testata ADUC
300.000 donne muoiono ogni anno durante il parto. Gli errori
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
15 luglio 2020 17:58
 
 E' determinante chiarire di cosa muoiono le donne incinte, cosa le uccide durante il parto e subito dopo. Solo in questo modo si potrebbe sapere se sia possibile salvarle. Più di 300.000 muoiono ogni anno, il 99% nei paesi poveri dove, inoltre, è più difficile conoscerne le cause. Per questo motivo, un gruppo di esperti ha avviato una ricerca in Mozambico nel 2003. Dieci anni dopo, hanno ripetuto l'esperienza e i risultati appena pubblicati su Lancet Global Health rivelano che in quasi il 40% dei decessi si è verificato un grave errore diagnostico clinico e che, con la dovuta cura, molti avrebbero potuto essere evitati.

"Il modo migliore per risolvere le cause della mortalità materna è stato quello di fare autopsie complete e all'Ospedale Centrale di Maputo vengono fatte regolarmente", spiega Clara Menéndez, direttrice dell'Iniziativa per la salute materna, infantile e riproduttiva dell'ISGlobal - centro promosso dal Fondazione laCaixa— e primo autore dello studio. Tra novembre 2013 e marzo 2015, 136 madri sono morte in questo centro sanitario, 91 sono state studiate da un team di patologi che hanno determinato che il 45% è deceduto per cause ostetriche e il 56% per altre complicanze indirette, la maggior parte delle quali infezioni.

I ricercatori del team guidato dal patologo della Clinica Ospedaliera e dal ricercatore ISGlobal Jaume Ordi hanno confrontato i loro risultati con le diagnosi cliniche e hanno trovato "discrepanze", scrivono nel loro studio. Nel 2003 funzionano, in oltre il 60% dei casi. "Dieci anni dopo abbiamo verificato con frustrazione che le cose non erano cambiate molto, perché il tasso di errore era del 40%", afferma Menéndez per telefono. "Molte di quelle che hanno avuto convulsioni sono state trattate come eclampsia [la forma più grave di malattia ipertensiva della gravidanza] e in realtà erano altre infezioni, malaria, HIV, meningite ... Se la diagnosi fosse stata corretta, avrebbero potuto essere salvate", dice.

"Il numero crescente di donne incinte che hanno partorito in strutture sanitarie nei paesi a basso e medio reddito, che è passato dal 58% nel 1990 al 78,3% nel 2016, non ha portato alla prevista riduzione della mortalità materna". Le cause di tante migliaia di donne che muoiono ancora durante il parto sono diverse, compresi i ritardi nella decisione di cercare assistenza o il ritardo nel raggiungere un centro sanitario. "Non si tratta solo di ottenere di più dagli ospedali, ma di prendersi cura di te", aggiunge Menéndez.

Che questo livello di errore si verifichi in un ospedale come Maputo, con professionisti qualificati e strumenti diagnostici, secondo Menéndez, è dovuto al fatto che non si presta sufficiente attenzione alla conoscenza delle vere cause di morte e all'utilizzo di tali informazioni per migliorare l'attenzione. "Non è solo una questione che questi paesi siano poveri; con pochi mezzi puoi cambiare, ma devi essere consapevole del problema", insiste il ricercatore.

I risultati, ritiene Menéndez, possono essere estrapolati in altri paesi. Sebbene riconosca che questo tipo di studio non è possibile in altri a causa della mancanza di patologi, ritiene che conoscere gli errori sia il primo passo per salvare la vita di molte di queste donne. Ma riconoscere i fallimenti è molto difficile e farli conoscere non è sempre politicamente conveniente, dice l'esperto. Ma solo così, ripete, sarà possibile sfruttare "l'enorme margine di miglioramento per evitare le morti materne, perché molti sono evitabili con pochi mezzi finanziari".

"Ciò che scoraggia è che queste informazioni non vengono raccolte, e non raggiungono la persona che deve prendere le decisioni corrette." E conclude: "Non succede nulla per riconoscere gli errori. In medicina è così che si impara".

(articolo di Aljandra Agudo, pubblicato su Planeta Futuro/El Pais del 15/07/2020)
 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori