testata ADUC
Accelera la scomparsa delle specie. Allarme degli scienziati
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
8 giugno 2020 13:32
 
L'estinzione dell'Olocene, conosciuta anche come la sesta estinzione di massa, è effettivamente in corso. Durante dell'ultimo secolo, migliaia di specie in via di estinzione sono scomparse grazie alle conseguenze dirette o indirette dell'attività umana e questo fenomeno continua ad accelerare, irreversibilmente che inevitabilmente. Nel fragile equilibrio di ciascun ecosistema, la scomparsa di una singola specie può portare al collasso di quelli che dipendevano da essa, con un effetto palla di neve su cui abbiamo perso tutto il controllo. Tuttavia, c'è ancora spazio per l'azione. E, come sottolineano gli scienziati in un nuovo studio, pubblicato sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences, la necessità di agire è urgente.

La corsa all’estinzione
"I nostri risultati evidenziano l'estrema e urgente necessità di attuare azioni globali per salvare i sistemi vitali e fondamentali dell'umanità", scrivono i ricercatori nella presentazione del loro studio. Tutto il gruppo scientifico ha studiato lo stato di oltre 29.400 specie di vertebrati terrestri, ritenendo che quelli che contano meno di 1.000 individui sono minacciati di estinzione. Le 515 specie che soddisfano questo criterio rappresentano solo l'1,7% del campione dei ricercatori, ma in realtà corrispondono a un quarto delle specie per le quali erano disponibili dati esaustivi sulla distribuzione e sulla popolazione. Tra questi, più della metà ha meno di 250 individui in totale. I risultati rivelano anche che gli uccelli sono i primi ad essere colpiti, seguiti da anfibi, mammiferi e rettili.
Mentre la cartografia delle specie minacciate di estinzione imminente si sovrappone a quella delle regioni ricche di biodiversità e fortemente influenzate dall'attività umana (aree subtropicali in prima linea), le specie con 1.000/5.000 individui hanno una buona distribuzione geografica più globale. Vi sono anche sovrapposizioni tra queste specie e quelle più minacciate, suggerendo che l'imminente scomparsa di una causa l'indebolimento dell'altra. "L'estinzione genera estinzioni", affermano i ricercatori.
Al giorno d'oggi, il tasso di estinzione delle specie è di diverse centinaia, anche diverse migliaia di volte superiore al tasso normale. "Invece di nove estinzioni previste [tra il 1900 e il 2050], 1.058 specie si estingueranno nel 2050, scrive la squadra. Le specie che si estingueranno in questi 150 anni avrebbero impiegato 11.700 anni a scomparire con un tasso naturale di estinzione". Secondo un recente rapporto delle Nazioni Unite, un quarto delle specie del mondo sono minacciate di estinzione imminente, la maggior parte delle quali è destinata a verificarsi nei prossimi decenni.

L’attività umana in discussione
Queste sparizioni sono il risultato di una vasta gamma di attività umane, dalle più ovvie a quelle più discrete. La deforestazione, la zootecnia, l'agricoltura e l'estrazione contribuiscono al degrado e alla notevole riduzione del territorio di molte specie, mentre l'inquinamento atmosferico, marittimo e terrestre disturbano le variabili ambientali come la temperatura, pH dell'acqua o precipitazioni. Ma possiamo anche menzionare la massiccia scomparsa degli anfibi, in gran parte causata dalla diffusione del discreto ma micidiale cistido Batrachochytrium dendrobatidis, un fungo parassitario spesso trasportato da un habitat all'altro a bordo dei nostri camion e sotto le suole delle nostre scarpe.
A poco a poco, gli ecosistemi vengono bloccati, incapaci di mantenere il sottile equilibrio che solo la diversità e la specializzazione delle specie possono garantire. Dalla distruzione di queste fragili specie, necessarie per la nostra sopravvivenza, all'attuale crisi sanitaria potenzialmente legata al traffico e al consumo di animali selvatici, "questa crisi di estinzione, proprio come le crisi dell'inquinamento e del clima a cui è collegato, confronta la civiltà con una minaccia esistenziale, affermano i ricercatori. La sua grandezza e i probabili impatti sul benessere umano sono in gran parte sconosciuti ai governi, al settore privato e alla società civile". Ritengono quindi che spetti alla comunità scientifica adottare le misure necessarie per informare le autorità e il pubblico e arginare l'estinzione prima che sia troppo tardi. "Possiamo ancora agire, ma la finestra di opportunità è quasi chiusa. Dobbiamo salvare ciò che possiamo o perdere la possibilità di farlo per sempre".

(articolo di Emma Hollen, pubblicato su Futura-Planète del 03/06/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori