testata ADUC
Le automobili autonome porteranno a maggiori imbottigliamenti
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
4 novembre 2019 13:50
 
L'auto autonoma, che dovrebbe essere condivisa tra gli utenti, dovrebbe logicamente ridurre la quantità di veicoli sulle strade, secondo i suoi promotori. Non solo, ma dovrebbe anche semplificare il traffico e ridurre la congestione. Secondo uno studio del 2017, solo il 5% delle auto autonome sulle strade sarebbe sufficiente per evitare la formazione di ingorghi.
Questo roseo scenario è tuttavia rimesso in discussione da un nuovo studio dell'Università di Adelaide (Australia) pubblicato su Urban Policy and Research.
I ricercatori hanno intervistato più di 500 persone sul loro comportamento nei confronti della propria auto e ne hanno tratto le conseguenze sul traffico. La maggior parte dei futuri utenti dell'auto autonoma si allontanerà dal trasporto pubblico, aumentando il traffico. In secondo luogo, i passeggeri preferiscono guidare molto tranquilli e soli nel loro veicolo piuttosto che condividere il viaggio con uno sconosciuto. "Alla fine, ciò potrebbe aumentare il flusso di veicoli durante i periodi di punta e aggravare la congestione nei prossimi 30 anni", avvertono gli autori.
A febbraio, i ricercatori dell'Università della California avevano previsto questo tipo di effetto perverso. Avevano dimostrato che i proprietari di auto autonome preferiscono lasciarle circolare per le strade piuttosto che pagare le tasse di parcheggio. I migliori progressi tecnologici faranno fatica a superare l'egoismo degli umani.

(articolo di Céline Deluzarche, pubblicato su Futura-Sciences del 03/11/2019)
 
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori