testata ADUC
Chi c’è dietro ai codici a barre dei prodotti che acquistiamo
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
7 novembre 2020 10:43
 
 Chi sceglie i numeri del barcode? Chi disegna le barre? Continua il nostro viaggio per rispondere alle tante curiosità sul codice a barre e anche per sfatare qualche mito
Il codice a barre GS1 esiste da più di 45 anni eppure sembra ancora essere un oggetto avvolto da una fitta nebbia di mistero.
CHI METTE I CODICI A BARRE SUI PRODOTTI?
Tecnicamente lo fa direttamente l'azienda proprietaria del marchio che è utente del sistema GS1. Naturalmente rispettando le regole GS1, altrimenti sarebbe davvero come giocare al Bingo.
E CHI SCEGLIE I NUMERI DEL BARCODE?
Sempre l'azienda proprietaria del marchio del prodotto e sempre all'interno del sistema di regole GS1.
LA PRIMA REGOLA DEL CLUB GS1: UNIVOCITÀ
Non è certo un segreto: l'univocità è il punto di forza di tutto il sistema GS1.
Quando un'azienda aderisce al sistema GS1, diventa “utente” e riceve in dotazione il proprio prefisso aziendale GS1 - il GS1 Global Company Prefix - che da quel momento diventa il suo identificativo univoco internazionale. Un po’ come il codice fiscale, o la partita Iva. La differenza è che il prefisso GS1 è internazionale, riconosciuto e accettato in tutto il mondo.
Aderendo al sistema GS1, l'azienda riceve anche un pacchetto base di 1.000 numeri GS1 (EAN) - che contengono il suo prefisso aziendale GS1 - che può assegnare ai suoi prodotti, generando così un identificativo unico per ogni suo prodotto. Si tratta del GTIN – il Global Trade Item Number - ovvero il numero internazionale GS1 dell’unità commerciale.
Questi numeri identificano i prodotti, contengono il collegamento con il proprietario del marchio (il prefisso GS1) e vengono poi rappresentati in forma di barre verticali chiare e scure per essere letti dagli scanner ottici, ad esempio, delle casse dei supermercati o dei magazzini. Gli esseri umani leggono i numeri; queste macchine invece i simboli grafici.
CHI DISEGNA LE BARRE DEI CODICI?
In realtà le barre del barcode - che corrispondo ai numeri dell'identificativo GS1- vengono generate da sistemi informatici per essere stampate.
Si può utilizzare Codifico, il tool gratuito che permette sia di generare i codici a barre EAN sia di assegnarli ai prodotti.
In alternativa, ci si può procurare un programma con licenza o affidare a un tipografo.
Attenzione, però, sempre alla qualità della stampa dei codici EAN, affinché siamo sempre leggibili. Come?  Seguendo le regole per stampare correttamente i codici a barre EAN (evita gli  errori più frequenti e scegli le combinazioni di colore più adatte) oppure utilizzando il servizio di verifica etichette.

(A cura di Vanessa Giulieri, customer service manager GS1 Italy, su Tendenze online)

 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori