testata ADUC
Un derivato della cannabis efficace contro i super-batteri resistenti
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
22 gennaio 2020 12:27
 
 “La minaccia della resistenza antimicrobica non è mai stata più immediata così come la necessità di soluzioni più urgenti”. Queste sono le parole pronunciate il 17 gennaio dal direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità in occasione della pubblicazione di due rapporti sulla carenza di sviluppo di antibiotici. Attualmente sono in “elaborazione” solo cinquanta nuovi antibiotici destinati a combattere i ceppi più resistenti. Ogni anno in Europa 33.000 persone muoiono per un'infezione causata da batteri resistenti agli antibiotici.
Alcuni scienziati stanno scommettendo su come trovare la risposta altrove testando il potere antibatterico di altre molecole già note. È il caso di un team canadese che, facendo riferimento agli effetti terapeutici della cannabis, ha annunciato l'efficacia antibatterica di cinque dei suoi derivati ??in una pubblicazione non ancora sottoposta a revisione di altri studiosi.

L'azione del cannabigerolo contro gli stafilococchi resistenti
Cannabichromene (CBC), cannabidiol (CBD), cannabigerol (CBG), cannabinol (CBN) e ?9-tetrahydrocannabinol (THC) sono le cinque molecole prodotte naturalmente dalla canapa (Cannabis sativa). Tra questi, il cannabigerolo sta dando buoni risultati contro lo Staphylococcus aureus resistente alla meticillina, che è responsabile di alcune infezioni nosocomiali.
L'obiettivo del CBG lo rende particolarmente interessante. Nel loro studio, gli scienziati suggeriscono che il CBG disorganizza la membrana plasmatica degli stafilococchi. Tuttavia, la membrana plasmatica è una struttura essenziale per i batteri, le dà forma e la protegge nel suo ambiente. Pertanto non può permettersi di mutarlo facilmente come un'altra struttura non vitale. Le molecole che colpiscono la membrana inducono resistenza solo a bassa frequenza.
Un altro punto, che rende degno di interesse il CBG, è la sua azione contro i biofilm, comunità batteriche complesse che si formano su superfici biotiche (in mucose o denti, ad esempio) o abiotiche (ad esempio su apparecchiature mediche). Protetti in una matrice polimerica, i batteri sono molto meno sensibili ai disinfettanti, agli antibiotici e persino al nostro sistema immunitario. Gli scienziati hanno dimostrato che una dose di 4 µg / ml di CBG è sufficiente per interrompere un biofilm già formato.

Uno spettro d'azione che può essere esteso
Inoltre, combinato con la polimixina B, il CBG estende il suo spettro di attività ai batteri Gram-negativi. La membrana plasmatica di questi batteri è protetta da una parete sottile e una membrana esterna. La sua azione sinergica con la polimixina B rende il CBG tossico per i ceppi di Escherichia coli, uno dei motivi principali di infezioni nosocomiali, ma anche contro l'Acinetobacter baumannii, meno conosciuto ma altrettanto formidabile, a basse dosi.
Gli effetti antibatterici del CBG sono stati testati qui solo in vitro e sono necessari esperimenti in vivo per testare la sua efficacia e le sue modalità di azione. Oltre a queste interessanti proprietà farmacologiche sull'uomo, i cannabinoidi potrebbero essere una nuova corda per il nostro arco nella lotta contro i batteri resistenti agli antibiotici.

(articolo di Julie Kern, pubblicato su Futura-Santé del 21/01/2020)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori