testata ADUC
Cambiamento climatico. Dopo l’Islanda, la Svizzera ha perso uno dei suoi ghiacciai
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
25 settembre 2019 14:17
 
 Come in Islanda qualche settimana fa, la Svizzera ha commemorato domenica, con una lunga "marcia funebre" in montagna, la scomparsa di uno dei ghiacciai alpini più studiati, Pizol, sotto l'effetto del riscaldamento globale. Circa 250 persone, alcune delle quali vestite di nero, hanno raggiunto dopo due ore di cammino ai piedi l'antico ghiacciaio vicino Liechtenstein e Austria, a circa 2.700 metri sul livello del mare.

Pizol è evaporato sotto l'effetto del riscaldamento globale
"Siamo qui per dire" arrivederci "a Pizol", ha detto alla folla Matthias Huss, un glaciologo dell'Istituto Federale Svizzero di Tecnologia di Zurigo, mentre Eric Petrini, parroco di Mels, ha detto che il ghiacciaio, lo chiamò "per aiutare Dio a far fronte all'enorme sfida del cambiamento climatico". La cerimonia si è tenuta alla vigilia del vertice speciale delle Nazioni Unite sul clima a New York ....
 (lo stato del ghiacciaio, dall'alto in basso, nel 2006, 2017 e 2019)-AFP

La montagna piange i suoi ghiacciai
In Svizzera, il Pizol "ha perso così tanto della sua sostanza che, da un punto di vista scientifico, non è affatto un ghiacciaio", ha spiegato all’agenzia AFP Alessandra Degiacomi, dell’Associazione svizzera per la protezione del Clima, una delle ONG che ha partecipato al il funerale. I partecipanti, inclusi i bambini, hanno deposto fiori, ma nessuna targa commemorativa, contrariamente a quanto hanno fatto gli islandesi il 18 agosto, in ricordo di Okjökull, il primo ghiacciaio dell'isola che ha perso il suo status. Ma in Svizzera come in Islanda, due Paesi noti per i loro ghiacciai, la preoccupazione degli scienziati è la stessa di fronte al riscaldamento globale.
 
"Dal 1850, si stima che ci siano più di 500 ghiacciai svizzeri completamente scomparsi", di cui solo 50 avevano un nome, ha detto all’AFP Huss, pochi giorni prima della cerimonia. "Quindi Pizol non è il primo. Ma può essere considerato il primo ghiacciaio svizzero che scompare, tra quelli che è stato studiato molto bene", cioé dal 1893, ha affermato.
Il rapporto è chiaro: dal 2006 ha perso dall'80 al 90% del suo volume. Rimangono solo 26.000 mq di ghiaccio, "meno di quattro campi da calcio", ha detto Huss. Secondo la Swiss Glamological Surveys Network (Glamos), Pizol apparteneva alla categoria dei ghiacciai molto piccoli, che rappresentano quasi l'80% del numero totale di ghiacciai svizzeri. Situato ad un'altitudine relativamente bassa (da 2.630 a 2.780 metri sul livello del mare), dipendeva dalla quantità di neve accumulata in inverno.
Come il Pizol, circa 4.000 ghiacciai alpini, attrazioni turistiche che forniscono anche acqua a milioni di persone in estate, probabilmente si scioglieranno di oltre il 90% entro la fine del secolo se non accade nulla e sono viene fatto il giusto per ridurre le emissioni di gas a effetto serra responsabili del riscaldamento globale, secondo uno studio dell'Istituto Federale di Tecnologia di Zurigo.
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori