testata ADUC
Cannabis legale in Usa. Guidare un veicolo col Thc nel sangue
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
5 dicembre 2019 9:22
 
 Un punto di discussione comune per gli oppositori della cannabis in tutto il mondo è che la riforma della cannabis porterà al caos sulle strade pubbliche.
È probabile che quando una riforma della cannabis viene proposta in un Paese, chi si batte contro questa riforma parlerà di giorno del giudizio con una "catastrofica epidemia che colpirà i guidatori".
Nessun paese sembra essere immune da questo fenomeno.

Cosa dice la scienza?
La cannabis è una sostanza inebriante e guidare sotto l'influenza è un problema molto serio che merita confronti costruttivi e soluzioni basate sulla scienza.

Uno studio canadese fornisce alcuni approfondimenti
I ricercatori di Toronto, in Canada, hanno analizzato i dati di un gruppo di giovani maggiorenni che hanno partecipato a simulazioni di test di guida durante il consumo di cannabis.
Il test simulato delle prestazioni di guida ha comportato l'inserimento di questi giovani in tre gruppi:
    • Consumo di sigarette alla cannabis che contenevano alto THC
    • Consumo di sigarette alla cannabis che contenevano basso THC
    • Consumo di un placebo consumato (senza THC)
Tutti i partecipanti erano consumatori regolari di cannabis.
Le prestazioni di guida di ciascun soggetto sono state analizzate 30 minuti dopo il consumo, poi di nuovo 24 ore e 48 ore dopo lo stesso consumo.
I ricercatori hanno concluso che "la cannabis ha causato una diminuzione della velocità, un aumento della frequenza cardiaca e un aumento dell'effetto VAS (ndr: Visual Analogue Scale: scala analogica visiva) proporzionale al livello di droga. Non ci sono state prove di effetti residui di questo tipo nei due giorni successivi alla somministrazione di cannabis".

Perché i risultati dello studio sono importanti
Nessuno vuole conducenti pericolosi che guidano veicoli a motore su strade pubbliche. Questo è vero per le persone che guidano sotto l'influenza della cannabis così come lo è per tutte le altre sostanze inebrianti.
Detto questo, solo perché qualcuno ha metabolizzato del THC nel proprio organismo non significa che stia guidando un veicolo a motore mentre è sotto l’effetto della cannabis.
L'uso potrebbe essersi verificato giorni o addirittura settimane prima. La metabolizzazione del THC può rimanere nell’organismo di una persona per molte settimane. L'attuale tecnologia di rilevazione della cannabis (DUII: driving under the influence of intoxicants) può rilevare solo la presenza di THC e non i suoi effetti.
Questo rappresenta un problema per i consumatori di cannabis che utilizzano un autoveicolo alcuni giorni dopo il consumo. Secondo i risultati dello studio canadese, la persona non è alterata.
Tuttavia, la stessa persona sarebbe probabilmente arrestato per un DUII di cannabis poiché la metabolizzazione del THC sarebbe stata rilevata nel suo organismo.
Questo è ovviamente un problema per l'autista, ed è anche un problema per chi lo arresta che probabilmente si ritroverebbe, grazie all’applicazione di questi dati scientifici al caso specifico, smentito per il suo provvedimento.

La scienza deve essere applicata alla politica DUII sulla cannabis
Poiché i Paesi cercano di affrontare con raziocinio le preoccupazioni relative ai consumatori di cannabis che guidano sotto l'influenza di questa sostanza, è fondamentale che un punto di riferimento in merito sia la scienza e non le opinioni politiche.
È molto importante che la politica sulla cannabis si basi su una solida scienza e che le politiche non si basino su una tecnologia in grado di rilevare solo la semplice presenza di THC.
Una soglia di THC ng / mL arbitraria di per sé non si basa sulla scienza perché non dimostra una alterazione di chi risulta positivo.
I test di sobrietà in materia potrebbero non essere fatti con una tecnologia all'avanguardia, tuttavia sarebbe sufficiente uno standard molto migliore per misurare l’alterazione della cannabis così come avviene con un etilometro, cioé un test che rileva il THC metabolizzato.
I consumatori di cannabis devono fare la propria parte e astenersi dal guidare sotto l'influenza della cannabis. La tecnologia può essere di aiuto in merito.
Un buono strumento è l'app Canary che è stata sviluppata dall’associazione NORML. Secondo gli sviluppatori, questa appe: "combina decenni di ricerca ed esperienza, test specializzati sulle prestazioni fisiche e mentali e analisi sofisticate per misurare accuratamente i danni dovuti all'alcol, ai farmaci, alla fatica e persino al sottile impatto della marijuana".

(articolo di Johnny Green, pubblicato sulla newsletter della ICBC – International Cannabis Business Conference del 29/11/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori