(Da 1 a 6 di 6)  
7 ottobre 2015 8:10 - Dilon
A distanza di 5 anni solamente non posso che concordare con il commento espresso da paolo5270 il 9 dicembre 2010, alla luce dei fatti accaduti tra il 2010 e il 2015. Vorrei sottolineare che forse la chiesa cattolica ha dimenticato il libero arbitrio, come tanti cattolici. Io sono un cristiano battezzato, ma visti gli abusi ed illeciti commessi da importanti rappresentanti della chiesa cattolica uno per tutti il caso del San Raffaele di Milano, ritengo che gli istituti di cura dovrebbero essere seriamente controllati (da sempre), altrettanto le case farmaceutiche.
24 giugno 2013 11:47 - piero3258
Purtroppo qualunque testamento del genere, in assenza di una legge, rischia di essere vanificato da una diagnosi psichiatrica di depressione che permette un TSO (trattamento sanitario obbligatorio), peggiorando la qualità della vita con psicofarmaci devastanti. Il business della farmacologia non ha rispetto per nulla, nemmeno per la morte.
Anche l'amm. di sostegno, data in genere per motivi mentali, è un boomerang se l'incaricato non può o non vuole fare guerra al sistema, perché facilita la psichiatrizzazione della rassegnazione alla morte, equiparandola al suicidio. A volte purtroppo il suicidio è l'unica via di fuga al cannibalismo della medicina.
Sul tema la posizione ufficiale della Chiesa risente del fatto che molte cliniche sono in mano ad enti di derivazione ecclesiastica. La ricerca della buona morte, che era lo scopo di tanti ospizi fondati da religiosi, ha ceduto il passo all'ideologia dominante ispirata dal business.
30 aprile 2011 20:32 - lucillafiaccola1796
carissima Marilina mi spiace tantissimo per la ùtua situazione. purtroppo gli u-mani sono l'unica specie animale che tortura ed assassina.
sono loro i primi a non creder a Zio! è solo una scusa per tenere per lep i creduloni. se esistesse Zio che chiamano pater monio, ci vorrebbe bene e non ci farebbe né ammalare né morire...certo anche la natura da cui hanno copato zio non è certo empatica, non si mette nei panni della sua carne. e purtroppo i malvagi non pagheranno mai. pinochet è morto a 92 anni nel suoi bel lettino servito e riverito. e am me mi rode tanto ilc!
30 aprile 2011 5:51 - shugar
certi puttanieri e pedofili nel governo e chiesa ancora si arrigano il diritto di decidere per 60.000.000 di italiani come gestire il fine vita ecc., continuino pure cosi' che un giorno si troveranno senza adepti e si ficchino i loro dogmi in quel posto
30 dicembre 2010 21:38 - Marilina
Basta con l'ipocrisia!
Ho mio padre affetto da neoplasia tumorale al colon.
Colpito da ictus. (Lo drogano pesantemente con il gardenale che per chi' non lo sapesse e' un fenobarbiturico). Mobilizzato su una sedia a rotelle. Vive in una casa di cura. Pensione di invalidita' e accompagnamento euro novecento. Retta
millecinquecento euro al mese gia' convenzionato (senno' sarebbero duemilacinquecento)..mia mamma non arriva a fine mese e io ho finito i soldi!..Che vita e' per lui a ottant'anni..una vita di lavoro..per cosa e in nome di quale dio? E' facile professare la fede cristiana e la carita' e mettiamoci pure la medicina la scienza..date un qualcosa agli scienziati per la ricerca..?! Buffonate..fate vivere le persone a tutti i costi..ma vi siete mai chiesti.. se loro vogliono vivere? Il diritto di scelta.
La vita va' vissuta..certo..! Ammesso e concesso che uno lo voglia.
9 dicembre 2010 11:20 - paolo5270
Bravi ragazzi!! E'così che si salva la dignità dell'essere umano e della "persona" in particolare. Non riesco a capire perché i cristiani "credenti" (e non solo) debbano imporre le loro autolesionistiche regole del "piffero" (eufemismo) a tutti. Se vogliono soffrire lo facciano per conto loro e sulla loro pellaccia. Lascino libero il prossimo di scegliere. Che facciano astinenza sessuale, che siano fedeli, che usino pure su di loro il "cilicio", e che si diano anche delle martellate sui coglioni, ma per favore che non lo impongano agl'altri!!! Azzo!!!
  (Da 1 a 6 di 6)