. In effetti, avevano ingerito un antipsicotico a dosi venti volte superiori a quelle raccomandate. Questa intossicazione causa brividi e rigidità al collo, i medici inizialmente pensavano alla meningite, quindi a malattie sconosciute. Ci è voluto del tempo prima che si resero conto che era dovuto all’assunzione di un farmaco.
Un altro caso, probabilmente il più comunemente riscontrato: i prodotti contengono meno ingrediente attivo di quanto indicato. "In questo caso, è particolarmente difficile dimostrare se il sottodosaggio è intenzionale o meno. Ciò richiede ulteriori indagini lunghe e costose", afferma Pernette Bourdillon Estève. Inoltre, questi farmaci che contengono pochi o nessun principio attivo sono ancora più difficili da individuare. Mentre l'analgesico non allevia il dolore, l'antibiotico non curerà l'infezione, l'anti-cancro non farà regredire il tumore, ma non scatenerà importanti effetti tossici. Soprattutto quando i trafficanti a volte cercano di nascondere la truffa. "Abbiamo visto vaccini senza un principio attivo ma con una dose di antibiotico per evitare infezioni nel la fase di iniezione O anche antimalarici contenenti paracetamolo per ridurre la febbre", afferma Pernette Bourdillon Estève.

"Farmacie sul campo"
Farmaci senza ingredienti attivi, con altre molecole rispetto a quelle previste, sotto-dosate, degradate ... tutti questi prodotti hanno conseguenze sulla salute delle popolazioni che li assumono. Nel migliore dei casi, prolungano la malattia e portano a cure inutili e interruzioni prolungate del lavoro. Nel peggiore dei casi, aumentano il numero di decessi, sia direttamente quando sono tossici, sia indirettamente quando non trattano una malattia potenzialmente letale. Sulla base di dati OMS, tra 72.000 e 169.000 bambini probabilmente muoiono ogni anno a causa di polmonite trattata con antibiotici con dosaggio inferiore o falsificati, secondo i dati dei ricercatori dell’Università di Edimburgo. Allo stesso modo, la London School of Hygiene and Tropical Medicine ha stimato che antimalarici scadenti o falsi sarebbero responsabili di 116.000 decessi in più ogni anno.
L'OMS spiega anche che è chiaro che la resistenza al principale farmaco antimalarico, l'artemisinina, è apparsa per la prima volta in una regione del mondo in cui, per un periodo di tempo, tra il 38% e il 90% dei farmaci basati su questo principio attivo erano di qualità inferiore o falsificati.
Tutti i settori potrebbero essere interessati da questi farmaci non conformi. Tuttavia, il mercato informale, meglio noto come "farmacie sul campo", un fenomeno peculiare dell'Africa sub-sahariana, appare il più permeabile alla frode. I farmaci venduti nei mercati, nelle bancarelle, nei negozi di alimentari, ecc., vanno semplicemente oltre la tracciabilità e il controllo di qualità. La loro origine, il loro stato di conservazione, la mancanza di formazione dei venditori espongono i consumatori a un rischio a volte mortale.

"Manovre contro i poveri"
Inoltre, quando i discorsi di prevenzione mettono in guardia contro i farmaci venduti per strada, non sempre va bene, come sostiene il dott. Afèignindou Gnassibe nella sua tesi "Il problema della lotta alla contraffazione in Togo". "Molti consumatori denunciano tutto ciò che è pericoloso per questi prodotti come manovre contro i poveri", ha scritto. Un discorso senza dubbio alimentato dai venditori ambulanti, ma che individua uno dei motivi principali per il profitto di questi mercati informali: il basso potere d'acquisto della popolazione.
Per strada, i farmaci vengono acquistati a un costo inferiore, à la carte per un trattamento puntuale, a credito o secondo i propri mezzi. Questo non è il caso delle farmacie in cui non si vende al dettaglio. "Anche se, alla fine, il prezzo per singolo prodotto non risulta più costoso in farmacia, le persone a volte preferiscono pagare solo una o due unità", conferma il dottor Innocent Koundé Kpeto.
Non vi è dubbio che un intervento miracoloso per debellare permanentemente il mercato di medicinali scadenti o falsificati. "Ma il comportamento delle persone non è irrazionale. Non spetta a loro acquistare prodotti non sicuri per scelta, ma avere accesso a farmaci essenziali", afferma il professor Antoine Flahault, direttore dell'Istituto di salute globale dell'Università di Ginevra. Ciò diventa possibile dal momento in cui le persone hanno una copertura sanitaria che supporta le loro spese per cure mediche.
Come afferma il dott. Kounde Kpeto, prima dell'introduzione dell'assicurazione sanitaria per i dipendenti pubblici, i venditori ambulanti erano a vendere la loro merce di fronte a tutte le grandi sedi istituzionali della capitale. Le bancarelle poi si sono spostate altrove poiché i dipendenti pubblici ricevono l'80% delle loro medicine. L'avvento della copertura sanitaria universale potrebbe quindi superare questo mercato informale, ma non sarà sufficiente per fermare traffico e spaccio. Infatti, nei circuiti formali sono presenti anche medicinali scadenti o falsificati, che non sono sufficientemente sicuri e privi dei mezzi per controllare la qualità. Ma questo sarebbe già un inizio.

* Nella foto AFP: la distruzione di 50 tonnellate di falsi farmaci nel distretto di Abodo, ad Abiddjan

(articolo di Anne Prigent, pubblicato sul quotidiano Le Monde del 01/08/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori