testata ADUC
Cannabis legale. Il business mondiale del secolo visto dalla Spagna
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
24 marzo 2019 17:44
 
 Uno aveva fumato una canna. Come Bill Clinton. Aveva persino ingoiato il fumo. Come Barack Obama (e altri quattro milioni di persone in Spagna). Ma non sapeva nulla della cannabis. Che è stato coltivata da più di 4000 anni fa. Cresce in tutto il pianeta. Fu usata in medicina fino al XX secolo. La Convenzione unica delle Nazioni Unite sugli stupefacenti (la bibbia del proibizionismo sulle droghe) la collocò nel 1961 allo stesso livello di pericolo dell'eroina. E nella lista di cento sostanze ci sono i cannabinoidi, la maggior parte dei quali sono inesplorati dalla scienza. Decenni di stigmatizzazione di questa pianta hanno reso difficile farla studiare chimicamente, a differenza degli oppioidi, il cui impiego medico è salito alle stelle negli Stati Uniti, provocando una catena di dipendenza, un'epidemia (e una bolla farmaceutica) causando 60.000 morti anno. Più che la guerra del Vietnam.

Oggi, paradossalmente, alcuni dei gruppi più all'avanguardia nello studio della cannabis nel mondo sono in Spagna, dove, al contrario, il loro uso medico e ricreativo è proibito. E né il governo uscente né i precedenti hanno mai dato il minimo segno di cercare di regolarla. Non c'è mai stata una massa critica di pressioni politiche. Né mobilitazioni per strada. Nessun consenso sociale. Nessuna leadership, una sottocommissione parlamentare sponsorizzata da Ciudadanos y Podemos per promuovere la sua regolamentazione si è data da fare al Congresso prima di nascere. E nel frattempo le cose hanno cominciato a muoversi in tutto il mondo. La marijuana sta uscendo allo scoperto.
Resta un estraneo. Proprio a partire dagli anni Sessanta (grazie al farmacista israeliano Raphael Mechoulam) sanno che nella sua struttura dominano due principi attivi: THC (responsabile colocón) e CBD (che non è psicoattivo, ma ha molte applicazioni terapeutiche). "L'equilibrio tra i due è fondamentale per il benessere dei consumatori. Ad esempio, per essere liberi da episodi psicotici, che possono essere il più grande pericolo di questa pianta, che, però, non uccide per overdose come la morfina ", ha detto Manuel Guzman, professore di Biochimica presso l'Università Complutense di Madrid e unacelebrità nel mondo della cannabis globale: "Quando lo consumi, è importante sapere che cosa stai prendendo, che varietà, in quale quantità e conoscere la sua tracciabilità. E quali effetti collaterali e interazioni hai. E questo si ottiene con una regolamentazione severa; con un prodotto standard, sicuro, controllato, ben confezionato ed etichettato. E di qualità farmaceutica. In Spagna esiste un mercato normalizzato intorno alla cannabis. Ma è deregolamentato perché è illegale. È la legge più violata nel nostro Paese. E questo è molto pericoloso per chi l’acquista nel mercato nero. E il consumatore non sa cosa prende. Parlo, per esempio, di pazienti. Di 120.000 persone in Spagna con sclerosi multipla, epilessia, cancro o dolore cronico che se l'autogestiscono. E delle migliaia che aspirano a farlo. Hanno bisogno del meglio. E a loro viene negata mentre, invece, vengono loro prescritti oppioidi. Questi sì che uccidono".

Quello che si sa è che dalla legalizzazione inarrestabile del suo uso medicinale e ricreativo (soprattutto in Canada e negli Stati Uniti, ma con uso terapeutico in aumento nell'UE, dall 'Italia alla Portogallo e Germania) è emerso un business succulento a livello globale che prevede di spostare nel 2025 circa 50.000 milioni di euro in tutto il mondo. E 5.000 milioni in Spagna. Intorno a questa cornucopia viene creato un settore che in cinque anni è passato dalla illegalità a valori stratosferici. E dove grandi società di distribuzione, capitalizzazioni alimentari, bevande, tabacco, farmaci, software, biotecnologie e fertilizzanti, da Coca-Cola a Philip Morris o Pernod, stanno prendendo posizione.

Nessuno vuole perdere la febbre dell'oro verde. Non si parla di cammelli, intrallazzi, caldaie in casa o cioccolato fatto in proprio, ma un nuovo settore economico, tra cui l'industria medica, il tempo libero e il benessere, che ha già 75 milioni di consumatori legali (l'ONU stima che il numero di utenti regolari in qualcosa di più di 200 milioni) e inizia ad avere genetisti, chimici, psicologici, contabili, avvocati, comunicatori, lobby e fondi di investimento.
Affari puri. Tutto deve essere fatto. Per cominciare, soddisfare la domanda. Il punto più debole della nuova attività. Come la mancanza di un team di gestione. E professionisti con competenze in ogni fase del processo, agricolo, industriale e commerciale. Le proiezioni del profitto assimilano le entrate del business della marijuana quando raggiunge la maturità a quella dell'industria della birra. I finanzieri dicono che è la più grande innovazione del mercato dalla nascita di Amazon.
Nella riscoperta scientifica di questa pianta, il cambio di percezione della società verso il suo uso e il suo boom economico, è stata l'autorizzazione chiave a soli cinque mesi del suo consumo in Canada. È il primo Stato a regolarlo nel suo insieme (medico e ricreativo) dopo l'Uruguay (nel 2013). Con una differenza: il Canada, icona di progressismo e modernità, ha uno dei più alti PIL in tutto il mondo, fa parte del G8, ha una popolazione di 37 milioni di abitanti (con 5 milioni di consumatori di cannabis) e un fatturato intorno alla marijuana che supera già i 6.000 milioni di euro. Il suo modello normativo è più liberale, più focalizzato sul business e la riscossione delle tasse (che rappresentano la metà del fatturato) rispetto al modello statale uruguaiano. Il modello capitalista domina anche negli Stati Uniti, dove in 33 Stati il ??suo uso medicinale è legale, e in 10, come a Washington DC, quello ludico (chiamato anche adulto). Oggi la cannabis impiega 160.000 persone negli Stati Uniti.

Il Canada non ha perso tempo. Seguendo il modello della Norvegia nel settore petrolifero. Non si tratta più di pompare petrolio grezzo o di far crescere milioni di piante, ma di creare un'industria. "Avere la conoscenza e brevetti (ce ne sono più di 600 in questo settore)", come Eduardo Muñoz, professore di Immunologia e fondatore di VivaCell, una piccola società di biotecnologie per indagare le capacità farmacologiche della cannabis nelle malattie neurodegenerative. Questa compagnia è stata acquisita da Emerald, una multinazionale canadese di marijuana.
Il Canada ha preso il controllo del business. E' dotato di capacità, con una ventina di aziende con una struttura verticale che copre l'intero processo di business della cannabis, dalla scientifica alla logistica industriale e agricola: dalla coltivazione alla raccolta, l'estrazione, la purificazione, la produzione in diverse forme (fiori secchi, oli e capsule di gelatina) e la loro distribuzione attraverso dispensari, farmacie, club o pagine web (anch'essi di proprietà).
Tutto nelle mani di una manciata di multinazionali. Nuovi oligopoli. La creazione di nuove varietà botaniche rigorosamente registrata (e che sono vittime anche di spionaggio industriale) che acquisisocono e promuovono le coltivazioni dalla Colombia a Malta e alla Grecia, e dalla Siria passando per il Portogallo, Andalusia e Murcia (per non parlare di Cina, con piantagioni la dimensione di 10.000 campi del calcio), e lubrificano i loro macchinari per il giorno in cui il consumo ricreativo in tutto il mondo sarà legalizzato dopo quello medicinale (che rappresenta solo un terzo delle entrate).
Sarà la grande opportunità. In simbiosi con l'industria del tabacco e dell'alcol, che ha canali di distribuzione; gli strumenti del marketing, della pubblicità e del design e le lobby per fare lobby tra i politici. Insieme potranno trasformare la cannabis nel business della storia.

La Spagna viene lasciata fuori dal gioco. "Potremmo essere la grande piantagione d'Europa, la California del Sud", Pedro Perez, presidente dell'associazione di cannabis La Santa, a Madrid, fondata nel 2011, una delle più antiche e perseguitate dalla polizia. Soprattutto dalle sentenze della Corte suprema e della Corte costituzionale tra il 2015 e il 2018 contro questo tipo di club di consumatori di cannabis, che hanno portato alla chiusura di centinaia di essi. "Sappiamo come farlo; abbiamo il sole e la tradizione e le migliori banche del seme, e abbiamo dato una lezione con le nostre associazioni, il che significava un impegno per una regolamentazione responsabile, ma siamo ancora bloccati dai divieti. Può essere un'occasione persa."
La più potente compagnia di cannabis al mondo è Canopy, creata in Canada nel 2014 e con una capitalizzazione di mercato di oltre 15.000 milioni di euro. Il suo principale azionista è American Constellation, una delle più grandi aziende produttrici di bevande al mondo. Canopy ha una presenza monopolistica nell'UE attraverso una serie di accordi e acquisizioni in Spagna, Germania, Danimarca e Repubblica Ceca. A seguire, in base al valore della borsa, Tilray, con i rapporti con la società farmaceutica Novartis e partecipata dal primo produttore di birra mondiale, Anheuser-Busch InBev. E dietro, Aurora (il più grande produttore di marijuana, 500 tonnellate all'anno), Cronos (il cui azionista è Altria, il proprietario del Marlboro tabacco) e una dozzina di altre aziende che non hanno il valore della quota inferiore ai 1.000 milioni di euro.

I prodotti che offrono hanno poco a che fare con il vecchio hashish di Ketama che i legionari portavano in Spagna negli anni settanta. È arrivata una nuova generazione di prodotti. Varietà di laboratorio, lavoro dei virtuosi della genetica che attraversano le migliori piante di tutti i continenti. Da lì creano ibridi più resistenti, produttivi, potenti e di migliore presenza, aroma e sapore. E loro brevettano e battezzano. Personalizzato per ogni utente. A la carte. Con concentrazioni stratosferiche di THC (per l'alto consumo ludico) o CBD (per l'efficacia farmacologica). Mai visto prima.

Una nuova generazione di professionisti è entrata in gioco, gli allevatori, i maghi dell'alchimia della cannabis. Sono i più desiderati dagli oligarchi dell'industria, che pagano per i loro acquisti milionari. Gli allevatori rispondono ad ogni richiesta del mercato. Per il grande pubblico, alla ricerca di una canna a buon mercato, prodotto di base da ipermercato, ed un consumatore selezionato, la marijuana epicureo, già una nicchia rispetto al settore della birra artigianale.

"Ho intenzione di fare la marijuana Vega Sicilia", dice Sergio Gonzalez, allevatore e capo della associazione di cannabis Nuestra Señora del Agua, Saragozza, e presidente della piattaforma di collegamento delle asociazioni, la lobby per la legalizzazione della cannabis, la cui anima ispiratrice è l'avvocato di Madrid Bernardo Soriano.

Sergio González ha 35 anni e ha la barba da Rasputín; ha studiato telecomunicazioni, ha lavorato presso Google e coltiva da 17 anni. Mentre parliamo, circondato da vasi di nuove varietà, fumo Rosin, uno dei più puri estratti di cannabis con una concentrazione di THC del 80%. In grado di abbattere un elefante. Lo produce lui stesso. "Ho un profilo aziendale. E io lavoro per rendere questo professionale. Di fronte alla regolamentazione, in Spagna abbiamo conoscenze che nessuno ha. Veniamo dall'illegalità, ma siamo necessari."
- Perché?
- Perché le associazioni di cannabis hanno bisogno di coprire una domanda che sta sfuggendo loro di mano. E non sanno come farlo. Qui succederà come con la tecnologia e gli hacker, che non avevano una formazione accademica, ma avevano interesse, passione, conoscenza pratica e conoscevano tutti i trucchi. E infine Telefónica e le altre multinazionali hanno dovuto assumere i loro vecchi nemici per coinvolgerli. Questo sta accadendo con le nostre banche del seme a Barcellona o Malaga, una ventina di ditte (come Positronics Seeds o CBD Crew) che sono passate dalla non-legalità a fatturare tra 10 e 20 milioni e rappresentano un terzo del business mondiale delle sementi. La Spagna può diventare l'asilo nido del mondo.
- Così tanto?
- 90% di ciò che viene venduto nei coffee shop nei Paesi Bassi proviene da Granada, Almería, Murcia o Catalogna. E l'Uruguay si è sviluppato qui. E in Germania, che non ha capacità produttiva, stanno aspettando la nostra marijuana. Ci sono enormi raccolti illegali in Spagna. Di una dozzina di ettari a Teruel. E di 25.000 o 30.000 piante sulle pendici di montagne e navi abbandonate. E le coppie che sono pagate in affitto e luce per coltivare. L'azienda è lì. Devi sbrigarti. Il problema è che le aziende farmaceutiche lo sanno. Dobbiamo creare in Spagna un modello di economia sociale a beneficio di tutti e non solo di Wall Street.
- Come dovrebbe essere il modello di regolamentazione della cannabis in Spagna?
Dovrebbe essere basato su diritti civili o affari puri e semplici? Con l'accento sulle entrate fiscali dell'industria, un rapporto di David Pere Martínez Oró, coordinatore dell'Unità di politica antidroga dell'Università autonoma di Barcellona, ??conclude che lo Stato spagnolo oggi avrebbe entrate per più di 3.300 milioni di euro all'anno in tasse e contributi alla sicurezza sociale. Quella cifra supera il budget per la salute di Castilla-La Mancha.

Pablo Iglesias, leader di Podemos, l'unica organizzazione politica impegnata in una regolamentazione globale, non accetta di essere ritratto con una canna sulle labbra, ma ammette di averne fumate durante i suoi anni universitari: "Ma non mi ha fatto bene. Preferisco alcune birre. E io non sono orgoglioso. Quelli dell'alcool non possono dare lezioni a quelli della marijuana. Fumare una canna è come andare in un bar e bere qualcosa. Non di più, non di meno."
Curiosamente, nelle argomentazioni di Iglesias per sostenere la legalizzazione in Spagna, le ragioni economiche prevalgono sui diritti fondamentali. "Sono convinto che ci sarà una regolamentazione, soprattutto se formiamo un governo con Pedro Sánchez dopo le elezioni. È una questione trasversale in cui potrebbero essere coinvolti anche i cittadini. La legalizzazione medica è giustizia. Il problema non è più questo, ma dobbiamo farlo prima di altri Paesi. Farlo ora! Se siamo pronti, la Spagna potrebbe avere grandi entrate operative e fiscali. Strapperemmo il business ai narcos. E permetterebbe alla polizia di fare qualcos'altro. La Spagna potrebbe essere come il Canada ma in Europa: un punto di riferimento. E per ottenere ciò favorisce tutti e non quattro milionari delle industrie farmaceutiche ".
- Non ci sono prove scientifiche per giustificare che la cannabis è una medicina. Siamo un'organizzazione tecnica. E che il governo del momento decida.
Il paradosso è che, mentre l'Agenzia ha rigettato completamente l'uso medicinale della cannabis, nell'ottobre 2016 ha autorizzato l'impianto di cannabis per uso terapeutico per l'esportazione ad un'azienda spagnola con una lunga tradizione nella produzione di oppioidi per uso farmaceutico. È l'azienda più importante al mondo nella coltivazione del papavero da oppio e nella sua trasformazione in derivati ??dell'oppio. E il suo ingresso nel settore della cannabis è, di gran lunga, l'operazione più importante svolta in Spagna nel settore della marijuana. Nacque nel 1934 importando e trasformando l'oppio e nel 1973 divenne un'industria integrale: dal campo all'industria farmaceutica. Oggi produce un terzo della morfina che viene consumata in tutto il pianeta. Si chiama Alcaliber. Dietro c'è il milionario Juan Abelló.

Abelló, 78 anni, non rilascia interviste. Ma il capo di Alcaliber, José Antonio de la Puente, è d'accordo. È il miglior esempio dei nuovi tempi del business della cannabis. Non gira vestito con la sola camicia. È un avvocato specializzato in finanza, impeccabile nel suo abito grigio personalizzato e con un piglio professionale. Dall'estate 2018 Alcaliber non è più di proprietà di Abelló, ma del fondo britannico GHO Capital, domiciliato nelle Isole Cayman e specializzato in investimenti nel settore sanitario. Tuttavia, in una brillante operazione parallela, lo stesso giorno in cui Alcaliber vendette, Abelló fondò Linneo Health, che custodisce quella licenza unica e preziosa concessa dall'Agenzia dei medicinali per coltivare e produrre cannabis in Spagna. Una miniera d'oro.
Nel settembre 2017, aveva già concluso un accordo con Canada Canopy, la prima multinazionale della marijuana, per fornire materie prime e il principio attivo purificato della cannabis per uso farmaceutico per tre anni. "È la naturale evoluzione della nostra azienda; un'altra linea di business", spiega De la Puente. "Abbiamo sempre fornito grandi laboratori. Abbiamo esportato più del 90%. Siamo i più importanti al mondo negli oppiacei e ora vogliamo esserlo per la cannabis. La nostra sfida è trasformare questa pianta con proprietà farmaceutiche in qualcosa di standard per l'industria, per la Germania, il Canada e gli Stati Uniti. E in futuro, metteremo noi stessi questi estratti in spray o in una capsula di gelatina, svilupperemo le nostre varietà e faremo l'intero processo. "
- Come hanno ottenuto il permesso di coltivare cannabis in Spagna dall'Agenzia, quando aveva già negato più di cento licenze dal 2016 e alcune, come Phytoplant, stanno aspettando?
-Siamo un'azienda farmaceutica, non agricola, che è ciò che abbonda in questo settore che nasce. Siamo un'industria e abbiamo piantagioni. Abbiamo già una serra delle dimensioni di otto campi da calcio. Ma agire in questo business richiede una grande qualità. Ce l'abbiamo. È un business molto regolamentato, molto discreto, perché lavori con un prodotto atipico. Abbiamo esperienza e attrezzature. E sappiamo come farlo secondo i più alti criteri farmaceutici di qualità, sotto la certificazione GMP (Good Manufacturing Practices). Abbiamo cinque anni di anticipo rispetto alla nostra concorrenza sulla cannabis. Giochiamo in un altro campionato.
Nel marzo 2018, Linneo Health ha ricevuto 1.500 cloni donati dalla Canadian Canopy. Sono arrivati ??in contenitori discreti con luce e temperatura regolata. L'azienda ha già effettuato il suo primo raccolto, che è in fase di estrazione e purificazione nel suo stabilimento di Toledo. "Alla fine di quest'anno potremo consegnare al nostro cliente un prodotto valido e approvato. La migliore cannabis. "
Il suo cliente non è esattamente Canopy, ma la sua filiale tedesca, il distributore di cannabis medicinale Spektrum. In questi tre anni, grazie a Canopy, Linneo Salute ha imparato il mestiere e la Germania, che nel 2017 ha legalizzato l'uso medico della cannabis, ha raggiunto la copertura della sua forte domanda, finanziato dalla sicurezza sociale; le proiezioni si attestano a un milione di consumatori ogni anno. La Germania (con un modello di regolazione medica che potrebbe essere usata anche in Spagna) ha creato un'Agenzia della cannabis non coltivata, ma ha selezionato le aziende che usano rigidi standard "e controlla la coltivazione, la produzione, la raccolta, l'elaborazione, la qualità, imballaggio e distribuzione di cannabis presso i grossisti, le farmacie e i produttori. Solo la cannabis di qualità farmaceutica è autorizzata per essere fornita alle farmacie", secondo il direttore dell'agenzia tedesca, Werner Knöss.

Carola Pérez ha 40 anni e ha un enorme triangolo equilatero con cicatrici sulla schiena. È il risultato di 13 operazioni. Fin dall'infanzia ha vissuto con dolore. Era agganciata alla morfina. Oggi è presidente dell'Osservatorio spagnolo della cannabis medicinale e dirige l'associazione Dosemociones, dei consumatori terapeutici di marijuana. Fai crescere le tue piante e dormi grazie a THC. È l'icona della regolamentazione medica in Spagna e la confronta con il ruolo svolto da Pedro Zerolo nella legalizzazione dei matrimoni tra persone dello stesso sesso. Al suo fianco nella lotta, un'altra donna, Araceli Manjón-Cabeza, professoressa di diritto penale e direttrice della cattedra di Drug Siglo XXI dell'Università Complutense di Madrid. Carola Pérez dice: "La torta sarà distribuita dalle grandi corporazioni. E quelli che l'hanno coltivata nell'illegalità e hanno creato nuove varietà, e sono stati in prigione, potranno essere lasciati fuori al momento della gloria. La lobby farmaceutica ha molto potere. E la lotta contro la cannabis non è stata professionale o politica. Ora siamo organizzati per promuovere un regolamento responsabile. E la prossima legislatura deve essere quella giusta. Non è un capriccio. Non si tratta di mettere me stesso. È solo questione di sopravvivenza."

Il governo uscente, guidato da Pedro Sánchez, apparentemente non è stato così chiaro riguardo alla certezze di Iglesias. La legalizzazione non è stata sulla tua tabella di marcia. Aduna recente interrogazione parlamentare del Comitato dei Cittadini per governo sulla possibile regolamentazione dell'uso medico della cannabis, l'esecutivo ha risposto che le prove scientifiche per la legalizzazione medica "sono insufficienti ed è in attesa che l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) si pronunci in merito".
Di regolamentazione ludica, non una parola. E per quanto riguarda la terapeutica, si è limitata ad attenersi alle opinioni negative dell'Agenzia spagnola dei medicinali, uno degli organismi più opachi dell'amministrazione, refrattario all'uso terapeutico della cannabis, sotto forma di fiori o estratti, con una prescrizione medica. Il che non è lo stesso della cannabis medicinale a base di erbe, approvato solo in una mezza dozzina di Paesi in tutto il mondo, tracui solo uno è legale anche in Spagna, Sativex (per le persone con sclerosi multipla, della multinazionale inglese GW Pharma, il trattamento può raggiungere 30.000 euro all'anno e viene fornito solo con una prescrizione come quella per i narcotici).
Situata in un anonimo edificio appena fuori Madrid e uno staff di 600 persone che costituiscono l’Agenzia dei farmaci, è diretta dal dottore di Farmacia María Jesús Lamas, ed è responsabile per autorizzare tutti i farmaci e monitorare il settore in Spagna. Compresi i narcotici. "Il nostro compito è determinare il rapporto rischio / beneficio di ogni nuovo farmaco.

(articolo di Jesus Rodriguez, pubblicato sul quotidiano El Pais del 24/03/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori