testata ADUC
Liberalizzazione del mercato dei farmaci da banco e senza obbligo di prescrizione
 
I cosiddetti farmaci OTC (dall'inglese "Over The Counter", o da banco) e farmaci SOP (Senza Obbligo di Prescrizione) sono medicine che possono essere acquistate senza la ricetta del medico. Rientrano tra questi farmaci molti analgesici quali l'aspirina e l'ibuprofene (es. Moment), medicine contro la febbre (es. tachipirina), molti antistaminici, antiacidi e lassativi.
Mentre in altri Paesi (Stati Uniti in primis) questi farmaci sono in vendita nelle farmacie, nei supermercati, nelle alimentari, negli autogrill, ed in qualunque esercizio commerciale che ne faccia richiesta, in Italia le farmacie hanno il monopolio su questo mercato. Come solitamente accade in situazioni di monopolio, e' il consumatore che paga il prezzo piu' alto per il privilegio di pochi.


Perche' chiediamo la liberalizzazione del mercato dei farmaci OTC e SOP

Trasparenza dei prezzi. Chiedi il prodotto meno caro, il farmacista guarda sul suo schermo e ti da la risposta. Tutto bene, sennonche', vai in un'altra farmacia e alla stessa domanda rispondono con farmaco e prezzo diverso. Nei supermercati, invece, i farmaci sarebbero uno accanto all'altro, con i prezzi visibili, e quindi la scelta e' libera da parte del consumatore.

Reperibilita'. Facciamo un esempio. E' domenica sera, sei in autostrada e sei colto da bruciori di stomaco, o da un banale mal di testa, o forse da un attacco di allergia. Non hai scelta. Devi uscire dall'autostrada, avventurarti nel primo paesino o citta' alla disperata ricerca della farmacia di turno. Negli Stati Uniti, al contrario, tu non dovrai fare altro che fermarti al prossimo autogrill, dove troverai farmaci contro l'acidita', analgesici e antistaminici accanto alle bibite e agli snack.
Negli Usa, i medicinali da banco sono inoltre disponibili nei supermercati (in ogni citta' ce n'e' uno aperto 24 ore su 24), nei benzinai, nelle piccole alimentari, nelle edicole, ecc. Sempre negli Usa, i medicinali da banco possono essere ordinati online con consegna a casa anche entro le 24 ore.

Riduzione dei prezzi. Il monopolio garantito alle farmacie impedisce l'instaurarsi della concorrenza fra piu' distributori dei farmaci OTC e SOP, con riflessi negativi sui prezzi, non basati sulla concorrenza in un mercato competitivo, ma determinati da un meccanismo retributivo della farmacia che si basa sul valore dei farmaci.
Per capire meglio cosa potrebbe significare per le tasche degli italiani la fine del monopolio della vendita dei farmaci da banco nelle farmacie, facciamo solo alcuni esempi. In Inghilterra i prezzi dei farmaci da banco sono diminuiti del 30% da quando e' stata introdotta la liberalizzazione della distribuzione. Ma il confronto piu' significativo e' col mercato Usa, dove da sempre i farmaci da banco si acquistano ovunque:.

Sintomo
(ingrediente attivo)
Nome (numero pasticche)
Prezzo confezione/Prezzo pasticca
Differenza
di prezzo
Usa
Italia
Dolore
(aspirina)
Cvs Aspirin (100)
Euro 1,54 / 0,016
Bayer Aspirina (10)
Euro 4,50 / 0,45
Italia +2712%
Dolore
(ibuprofene)
CVS Ibuprofin (750)
Euro 6,65 / 0,009
Moment (12)
Euro 4,50 / 0,375
Italia +4060%
Febbre
(paracetamolo)
Cvs Acetaminophen (100)
Euro 5,64 / 0,056
Tachipirina (20)
Euro 4,00 / 0,2
Italia +257%
Allergia
(difenidramina cloridrato)
Cvs Allergy Caps. (200)
Euro 10,05 / 0,05
Aliserin (20)
Euro 5,90 / 0,295
Italia +490%
Stomaco
(omoprazene)
Prilosec (42)
Euro 23,21 / 0,553
Omeprazen (14)
Euro 26,97 / 1,926
Italia +248%
Lassativo
(bisacodil)
Cvs C-Lax (90)
Euro 6,18 / 0,069
Confetti Falqui (20)
Euro 4,50 / 0,225
Italia +226%
Anti-diarrea
(loperamide)
Cvs Caps (96)
Euro 13.15 / 0,137
Immodium (10)
Euro 5.70 / 0,57
Italia +316%


Perche' molti farmacisti si oppongono alla liberalizzazione del mercato dei farmaci OTC e SOP

1. Il risparmio dei cittadini sarebbe minimo, in quanto il mercato dei farmaci OTC e SOP e' solo 10-11% della spesa farmaceutica degli italiani.
2. La vendita dei farmaci da banco nei supermercati risponde ad un fatto meramente economico da parte della grande distribuzione, che cerca di recuperare perdite del 3 per cento diversificando maggiormente i prodotti nei supermercati. In altre parole, come denuncia la campagna pubblicitaria di un'associazione di farmacisti, "C'e' chi, con la promessa degli sconti, vorrebbe vendere le medicine insieme ai surgelati e alle merendine".
3. Gli OTC e SOP sono farmaci a tutti gli effetti di cui si puo' abusare senza consultare un farmacista.
4. Le farmacie sono presenti in modo capillare sul territorio nazionale, con una grande ampiezza di orari, permettendo ai cittadini di trovare sempre una farmacia aperta.
5. Il 60% degli italiani preferisce comprare i farmaci da banco in farmacia.


Perche' queste argomentazioni non sono convincenti

1. Come abbiamo mostrato nel confronto con gli Usa, il risparmio sarebbe tutt'altro che risibile. Ma ammesso e non concesso che il risparmio dei cittadini sia minimo, non e' certo questo un buon motivo per eliminarlo del tutto.
2. E per quale motivo, se non quello economico, hanno fatto delle farmacie dei veri e propri mini-market che vendono scarpe, giocattoli, creme di bellezza, rossetti, vibratori, ecc.?
3. Non vi e' dubbio che si puo' abusare dei farmaci OTC e SOP, come si puo' abusare di moltissimi prodotti oggi in vendita nei supermercati (ad esempio alcool, nutella, cibi ad alto contenuto di colesterolo, di grassi, o di zuccheri). Mangiare una bistecca cruda puo' avere gravi ripercussioni sulla salute. Ma questo non significa che questi prodotti debbano essere venduti solo da dietologi.
E poi, quando mai vi e' capitato che un farmacista si rifiuti di vendervi un'aspirina?
4. Nessuno mette in discussione che la rete di farmacie sia capillare. Vogliamo solo che entri in competizione con altri esercizi commerciali a vantaggio del consumatore. In una grande citta', come in un piccolo paese, l'aspirina potra' essere acquistata in farmacia, ma anche al supermercato, all'alimentari, all'edicola, al tabacchi o al bar (dove, peraltro, e' gia' in vendita un farmaco OTC quale l'Alka-Selzer).
5. E' molto probabile che questo 60% non sia al corrente del fatto che paga un'aspirina 28 volte in piu' di un cittadino statunitense. Ma anche se il 60% degli italiani volesse continuare a comprare l'aspirina in farmacia, perche' impedire all'altro 40% di farlo altrove e a prezzi notevolmente piu' bassi?


Perche', a nostro avviso, molti farmacisti si oppongono alla liberalizzazione del mercato dei farmaci OTC e SOP
Per difendere gli interessi ed i privilegi della propria corporazione.

Proposta di legge dell'Aduc
Per questo motivo abbiamo presentato una proposta di legge per la liberalizzazione della distribuzione dei farmaci da banco. Qui la relazione ed il testo della proposta:
********************

Petizione
*************

 
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori