testata ADUC
Il consumo di cannabis dopo il lavoro non ha riflessi sulla produttività. Studio
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
28 agosto 2020 8:03
 
Musicisti e artisti usano da tempo la cannabis per migliorare la propria creatività. Ma in che modo la droga influisce sui lavori più convenzionali dalle nove alle cinque? Con la cannabis ora legale in più luoghi, incluso il Canada e diversi stati degli Usa, si sta conducendo una ricerca su come influisce sulla produttività delle persone al lavoro.
Un recente documento ha rilevato che l'uso della droga dopo il lavoro non ha danneggiato le prestazioni o la produttività delle persone il giorno successivo. La ricerca ha esplorato il modo in cui l'uso di cannabis in diversi momenti della giornata ha influenzato la capacità delle persone di completare gli incarichi e soddisfare le proprie esigenze lavorative, nonché il loro comportamento nei confronti dei colleghi e l'atteggiamento nei confronti del loro lavoro.

L'uso di cannabis dopo il lavoro non ha influenzato nessuna delle misurazioni delle prestazioni sul posto di lavoro. Forse prevedibilmente, tuttavia, quando le persone facevano uso di cannabis prima e durante il lavoro, non se la passavano così bene.
La droga ha interferito con la loro capacità di svolgere compiti, ha influenzato la loro concentrazione e ha ridotto la loro capacità di risolvere i problemi. Ha avuto un effetto negativo sul "comportamento civico" delle persone: la probabilità che aiutassero i colleghi o lavorassero in gruppo. E ha anche aumentato la propensione delle persone a comportamenti controproducenti, come sognare ad occhi aperti sul lavoro e impiegare troppo tempo per svolgere un'attività.

Meglio dell'alcol?
Come con l'alcol - dove consumare un bicchierino rispetto a una birra non influenzerà solo la velocità di alterazione, ma l'impatto che questo ha sul funzionamento - l'effetto della cannabis varierà a seconda del prodotto.
Lo studio non fornisce molti dettagli sulla quantità di cannabis consumata dai partecipanti, solo che l'hanno usata prima, durante o dopo il lavoro. Quindi sappiamo poco del punto in cui il consumo di cannabis inizia a influenzare negativamente le prestazioni lavorative. Tuttavia, sfida gli stereotipi dei consumatori di cannabis in quanto pigri e immotivati.
La ricerca sugli effetti dell'alcol sulle prestazioni lavorative è molto più ampia. Mostra come bere dopo il lavoro, e in particolare bere pesantemente, influenzi negativamente il lavoro in molti modi. Questo include ridotta produttività, maggiori livelli di assenteismo, comportamenti inappropriati e rapporti più semplicistici con i colleghi di lavoro.

Questa nuova ricerca sulla cannabis e la produttività, sebbene limitata, è un importante passo avanti nello studio degli effetti della droga sulla società. Va oltre le valutazioni storicamente grossolane dell'uso di cannabis, che chiederebbero semplicemente ai partecipanti se hanno mai usato cannabis o meno, quindi traggono conclusioni basate su questo raggruppamento semplicistico. Queste chiaramente hanno non considerato le varie dosi e la frequenza di utilizzo.
La ricerca in quest'area è complicata, tuttavia, poiché è probabile che le persone che fanno uso di cannabis utilizzino o abbiano una storia di utilizzo di altre sostanze, come l'alcol. Quindi districare quale sostanza è associata a un effetto sulle prestazioni è difficile, se non impossibile in alcuni casi.

Implicazioni per i test antidroga
Il consumo di cannabis non è un'attività di nicchia. Si stima che circa il 20% degli americani abbia usato la droga, mentre in Europa la cannabis rimane la droga più popolare dopo l'alcol, legale o meno. La cannabis è ben nota per ridurre lo stress e aiutare le persone a rilassarsi, quindi è probabile che sia un antidoto allettante per una giornata stressante al lavoro.
Se le aziende hanno politiche relative alla droga, dovrebbero essere basate su prove e specifiche analisi per le esigenze del lavoro. Gli effetti della cannabis sul coordinamento sono un'area più problematica. Come l'alcol, la droga riduce le capacità motorie, i tempi di reazione e la coordinazione occhio-mano delle persone.
A differenza dell'alcol, non sembrano esserci effetti negativi residui sulla coordinazione il giorno dopo aver usato la cannabis, a differenza dell'alcol. Ma un altro studio dell'inizio di quest'anno ha scoperto che l'uso cronico e pesante di cannabis era associato a prestazioni di guida peggiori nei conducenti non dipendenti. Questo perché la droga può compromettere le capacità motorie necessarie per una guida sicura a lungo termine.

Questo campo di prova in evoluzione rende difficile i test per i datori di lavoro che li fanno per i propri dipendenti. Poiché la maggior parte delle droghe si decompone molto rapidamente nel corpo, i test sono progettati per identificare sostanze chimiche chiamate metaboliti, che rimangono dopo che la droga termina i suoi effetti e possono essere rilevate settimane dopo l'uso.
Ciò significa che un dipendente potrebbe aver consumato cannabis in vacanza, ad esempio, quindi essere sottoposto a un test antidroga basato sul lavoro settimane dopo e affrontare un'azione disciplinare quando il test mostra un risultato positivo, anche se la droga non influisce sulle sue prestazioni.

Per colmare questa lacuna, esistono app che forniscono un metodo alternativo per valutare il deterioramento misurando i cambiamenti nelle prestazioni delle attività. Questo potrebbe rivelarsi un modo più affidabile ed efficiente per verificare se la cannabis e altre droghe stanno effettivamente danneggiando le prestazioni lavorative di qualcuno. Aspettarsi che un'intera forza lavoro si astenga dal consumo di droghe non è realistico e limiterà la rosa di talenti a cui i datori di lavoro possono attingere per assumere.

(Articolo di Ian Hamilton, Associate Professor of Addiction., University of York, pubblicato su The Conversation del 27/08/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori