testata ADUC
Consumo di carne e clima. ‘E’ necessario un cambiamento culturale’
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
9 settembre 2020 9:20
 
Che il consumo di carne contribuisca al riscaldamento del nostro pianeta, non è uno scoop. Il solo bestiame è oggi responsabile di circa il 15% delle emissioni di gas serra di origine antropica nel mondo. Essenzialmente sotto forma di metano (CH4), un potente gas serra emesso da animali domestici e aerofagia di animali. ….
E il problema è ulteriormente accentuato dal fatto che le produzioni animali mobilitano oltre l'80% dei terreni agricoli. Per il pascolo o per la produzione di cereali e legumi che alimentano gli animali da cortile. Queste sono tutte terre che non sono più boscose. Tanta terra che immagazzina meno carbonio, soprattutto quando viene arata regolarmente, spoglia per metà dell'anno e non delimitata da siepi.

Meno carne consumata, più CO2 immagazzinata
I prodotti animali sono in un certo senso "concentrati di prodotti vegetali". Sono quindi molto consumatori di terra, input e produttori di gas a effetto serra. Quanto potrebbe essere ridotto il nostro consumo di carne e latte per passare al consumo di prodotti ricchi di proteine ??vegetali - come lenticchie, fagioli, piselli, soia o noci – e quindi compensare il carbonio emesso altrove? Questa è la domanda posta dai ricercatori della New York University (Stati Uniti).
Che hanno evidenziato come regioni in cui cambiare il modo in cui le persone mangiano rigenererebbe gli ecosistemi.
"Il più grande potenziale per la ricrescita delle foreste e i benefici climatici che porta, esiste nei paesi a reddito medio-alto e alto, dove la riduzione del consumo di carne e latticini avrebbe impatti relativamente minori. sulla sicurezza alimentare", ha detto Matthew Hayek, autore principale dello studio in una dichiarazione della New York University.
Secondo i risultati di questo studio, la ricrescita della vegetazione potrebbe eliminare tra i 9 e i 16 anni di emissioni globali di CO2 dai combustibili fossili, se la domanda di carne dovesse diminuire notevolmente nei decenni a venire. "Possiamo aiutare a mirare ai luoghi in cui il ripristino degli ecosistemi e l'arresto della deforestazione in corso avrebbero i maggiori benefici in termini di carbonio", ha affermato Nathan Mueller, ricercatore presso l'Università del Colorado nella stessa dichiarazione. "Abbiamo mappato solo le aree in cui i semi potrebbero disperdersi, crescere e moltiplicarsi naturalmente in foreste dense e ricche di biodiversità e altri ecosistemi che lavorano per rimuovere la CO2 per noi", aggiunge Matthew Hayek. Il risultato: oltre sette milioni di chilometri quadrati in cui le foreste sarebbero abbastanza umide da ricrescere e prosperare naturalmente, un'area delle dimensioni della Russia nel suo complesso.

Un necessario cambiamento culturale
"Non è così semplice", ha detto Bruno Parmentier da parte sua. “Nel mondo ci sono sempre più classi medie che iniziano a consumare carne e latte. È inevitabile. E a questo ritmo non ci stiamo dirigendo verso una diminuzione del consumo di carne, ma verso un raddoppio di questo consumo entro il 2050".
“È quindi urgente offrire alle nostre società ricche le condizioni culturali che accelereranno la diminuzione dei loro consumi. Perché la diminuzione è già in atto. Nel 1950 il consumo medio di carne all'anno e per francese era di 50 chili. Nel 2000 era di 100 chili. “Ieri è scesa per un dolce pendio fino a 85 chili. Durante la crisi del coronavirus, è diminuito più bruscamente e dubito che tornerà indietro”, aggiunge Bruno Parmentier. “Scommetto che riusciremo a ricadere sui 50 o 60 chili di carne consumati all'anno e dai francesi. E prima ci arriviamo, meglio è."
Per raggiungere questo obiettivo, l'esperto ritiene che sarà necessario un cambiamento culturale. “Un po' come è successo con il vino. Negli anni '60 ogni francese consumava in media 140 litri di vino all'anno. Oggi siamo più vicini ai 40 litri. E se i viticoltori sono sopravvissuti a questo calo dei consumi, è scommettendo sulla qualità, più che sulla quantità. Il turnover della professione è persino aumentato", afferma Bruno Parmentier. “Lo stesso tipo di cambiamento deve essere incoraggiato per i settori della carne e del latte."
Ridurre la pressione dell'allevamento sul nostro pianeta richiederà quindi un consumo più ragionato. Mangia carne meno spesso e in quantità minore. Concentrati sulla qualità. Ma pensa anche ai nostri metodi di produzione. “Il mondo ha raggiunto la sua quota di ruminanti. Nei paesi ricchi, ogni altro ruminante viene ora trasformato in un mangiatore di cereali e nutrito con soia e mais importati. Come le mucche della Normandia che hanno un impatto maggiore sul clima rispetto alle mucche che si nutrono dell'erba che cresce nel Massiccio Centrale. E nei paesi poveri, ogni ruminante in più causa un pascolo eccessivo e trasforma la savana in un deserto ", analizza Bruno Parmentier prima di concludere. “Il riscaldamento globale è il problema numero uno. E non esiste una soluzione facile. L'introduzione di un carbonio equivalente al Nutri-Score aiuterebbe senza dubbio a realizzare l'impatto di ciò che mettiamo nei nostri piatti."

(articolo di Nathalie Mayer su Futura-Planète del 08/09/2020)
 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori