testata ADUC
Cannabis legale. In Arizona il primo ristorante per la terapeutica
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
26 settembre 2018 9:09
 
 Il mese prossimo, i pazienti di marijuana medica in Arizona avranno l'opportunità -unica, al momento- di assaggiare i prodotti della prima cucina di cannabis a servizio completo. Il Mint Dispensary, operatore di due grandi dispensari della MMJ nello Stato, ha annunciato di aver recentemente terminato la costruzione di una cucina commerciale nella loro sede di Tempe. Il dispensario, che aprirà le sue porte il 5 ottobre, offrirà menu per colazione, pranzo e cena - e ogni piatto sarà infuso con una miscela personalizzata di cannabinoidi, in dosi accuratamente misurate di 10 milligrammi o più.
Il menu della cucina è stato creato dall'Executive Chef Carylann Principal, un sopravvissuto al cancro che spera di condividere la sua conoscenza della marijuana medica e della relativa alimentazione con altri che potrebbero soffrire di disturbi simili. "La nostra cucina è unica nel suo genere", ha detto in una nota. "È un luogo in cui l'arte incontra la scienza. Oltre a comprendere la varietà di sapori che diversi ceppi di cannabis possono aggiungere a qualsiasi piatto, stiamo anche calcolando attentamente le dosi di cannabis personalizzate. Non stiamo solo offrendo cibi deliziosi e freschi, ma stiamo anche rispondendo alle esigenze nutrizionali spesso complesse dei pazienti che vivono con una vasta gamma di malattie".
"La nostra industria continua ad evolversi ad un ritmo esponenziale", ha dichiarato il CEO di Mint Dispensary Eivan Shahara. "Abbiamo verificato un grande bisogno insoddisfatto da parte dei pazienti che visitavano regolarmente il nostro dispensario; stavano cercando di accedere a cibi freschi e sani a base di cannabis. Sappiamo che i giusti tipi di cibi sani possono aiutare le persone a combattere una varietà di malattie, dal cancro all'epilessia, al Parkinson e all'Alzheimer. Usiamo le nostre conoscenze su cibo e nutrizione per aiutare i pazienti nella ricerca di spuntini freschi e sani e pasti infusi".
Il menu comprenderà una vasta gamma di offerte, che vanno dai cibi semplici come hamburger, pizza, tacos e mac e formaggio a buchi dentro ciambelle, muffin e banana’s bread. La cucina offrirà anche succhi di frutta, espresso e una varietà di dessert tra cui gelato e pasticcini. Il menu completo andrà online quando la cucina sarà ufficialmente aperta. La società prevede di iniziare a organizzare eventi speciali, come compleanni, matrimoni e funerali entro la metà di novembre, e offrirà anche corsi domenicali di cucina durante le festività natalizie.
Questi pasti saranno disponibili dalle 8:00 alle 22:00, sette giorni su sette, ma solo per i pazienti registrati in Arizona che hanno un’autorizzazione valida per il consumo di cannabis medica. Per gli eventi di catering, il dispensario richiederà anche che ogni persona servita presenti una carta MMJ in corso di validità. La cucina non consentirà di consumare i prodotti alimentari sul posto, al fine di evitare che i commensali tornino a casa quando una potente dose di THC o altri cannabinoidi psicoattivi inizino a fare effetto. I pazienti registrati che desiderano gustare pasti a base di cannabis medica appena cotti devono optare per la consegna a domicilio, o ritirare il loro ordine di persona.
Solo una domanda: fino a dove arriveranno?

(articolo di Chris Moore, pubblicato sulla rivista Merry Jane del 25/09/2018)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori