testata ADUC
Il cambiamento climatico renderà fertili milioni di ettari delle attuali zone fredde del Pianeta
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
13 febbraio 2020 14:12
 
 Con l'avanzare del riscaldamento globale causato dai cambiamenti climatici, enormi quantità di terra ora sterile diventeranno fertili per l'agricoltura. Uno studio ha proiettato la vitalità di diverse colture negli scenari climatici più probabili. Alla fine del secolo, in ampie porzioni della taiga siberiana, le foreste boreali canadesi e i pendii delle grandi catene montuose potranno essere seminati grano, soia, patate o mais. La cattiva notizia è che, così facendo, la biodiversità si perderebbe e enormi quantità di carbonio verrebbero rilasciate nell'atmosfera.
Uno degli effetti più evidenti dei cambiamenti climatici è il trasferimento di tutti i tipi di specie vegetali e animali a latitudini sempre più a nord e in quantità sempre maggiori. Accade anche con l'agricoltura. Un gruppo di ricercatori ha stimato la futura vitalità di 12 delle principali colture nelle aree geografiche in cui il freddo oggi impedisce loro di fruttificare. Tra questi riso e palma a grano e arachidi, oltre a manioca, canna da zucchero o cotone.

Il lavoro, pubblicato sulla rivista scientifica PLoS ONE, parte dalla gamma termica che questi prodotti supportano e la proiettano in due dei più probabili scenari climatici, uno in cui le emissioni sono ridotte secondo gli accordi di Parigi e un altro estremo, in cui non viene fatto nulla per mitigarle. Qualunque sia il futuro, entro la fine del secolo la maggior parte di queste colture potrà essere piantata più a nord e più in alto rispetto ad oggi.
"Le aree oggi non adatte all'agricoltura, lo saranno probabilmente nei prossimi 50 o 100 anni", afferma il professore di Geomatica all'Università di Guelph (Canada) Krishna Bahadur. Nello scenario più probabile, secondo la combinazione di diversi modelli climatici, il riscaldamento renderebbe circa 1,5 miliardi di ettari più vitali per almeno una coltura. Quelle che potranno espandersi maggiormente saranno grano, patate e mais.

La metà della terra guadagnata si trova all'interno dei confini di Russia e Canada, con oltre 400 milioni di ettari per Paese. Sarebbero coltivabili anche gran parte delle Montagne Rocciose, la catena montuosa che attraversa il Nord America da cima a fondo, la parte meridionale delle Ande e vaste aree dell'Asia centrale. A causa dei cambiamenti nei modelli di umidità, per l’agricoltura verrebbero guadagnate ampie strisce adiacenti ai deserti africani e australiani, ma su queste previsioni c'è una maggiore incertezza. Sebbene l'area totale sia più piccola, in termini relativi spicca che il nord dei Paesi nordici e le Alpi potrebbero sostenere almeno due delle colture principali.
 In uno scenario senza riduzione delle emissioni, almeno una coltura potrebbe essere piantata in aree blu, in particolare grano,
patate o mais. In quelle rosse, due o più.


Il fatto che così tante nuove terre - nuove frontiere agricole le chiamino gli autori dello studio - diventino fertili non significa che finiranno per essere coltivate. Secondo l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO), sul Pianeta ci sono circa 4.400 milioni di ettari adatti all'agricoltura, sebbene solo 1.500 milioni siano effettivamente coltivati. E proprio per questo, gli autori dello studio dedicano la seconda parte del loro lavoro per determinare i rischi e le conseguenze della coltivazione di così tanti ettari.

"Lo sviluppo dell'agricoltura in vaste aree dei confini settentrionali rilascerebbe quantità allarmanti di carbonio nel suolo", afferma l'ecologista Lee Hannah, capo dei cambiamenti climatici dell'organizzazione Conservation International e coautore dello studio. Sulla base di ricerche precedenti, gli autori di questo lavoro stimano che tra il 25% e il 40% di tutto il carbonio intrappolato nella terra, e che non è mai stato toccato, potrebbe essere rilasciato nell'atmosfera nei primi cinque anni dopo la sua tangibilità. Secondo i loro calcoli, fino a 177.000 milioni di tonnellate di carbonio potrebbero fuoriuscire in un breve lasso di tempo. Ciò equivale alla CO2 totale che gli Stati Uniti emetterebbero in 119 anni al ritmo odierno.

L'emissione di così tanto gas potrebbe avere un effetto amplificante: nel nord delle nuove frontiere agricole c'è una grande striscia di terra permanentemente congelata, il permafrost. Il suo disgelo è una delle più grandi paure degli scienziati, a causa della grande quantità di metano che contiene, e si tratta di un gas serra 25 volte più potente della CO2. "La conversione della terra potrebbe generare un ulteriore riscaldamento regionale che accelererebbe lo scioglimento dei suoli di torba congelati, accelerando ulteriormente il cambiamento climatico", avverte Hannah.

Ci sono altri due danni collaterali dall'espansione dell'agricoltura a nord. Circa 1,2 miliardi di persone dipendono dall'acqua che scorre attraverso queste aree. L'introduzione delle colture, con i loro fertilizzanti e pesticidi, comporterebbe rischi per la qualità dell'acqua. Più importante è anche l'impatto sulla biodiversità. Almeno 1.361 delle cosiddette aree chiave della biodiversità sarebbero colpite se tutte le nuove terre fossero coltivate.
"Molte di queste aree sono state protette perché non vi era alcun interesse agricolo in esse", ricorda il ricercatore dell'Università di Vigo (Spagna) Juan Antonio Añel, che ha esaminato l'articolo scientifico. Añel ricorda quello che è successo decenni fa con la regione amazzonica e come i processi regionali, come il progredire del bestiame e dell'agricoltura, abbiano avuto e abbiano un impatto globale. Ora, osserva, "due Paesi dominano gran parte dell'area interessata e le loro politiche possono condizionare il bilancio globale del carbonio".

(articolo di Miguel Angel Criado, pubblicato sul quotidiano El Pais del 13/02/2020)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori