testata ADUC
La dipendenza da Internet? Una bufala nata da uno psichiatra burlone
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
28 maggio 2010 14:14
 
 Nel 1995 lo psichiatra Ivan Goldberg, che vive a New York, si inventò una malattia: la dipendenza da Internet (Internet Addiction Disorder, IAD). Ha descritto i suoi sintomi, pubblicandoli naturalmente sul suo sito: ansia, necessità di collegarsi per ore, movimenti involontari delle dita per digitare.
Lo shock è venuto giorni dopo, ricevendo decine di messaggi da persone che si identificavano con il problema. E i suoi colleghi dibattevano. Lo stesso anno, la psicologa Kimberly Young, un riferimento nel settore, fondò il Center for Addiction Recovery Internet (netaddiction.com). E il dibattito risuonò su tutti i media.
Quindici anni dopo, la polemica continua, ma si è sgonfiata. Sempre più spesso, gli esperti si rifiutano di riconoscere questa malattia. "In 25 anni di occupazione non hanno incontrato un solo paziente affetto da questa 'dipendenza', sarebbe come parlare di tossicodipendenza da telefono, non ha senso", ha dichiarato José Miguel Gaona, uno psichiatra specializzato in dipendenze e un dottorato in medicina presso l'Universidad Complutense de Madrid .
Anche l'associazione americana di psichiatria ha escluso la dipendenza da Internet come disturbo della condotta. Non esiste alcuna prova scientifica.
Goldberg, il burlone, ha cercato di cancellare il pasticcio nel 1997. "Ironizzando: si potrebbe estendere il concetto di dipendenza fino ad includere tutto ciò che la gente fa 'in eccesso': leggere libri, esercizi fisici, chiacchierare ...", dichiarò alla rivista The New Yorker.
Ma lo scherzo non si è arrestato. La bibliografia è ampia. L'Ospedale universitario di Kaohsiung (Taiwan) ha recentemente rivelato i risultati dopo due anni di analisi del comportamento di adolescenti: l'11% ossessionato dalla Rete. L'Augusta University (USA) quantificò: 4% negli Stati Uniti e il 14% in Cina. Nel 2008, la Stanford University ha parlato di 1%.
Vaughan Bell, professore presso l'Istituto di Psichiatria, Kings College di Londra, ha detto che tali indagini si basano su indagini mal progettate e campioni insufficienti. "Definiscono la dipendenza in termini di numero di ore trascorse on line, ma non le cause che portano ad essa. Le persone sono dipendenti da sostanze o attività, non da un mezzo di comunicazione. Per dire la 'dipendenza da Internet' è assurda".
Come lui, molti psicologi e psichiatri hanno trascorso gli ultimi anni nel cercare di smantellare miti. Scott Caplan, docente presso l'Università di Delaware (USA), dal 2002 ha studiato la relazione tra interazione sociale e Internet. I risultati sono rivelatori: persone affette da ansia, depressione e difficoltà di socializzazione tendono ad usare di più internet e non viceversa. Cioè, la Rete non crea patologie, ma canalizza quelle esistenti.
Quanto tempo è normale ed eccessiva di fronte allo schermo? Helena Matute, Professore di Psicologia presso l'Università di Deusto, è stato uno dei primi in Spagna a pubblicare un articolo sul tema (nel 2003). "Se qualcuno non può accedere ad Internet è come essere al bar all'angolo ogni giorno. Potrebbe essere un problema, ma non una dipendenza", ha scritto. Oggi ribadisce: "Molte persone hanno disturbi del comportamento, ma la stragrande maggioranza non può essere imputato al web".
Secondo l'Associazione per la ricerca in Comunicazione di massa (AIMC), il 37% degli spagnoli è collegato tra le 10 e le 30 ore alla settimana. Il 9% di loro più di 60 ore. La chat e social network sono le attività più popolari. Ciò ha alimentato paura verso Facebook e altri social network, che potrebbero compromettere la socializzazione della persona per tutta la vita. Falso.
L'Università della Virginia (USA), ha pubblicato nel mese di gennaio: adolescenti tra i 13 e i 14 anni con una vita sociale offline equilibrata sono più propensi ad utilizzare le reti sociali tra i 20 e i 22 anni. La considerano una normale estensione della propria vita. "Oggi i ragazzi hanno un bisogno sociale di comunicare. Prima veniva fatto di persona, poi per telefono. Ora per chat. Il canale è cambiato ", afferma Xavier Carbonell, Professore di Psicologia presso l'Università Ramon Llull (Barcellona).
Alcuni studi dimostrano che non è possibile parlare di dipendenza. Ma analizzano l'impatto del dedicarsi ai giochi di ruolo online. Qui vi è infatti una connessione piccola ma affidabile tra giochi violenti e cambiamenti di comportamento. Nick Yee, un ricercatore del Palo Alto Research Center (California), ritiene che un giocatore medio spende 20-22 ore alla settimana a questa attività. "L'unica certezza è che subito dopo una partita ad un gioco violento, alcuni adolescenti reagiscono in modo aggressivo, ma non possiamo dimostrare l'aumento della loro aggressività, a lungo termine."
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori