testata ADUC
Così sarà la nostra pandemia globale
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
28 novembre 2018 15:55
 
 Se un allibratore dovesse stimare le probabilità di quale evento apocalittico possa essere più probabile per l’eliminazione della razza umana, una pandemia sarebbe al primo posto rispetto a qualsiasi attacco nucleare o un asteroide o una rivolta di robot. Epidemiologi e operatori sanitari di tutto il mondo sono d'accordo: nonostante gli sforzi di governi e agenzie per prepararsi al peggio, il mondo non è pronto per uno scoppio mondiale di una malattia contagiosa mortale. Nel febbraio del 2017, Bill Gates ha avvertito che se non vengono adottate presto misure drastiche, un agente patogeno che si sviluppa per via aerea e che si muove rapidamente "potrebbe uccidere più di 30 milioni di persone in meno di un anno”.
Di tutte le minacce emergenti di malattie, un focolaio di influenza è il più preoccupante, principalmente a causa della velocità con cui può diffondersi e della virulenza con cui può uccidere. Recenti ricerche hanno dimostrato al di là di ogni ragionevole dubbio che l'influenza spagnola del 1918, che uccise tra 50 e 100 milioni di persone e fu la più letale nella storia dell'umanità, ebbe origine negli uccelli. Oggi nuovi ceppi di influenza aviaria hanno tassi di mortalità senza precedenti, come il ceppo H5N1 apparso ad Hong Kong nel 1997 e stanno emergendo più regolarmente che mai.
La principale di queste nuove minacce è l'H7N9, un ceppo di influenza che in origine si trova in una gallina cinese. I Centri per il Controllo e la Prevenzione delle malattie (CDC) attualmente considerano che questa sia la maggiore potenziale minaccia in grado di causare una pandemia mortale, trasmessa per via aerea. Il virus è stato rilevato per la prima volta in un essere umano nel 2013. I dati diffusi il mese scorso indicano che la più recente epidemia di H7N9 è quella del mese di ottobre 2016, che ha ucciso più persone in Cina rispetto ai precedenti quattro focolai di influenza aviaria, avendo prodotto una variante che è meno suscettibile ai vaccini.
Sebbene sia chiaro chi è il principale sospettato, c'è un problema quando si tratta di prepararsi ad affrontare l'H7N9 su scala globale. Come dice il dott. Keiji Fukuda, ex capo dell'epidemiologia al CDC, l'umanità ha "schivato un proiettile" in relazione alle pandemie negli ultimi anni. Attraverso una combinazione di preparazione, azione veloce e buona fortuna, la SARS nel 2002 o nel 2009 l'influenza suina o Ebola nel 2014, sono pandemie che hanno finito di esser tali. Abbiamo pochi punti di riferimento o modelli per fornire indizi su come potrebbe essere un mondo nel mezzo di un'epidemia mortale contemporanea e di come, nella nostra società collegata a 360 gradi, potremmo prepararci al peggio.
Irwin Redlener è il direttore del National Center for Disaster Preparedness della Columbia University. Lui e il suo team hanno trascorso gli ultimi 14 anni a studiare disastri causati da cambiamenti climatici, terrorismo o uccelli malati. Usando modelli di dati e computer, hanno esplorato i vari scenari che potrebbero verificarsi dopo l'emergere di un nuovo ceppo letale e virulento dell'influenza aviaria, e i risultati di questi modelli profeticamente deprecabili sono letti come una fiction di zombie.
Lo scenario possibile
Il virus, una variante di H7N9, viene rilevato per la prima volta in un paziente che è stato esposto a volatili vivi in ??uno dei mercati di pollame rurale in Cina, dove il rigore e la regolamentazione attualmente applicati a molti dei mercati di Hong Kong non sono ancora stati applicati. Una settimana dopo, vengono rilevati altri tre casi e il paziente muore in ospedale a causa di un'infezione polmonare.
Un laboratorio gestito dal CDC di Atlanta è il primo ad esaminare un campione di sangue prelevato dalla vittima. I virologi del CDC confermano di aver rilevato un nuovo ceppo di influenza aviaria. Il governo cinese, esperto nella gestione di tali epidemie, ordina la chiusura dei mercati di uccelli e il massacro di decine di migliaia di uccelli nella provincia in cui sono stati scoperti i primi casi.
Tuttavia, dopo alcuni giorni, gli ospedali continuano a ricevere un grande flusso di nuovi casi: è chiaro che né il sacrificio né le meticolose regole del paese per trasportare animali vivi sono efficaci. Sembra che questo nuovo virus possa diffondersi tra le persone attraverso l'aria che respiriamo.
Alcuni giorni dopo, nuovi casi della malattia sono segnalati nei Paesi vicini della Cina, anche se non è chiaro in questo momento se il virus si è diffuso attraverso camion che attraversano i confini o dagli uccelli che migrano durante l'inverno.
Quasi immediatamente, prevede Redlener, gli aeroporti internazionali inizieranno a chiudere nel tentativo di evitare la trasmissione intercontinentale. I viaggi aerei, dove estranei provenienti da regioni geografiche con diversi livelli di vulnerabilità alle malattie sono costretti a rimanere in uno spazio chiuso per un lungo periodo di tempo, è attualmente il modo più veloce per viaggiare.
Come le trincee e gli ospedali dell'epidemia di influenza spagnola del 1918, un aeroplano funge da incubatrice per un virus e infetta passeggeri che, dopo essere sbarcati e andati via, diffondono il virus in modo efficace. Come recentemente affermato da Ed Yong su Atlantico, quando si tratta di diffondere malattie, "attraversando i cieli a diversi livelli, trasformiamo piccoli incendi in grandi incendi globali".
La chiusura dell'aeroporto arriva troppo tardi per fermare la diffusione della pandemia. Nel mondo connesso di oggi, una malattia può essere trasportata da un villaggio rurale a qualsiasi città principale in 36 ore, più velocemente di quanto qualsiasi governo possa attuare una politica di divieto di volo. I primi casi sono segnalati in Europa e, poco dopo, negli Stati Uniti. In queste prime settimane la disinformazione abbonda, come durante l'epidemia di Ebola nel 2014, quando rapporti falsi hanno fatto diffondere il virus più facilmente. Nei canali di notizie via cavo, alcuni esperti suggeriscono che l'epidemia è il risultato di una ricerca genetica irresponsabile in Cina. Altri suggeriscono che faccia parte di una trama terroristica.
Le prime scuole sono chiuse. "Una delle cose più importanti che si possono fare in una pandemia emergente è ridurre l'infezione tra i bambini", afferma Redlener. Tuttavia, i modelli d’azione mostrano che questa precauzione risolve lo stesso numero di problemi che crea. "Chi si prende cura dei bambini a casa?" Chiede Redlener. "Cosa succede se i genitori vengono infettati? E ??cosa succede all'economia quando i genitori non possono più lavorare? Come fanno le persone a comprare cibo se non hanno un reddito?"
Le catene di approvvigionamento iniziano a collassare mentre compaiono le prime conseguenze economiche locali e regionali della pandemia. "Chi fornisce le nostre scorte quotidiane di cibo e medicine e tutto ciò di cui abbiamo bisogno se ci sono persone infette ovunque?" Chiede Redlener. "Consentiremo ai camion di spostarsi tra gli Stati se così facendo aumenta il rischio di diffondere la malattia?"
In poche settimane, gli scaffali dei supermercati sono vuoti. Le code alle stazioni di servizio si estendono lungo le strade, almeno durante i pochi giorni in cui c'è ancora benzina.

La fragilità di ogni meccanismo altamente raffinato che garantisce il comfort e la facilità della vita contemporanea nei Paesi più ricchi viene esposta lentamente e completamente. La crisi sanitaria globale si sposta da "essere sulla lista di cose che nessuno vuole fare, ad essere l'unico compito sulla lista di cose da fare per molte persone", ha detto Bill Steiger, che ha diretto l'Ufficio degli affari globali della salute durante il amministrazione di George W. Bush, al Washington Post di aprile mentre si preparava per una pandemia.
Mentre il CDC pubblica raccomandazioni ogni giorno (rimani a casa, chiudi la bocca se tossisci), il presidente Trump risponde con una retorica tipicamente stravagante. Questa volta, tuttavia, la retorica porta a misure ancora più forti. I confini degli Stati Uniti con il Canada e il Messico sono stati chiusi, la legge marziale dichiarata e gli americani malati messi in quarantena (e collocati nei campi di detenzione se si scopre che hanno violato il coprifuoco). Usando il sentimento pubblico su queste cospirazioni epidemiche, Trump inizia una guerra commerciale con la Cina.
Mentre la pandemia continua, iniziamo a vedere l'incapacità delle nazioni di rispondere. Ospedali, personale medico e farmaci vengono testati con metodi senza precedenti. "C'è stato un piccolo miglioramento negli Stati Uniti nella capacità di curare medicalmente le persone colpite da una pandemia", afferma Redlener. "Abbiamo abbastanza agenti antivirali. Non hanno ventilatori meccanici a sufficienza. E ' molto rischioso sapere se prendersi cura delle persone che hanno bisogno di essere ricoverate in ospedale in caso di una pandemia e come. A quel punto ci sentiremmo semplicemente sopraffatti da parte dei pazienti."
È qui che viene rivelata la grande complessità di uno scenario pandemico: considerare le questioni etiche che si presenteranno nel mezzo del disastro. Cosa succede, ad esempio, quando gli ospedali sono a corto di ventilatori meccanici? Un medico può dire a un genitore che, poiché le probabilità di sopravvivenza del figlio sono inferiori a quelle di un giovane adulto, il respiratore verrà confiscato? "Non ci sono semplici linee guida su come dovremmo gestire le enormi carenze che troveremo nel sistema sanitario in caso di pandemia", afferma Redlener.
Indipendentemente dal fatto che queste situazioni ipotetiche siano plausibili o esagerate, Redlener crede che le conseguenze di una pandemia siano al di là delle attuali considerazioni di molti progettisti di catastrofi. I modelli possono mostrare quanto velocemente un virus potrebbe viaggiare in tutto il mondo, ma non spiegano in dettaglio le implicazioni del collasso della società nel mezzo di una pandemia mortale. Il mondo intero, dice Redlener, è "completamente impreparato".
Redlener e i suoi colleghi non sono gli unici a considerare queste conclusioni apocalittiche. Nel 2011, l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha presentato un'iniziativa globale denominata “caso di pandemia influenzale “(PGP), un programma progettato per fermare o ritardare una pandemia di influenza fin dai primi passi ed evitare il tipo di disastro globale sopra descritto.
Come parte del PGP, una rete di oltre 150 laboratori in tutto il mondo, noto come Sistema Globale di sorveglianza e risposta all'influenza, controlla i focolai di influenza, ed ha esaminato campioni di sangue di pazienti infettati e monitora le vendite in farmacia di farmaci utilizzati per trattare i sintomi della malattia. Questa ricerca considera la creazione del vaccino contro l'influenza stagionale, le cui nuove versioni sono sviluppate due volte all'anno, e fornisce la base per il parere che l'Organizzazione Mondiale della Sanità dà ai governi per aiutarli a prepararsi per una pandemia.
Molte nazioni hanno sviluppato i loro piani specifici. Il Regno Unito, ad esempio, ha creato una strategia identificabile per il controllo delle malattie degli animali, che stabilisce le procedure da seguire in caso di comparsa di una malattia che potrebbe trasformarsi in una pandemia sull'isola. Tuttavia, l'Organizzazione Mondiale della Sanità sta lavorando per coordinare meglio gli sforzi e le strategie tra le nazioni sulla base dell'esperienza dell’influenza spagnola del 1918: non è possibile combattere una pandemia curando i pazienti individualmente. Si crede che una moderna pandemia possa essere sconfitta solo trattando il mondo in un modo interconnesso e non considerando le nazioni separatamente.
"Una pandemia è un evento globale", afferma Sylvie Briand, direttore del dipartimento Contagion Risk Management, parte di un programma di emergenza dell'Organizzazione mondiale della sanità di recente creazione. "Deve essere gestita sia a livello nazionale che internazionale, una malattia non ha confini". Pardis Sabeti, uno dei principali ricercatori sulle malattie infettive presso l'Università di Harvard, ha dichiarato allo stesso Atlantico all'inizio di quest'anno: "I virus sono minacce globali per l'umanità, sono un problema comune. Uno solo".
Tuttavia, il tipo di minaccia che l'influenza pone è diversa a seconda del Paese da cui proviene. "Il problema è che fino ad ora l'influenza è vista come una malattia di Paesi ricchi e temperati", afferma Briand. "Non è così, l'influenza è ovunque, ma in molti Paesi tropicali, dove c'è un alto tasso di mortalità per malattie respiratorie, il più delle volte non sanno nemmeno che ciò è dovuto all'influenza".
Nel 2014, l'amministrazione Obama si è impegnata a donare un milione di dollari a un'associazione di nuova creazione, la Global Health Security Agenda. Il programma intende contribuire a prevenire la diffusione di epidemie letali rafforzando i sistemi sanitari di base nei Paesi meno sviluppati il ??cui obiettivo è combattere le epidemie. Ha fornito corsi di formazione in epidemiologia agli operatori sanitari del Mali, ad esempio, ed ha aiutato i governi a sviluppare piani di emergenza per affrontare un'epidemia di influenza aviaria. Più di 30 Paesi hanno partecipato alle diverse valutazioni per determinare la loro capacità di individuare e prevenire epidemie (i risultati, anche negativi, sono resi pubblici). Il progresso è, tuttavia, "ancora fragile" e "richiede un finanziamento continuo", secondo un'analisi interna del CDC.
Attualmente, gli sforzi per migliorare la collaborazione internazionale sono incoraggianti. Tuttavia, non possiamo prevedere in che modo le nazioni reagirebbero se venisse richiesto un sostegno reciproco nella estrema confusione di un'ipotetica pandemia.
"Quando, per esempio, c'è una grande tempesta costiera nel nord-est degli Stati Uniti. O qualcosa del genere Katrina nella regione del Golfo, arriva di solito l'aiuto di altre città e regioni per la zona del disastro", ha detto Redlener. In altre parole, coloro che non sono interessati normalmente supportano coloro che lo sono. "Ma una pandemia minaccia tutti, ovunque, Boston non può aspettarsi di ricevere altri sostenitori da New York, Washington o Chicago perché quelle città avranno bisogno di tutto ciò che hanno". Le risorse sono limitate e, a tutti i livelli, dalle città vicine fino a tutta la nazione, si attiva l'istinto umano di prendersi cura di se stessi.
"È necessario molto lavoro per garantire la collaborazione durante una crisi", afferma Briand. "La tendenza è che ogni Paese accumuli i vaccini ed esegua il proprio piano di preparazione individuale. Ma abbiamo bisogno di aggiungere una preparazione a livello sovranazionale per garantire che le prime ad essere colpite non siano tutte le risorse. Questo è ciò che può accadere in occasione di un evento globale: il Paese più ricco avrà accesso ai vaccini e gli altri no".
Parte del problema, per chiunque sia coinvolto in questa difficile situazione, è che è molto difficile anticipare i problemi. La vaccinazione è di gran lunga il modo più efficace per difendersi da una pandemia. Tuttavia, come dice Redlener, gli ingranaggi e le ruote del capitalismo vanno contro la ricerca, lo sviluppo, la produzione e la conservazione dei vaccini (alcuni dei quali scadono in 12 mesi). "In un sistema privato di produzione, ricerca e sviluppo", spiega, "le aziende farmaceutiche non possono avere la capacità o la volontà di investire grandi quantità di denaro per qualcosa che non accadrà e il cui ritorno non può essere previsto."
Nel frattempo, i laboratori dell'Organizzazione mondiale della sanità continuano a lavorare per aumentare la velocità di produzione dei farmaci, nella speranza di ridurre il tempo di sviluppo di un nuovo vaccino, portandolo da sei mesi almeno a quattro. La velocità con cui l'influenza può essere trasmessa è fondamentale: l'influenza del 1918, in particolare, ha ucciso più persone in 24 settimane che l'AIDS in 24 anni.
Oggi l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha assicurato 500 milioni di dosi di vaccino antinfluenzale generale, ma potrebbe non essere efficace contro un nuovo ceppo di influenza aviaria. Queste riserve, dice Briand, consentiranno al mondo di affrontare la prima ondata di una pandemia. Ma Redlener, invece, sostiene che le riserve saranno completamente insufficienti. "Non abbiamo abbastanza vaccini in grado di fermare una grande pandemia di qualsiasi tipo di influenza e men che mai una pandemia mortale altamente contagiosa".
Le politiche nazionali e internazionali svolgono un ruolo cruciale nella creazione di nuove forme di collaborazione per affrontare una potenziale pandemia. Tuttavia, come dimostrato dalla Brexit e dall'aumento della retorica nazionalista/sovranista sulla scena mondiale, questa collaborazione si fonda su basi sempre più instabili.
"Donald Trump è stato molto esplicito riguardo ad “America First”, che è una politica retrograda e inappropriata in relazione a quasi tutti i principali problemi che affliggono il mondo: economia, salute pubblica, cambiamento climatico", afferma Redlener. Infatti, nelle sue prime settimane in carica, Trump ha proposto drastici tagli alle agenzie governative che si adoperano per fermare le epidemie letali alla fonte.
Durante l'epidemia di Ebola nel 2014, Trump ha twittato che gli operatori umanitari americani non dovessero tornare in Nord America ("Che si tengano lontani da qui", ha scritto), in modo che non diffondessero la malattia. È un modo di pensare che suggerisce come Trump sarebbe riluttante a inviare aiuti statunitensi per aiutare contro le epidemie in altre nazioni. "La frammentazione dei nostri Paesi aumenta solo la minaccia rappresentata da una pandemia", afferma Redlener.
Per l'Organizzazione Mondiale della Sanità, la necessità di una collaborazione internazionale continua è cruciale non solo nel caso di una pandemia, ma anche in esercitazioni e costruzione di difese per un evento del genere. "La preparazione richiede uno sforzo continuo", dice Briand. "I meccanismi sono forti solo se li usi frequentemente, le persone cambiano, le linee guida cambiano, quindi devi fare costantemente esercizi di simulazione per assicurarti che il piano sia aggiornato e davvero preparato ad affrontare l'imprevisto."
Quando possiamo aspettarci un'altra influenza aviaria? Tutti gli esperti intervistati in merito hanno sostenuto che non solo è probabile che si manifesti una pandemia importante, ma è pericolosamente imminente.
L'Organizzazione Mondiale della Sanità sta attualmente monitorando diversi virus dell'influenza aviaria che, secondo Briand, "hanno un potenziale pandemico". Tra questi c'è l'H10N8 appena scoperto, una malattia di origine sconosciuta che ha fatto la sua prima vittima umana in Cina quattro anni fa. Da allora, il CDC ha monitorato oltre 300 focolai in 160 Paesi ed ha individuato 37 pericolosi agenti patogeni nell'ultimo anno.
Chiaramente non siamo preparati. Come dovremmo essere? Non si può fare una simulazione del collasso della società. I sistemi sanitari in tutto il mondo hanno già difficoltà a soddisfare i bisogni delle nostre popolazioni in termini di crescita e invecchiamento, figuraryi a fronteggiare quelli che si presenterebbero dopo una catastrofe pandemica. Nel frattempo, la xenofobia e altre posizioni nazionaliste e introspettive sono contrarie alle politiche internazionali e alle necessarie collaborazioni per impedire che un'epidemia locale diventi una pandemia.
In un suo articolo di gennaio, Bill Gates ha scritto che si sente ottimista e che, con un piccolo sforzo, l'umanità potrebbe ancora evitare il peggio. "Entro un decennio, possiamo essere molto meglio preparati per un'epidemia letale se siamo disposti a mettere una frazione di ciò che spendiamo in bilanci per la difesa e nuovi sistemi di lotta per prevenire le epidemie".
Ma questa volontà, come dice Redlener, "deve ancora manifestarsi". Fino a quando non si manifesterà, continueremo a vivere sotto l'ombra minacciosa degli uccelli che volano attraverso il cielo grigio.

(articolo di Simon Parkin, pubblicato sul quotidiano El Pais del 28/11/2018)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori