testata ADUC
Allarme clima. Summit San Francisco. Le decisioni
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
17 settembre 2018 10:32
 
 I negazionisti del clima negli Stati Uniti, con il loro presidente in testa, hanno ricevuto un doppio schiaffo la settimana scotrsa. Uno su ogni costa. Nello stesso momento in cui l'Atlantico stava ricevendo l'uragano Florence - un fenomeno meteorologico sempre più intenso e frequente a causa del riscaldamento globale - nel Pacifico oltre 4.000 persone hanno affrontato soluzioni al problema, ignorando le politiche della Casa Bianca.
Il Global Climate Action Summit, tenutosi settimana scorsa a San Francisco, è sembrata, a volte, una conferenza contro le politiche ambientali di Donald Trump. È stato un forum pieno di pubblicità che approfondisce gli impegni di Parigi per evitare che la temperatura del pianeta salga di oltre due gradi, il che avrebbe conseguenze terribili. Ma è stato anche un messaggio due mesi prima delle elezioni al Senato degli Stati Uniti. Un messaggio sia all'interno che all'esterno: sebbene gli Usa abbiano annunciato di ritirarsi dall'accordo della COP21, la maggior parte della sua popolazione, le sue città, i suoi Stati e le grandi compagnie hanno la ferma intenzione di lottare per il loro impegno.
"Gli americani sono molto più intelligenti del loro presidente. Ecco perché 38 Stati americani, con la guida del governatore Jerry Brown [della California, promotore del summit] e altri, insieme a Sindaci di tutto il Paese, stanno adottando energie rinnovabili. Non hanno lasciato Parigi ", ha detto John Kerry, ex Segretario di Stato.
È lo spirito della piattaforma We Are Still In (siamo ancora all'interno), che afferma che oltre 3.500 leader di tutto il Paese (2.120 grandi imprenditori e investitori, 281 città e contee, 344 università, 39 istituzioni culturali, 26 strutture sanitarie, 31 gruppi religiosi, 10 Stati e nove tribù), che rappresentano 169 milioni di persone, continueranno il percorso di una transizione energetica verso un mondo senza emissioni di carbonio, qualunque cosa accada nella Casa Bianca. L'ex vicepresidente Al Gore, pieno di energia, era incaricato di ricordare che il presidente che seguirà a a quello attuale nel 2020 sarà ancora in tempo per annullare la decisione di Trump di uscire dall'accordo di Parigi. "Abbiamo la volontà politica, che è una risorsa rinnovabile", ha proclamato.
Nonostante la grande presenza di democratici al summit, diversi partecipanti hanno sottolineato l'idea che il cambiamento climatico non è una questione partigiana. Il più significativo è stato il repubblicano James Brainard, Sindaco di Carmel (Indiana): "Qualunque sia la festa, tutti vogliono bere acqua pulita e respirare aria fresca. Dobbiamo prendere sul serio gli scienziati; fare l'opposto non ha nulla a che fare con i valori conservatori. Il presidente ama parlare di un grande Paese e un grande Paese mostra leadership in problemi critici come il cambiamento climatico. E i grandi governatori lasciano il Paese in condizioni migliori di come lo hanno trovato. Nonostante Washington, la gente del nostro Paese farà il necessario".
In un tema come il cambiamento climatico, che non smette di dare brutte notizie, questo summit è stato anche un'iniezione di ottimismo. Annunci come quello di 27 grandi città, che sono riuscite ad iniziare a ridurre le emissioni di gas ad effetto serra, gli impegni delle aziende per pratiche più sostenibili e le grandi donazioni per combattere il riscaldamento globale, hanno aiutato il tutto.
Uno dei messaggi che volevamo trasmettere al mondo è che la lotta contro il cambiamento climatico non è contraria allo sviluppo. Che un'economia verde non è un peso, ma un motore di crescita. Secondo uno studio presentato al summit, oltre ai benefici per la salute e l'ambiente, una transizione ecologica può fornire 26.000 miliardi di dollari di benefici economici fino al 2030, generare 65 milioni di posti di lavoro e oltre 2,8 miliardi prodotti da questi posti di lavoro; tutti dollari in entrata per i governi.
Ma l'incontro ha avuto anche il suo lato B, con le proteste in strada da parte di gruppi ambientalisti. Hanno criticato "l'ipocrisia" del governatore della California, che allo stesso tempo si è impegnato a far usare al 100% al proprio stato energia pulita nel 2045, m ha ricevuto più di nove milioni di donazioni di petrolio e consentito oltre 20.000 perforazioni nella ricerca di greggio.
Alcuni gruppi indigeni hanno anche affermato di essere le vittime delle decisioni prese sul clima, dal momento che sono le più colpite da un riscaldamento globale che non hanno provocato. Al contrario, affermano di essere i migliori guardiani delle foreste, dal momento che le terre che salvaguardano soffrono tra due e tre volte meno la deforestazione. Uno studio presentato al summit sostiene che le sue foreste catturino 300 miliardi di tonnellate di anidride carbonica, 33 volte le emissioni mondiali per produrre energia in un anno.

(articolo di Pablo Linde, pubblicato sul quotidiano El Pais del 16/09/2018)


Gli annunci principali del summit
La transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio richiede cambiamenti. Diffile trovare buoni propositi in più rispetto a quanto annunciato al summit di San Francisco. Questi sono solo alcuni di essi:
- Più di 70 grandi città, dove abitano qualcosa come 425 milioni di persone, si sono imegnate per raggiungere la “neutralità carbone” entro il 2050.
- 12 regioni, tra cui la Catalogna, la Lombardia, la Scozia e lo stato di Washington, dove vivono più di 80 milioni di persone che rappresentano più del 5% del PIL mondiale, si sono impegnate ad avere il 100% per cento delle flotte di veicoli pubblici con zero emissioni entro il 2030, coinvolgendo 23 grandi aziende internazionali con un reddito totale di oltre 470.000 milioni di dollari.
- 26 città con 140 milioni di abitanti compreranno solo autobus a emissioni zero a partire dal 2025.
- 488 aziende provenienti da 38 Paesi hanno adottato metodi per ridurre le emissioni in linea con l'accordo, quasi il 40% in più rispetto allo scorso anno a Parigi. A titolo di esempio, Levi Strauss & Co. ha fissato l'obiettivo di ridurre le emissioni di 90% in tutte le strutture gestite in proprio e di un 40% nella loro catena di fornitura entro il 2025. Insieme, queste più di 480 aziende generano 10 trilioni di dollari.
- Una nuova alleanza che collega più di 100 organizzazioni non governative, le imprese, i governi statali e locali, i gruppi indigeni e delle comunità locali si è impegnata su un ordine del giorno per la protezione di foreste, alimenti e territorio. Queste iniziative, che coinvolgono più di 100 imprese di forniture, come i supermercati Tesco, si sono impegnati a lavorare con le varie organizzazioni per fermare la deforestazione e la perdita di vegetazione nativa nel Cerrado, in Brasile.
- Aziende come Wal-Mart e Unilever si sono impegnate nel Progetto di Restauro Sabah, circa 4.000 ettari nei bacini del fiume Sugut, Tawau e Kinabatangan in Malesia.
- L’Ecuador, in collaborazione con la Norvegia e la Germania ha annunciato un'iniziativa pro-Amazzonia di 50 milioni per conservare 13,6 milioni di ettari di foreste tropicali.
- Nove grandi fondazioni filantropiche si sono impegnate con circa 400 milioni di euro nei prossimi cinque anni per proteggere le foreste tropicali.
- 34 governatori (l'equivalente in Spagna per i presidenti delle comunità autonome o in Italia per le Regioni) provenienti dai cinque continenti hanno firmato un accordo con le comunità indigene che vivono nei loro territori per salvaguardare le loro foreste e collaborare attivamente per la loro protezione.
- Quasi 400 investitori che gestiscono $ 32 trilioni di asset si sono assunti la responsabilità di accelerare ed espandere i flussi finanziari per azioni favorevoli alla salvaguardia del clima e costruire un'economia globale più sostenibile e basso tenore di carbonio.
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori